Storie

di Roberto Signori

Il primo trans eletto nel New Hampshire arrestato per molestie

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non è durato una settimana: Stacy Laughton, nato Barry Charles Laughton Jr. e primo trans eletto a una carica pubblica nel New Hampshire, è finito in manette con l’accusa di aver molestato e perseguitato una donna già protetta da ordine restrittivo nei confronti dello stesso Laughton. L’arresto, avvenuto il 12 novembre scorso, arriva a pochi giorni dalla sua elezione alla Camera del New Hampshire tra le fila dei democratici.

Laughton, 38 anni, aveva contattato la vittima tramite i social media e secondo il dipartimento di polizia di Hudson non si tratta della sua prima violazione di un ordine restrittivo. Già ad agosto, infatti, Laughton aveva tentato di mettersi in contatto con la vittima, per poi finire in manette il mese dopo. Sorprendentemente — ma in realtà c’è ben poco da sorprendersi — l’episodio non ebbe alcuna copertura mediatica e gli elettori dem rimasero all’oscuro della condotta di Laughton, eletto nel 4° distretto di Nashua. Laughton si è piazzato secondo su quattro candidati, assicurandosi un seggio alla Camera dei Rappresentanti.

Le recenti violazioni degli ordini restrittivi e gli episodi di stalking hanno scoperchiato un vaso di Pandora di precedenti penali del politico trans, che è libero su cauzione per un arresto nel 2021 per abuso del servizio di emergenza pubblico. In quell’occasione aveva chiamato sette volte il 911 esortando gli agenti di polizia a intervenire all’indirizzo di casa sua. In ogni singola occasione gli agenti avevano stabilito che non vi fosse emergenza. Laughton negò ogni volta di aver chiamato il 911, attribuendo la chiamata ad un autore sconosciuto.

Non è finita: scavando nel passato di Laughton è emerso che l’esponente dem era già stato eletto nel 2012, ma si era ritirato prima di entrare in carica dopo che i giornali avevano reso nota una sua condanna a quattro mesi di prigione nel 2008 per furto di identità, frode finanziaria e falsificazione di prove fisiche. A ben vedere nemmeno nel 2015 Laughton era riuscito a tenersi lontano dai guai, finendo in manette per un falso allarme-bomba al Southern New Hampshire Medical Center, dove era in cura per un disturbo bipolare. Riconoscendogli un certo grado di infermità mentale il giudice lo aveva condannato a sei mesi di reclusione, con sospensione della pena.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Così il gender minaccia la libertà

Eccovi un interessante articolo pubblicato su Il Giornale su gender e libertà di opinione

Leggi tutto

Politica

Esempi di informazione

L’informazione e le sue “curiose” notizie

Leggi tutto

Chiesa

Giardini Vaticani; ecco l’immagine della Vergine dei Trentatrè

Inaugurata nel Bastione del Maestro l’immagine della Patrona dell’Uruguay

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Giugno dedicato all’apostolo Pietro

Nella Basilica di San Pietro dopo gli “itinerari mariani” dedicati alla Madonna nel mese di maggio, ecco che per tutto giugno si vivrà una nuova esperienza con quattro appuntamenti dedicati all’apostolo Pietro

Leggi tutto

Società

Rugby: banditi i trans dalle gare femminili

L’IRL ha affermato che era una sua responsabilità bilanciare il diritto dell’individuo a partecipare con il rischio percepito per gli altri partecipanti e garantire che tutti ricevano un’equa udienza.

Leggi tutto

Storie

19 Luglio 1992: Grazie a Paolo Borsellino

Ci sono giornate che non si possono dimenticare, vi sono personaggi che magari non hai mai avuto la fortuna di incontrare ma che ti restano in fondo al cuore. Te ne raccontano i nonni, i genitori e tu racconterai di personaggi come loro ai tuoi figli e magari anche ai tuoi nipoti. Uno di quei giorni è il 19 Luglio, uno di quei pochi personaggi che non bisogna mai dimenticare si chiamava (anzi si chiama), Paolo, Paolo Borsellino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano