Storie

di Roberto Signori

Migrazioni ed Europa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il mio lavoro? Trovare persone da portare in Italia”. A “Quarta Repubblica” parla un t rafficante di migranti che organizza i viaggi in mare verso l’Europa. “Siamo in quattro, ognuno di noi ha un compito - spiega -, lavoro solo con i tunisini perché gli africani si fanno arrestare più facilmente e raccontano quello che facciamo”. L’uomo, intervistato dal programma di Rete 4, spiega che non ci sono differenze tra le persone che si rivolgono a lui sperando di arrivare illegalmente in Europa: “Tutti hanno un motivo per andare via - dice -, i ricchi, i ricercati, chi vende oro e i propri ulivi per procurarsi il denaro”. Per l’uomo, le migrazioni non finiranno anche se, qualora dovessero diminuire, anche il suo business potrebbe avere delle perdite: “La Tunisia prende soldi per contenere i migranti e l’Europa dà soldi alla Tunisia, anche per farli tornare”.

Molte delle persone che decidono di rivolgersi a lui, sono ricercati o espulsi più volte: “Conosco una persona che è stata espulsa sette volte da diversi Stati europei - dice -, se con i soldi spesi per viaggiare avesse avviato un’attività nel suo paese sarebbe ricco. Sinceramente non mi interessa, io mi occupo solo della sicurezza dei viaggi”. L’uomo, poi, racconta come vengono elusi i controlli: “Molti si fingono pescatori del porto. Se vengono fermati dicendo di essersi riuniti senza nominarci vengono rilasciati dopo qualche giorno e noi riorganizziamo gratuitamente il viaggio. Invece, se parlano, possono dimenticarsi quei soldi perché mi serviranno per pagare gli avvocati”. E sulle strategie del governo italiano per arginare il fenomeno, aggiunge: “Possono chiudere i confini se verranno usate armi o esercito - dice -, ma le persone comunque vorranno andare lo stesso”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Demografia, ecco il vero terrore

Lo Stato Islamico ha rivendicato la strage che a Manchester ha causato 22 morti e 59 feriti, prevalentemente tra i giovani e i giovanissimi che erano andati a seguire il concerto della cantante Ariana Grande. Tra i morti anche una bambina di 8 anni. Nel comunicato di rivendicazione l’Isis afferma: «Uno dei soldati del Califfato ha posizionato ordigni esplosivi in mezzo a un raduno di crociati.

Leggi tutto

Politica

Green pass: oltre 591 milioni di certificati

Mentre proseguono le proteste in tutta Europa contro il Green pass l’Unione Europea va per la sua strada

Leggi tutto

Storie

Ucraina: alloggi e trasporti per i rifugiati in Italia

Proseguono gli arrivi in Italia di persone in fuga dal conflitto in Ucraina. Secondo i dati del Viminale, aggiornati a 36 ore fa, erano 37.447 le persone giunte in Italia: 19.002 donne, 3.298 uomini e 15.147 minori.

Leggi tutto

Storie

OSTIA INSEGNA: DALL’AFRICA NON SOLO PAURA, MA SPERANZA

La cattedrale della città del cardinale decano vescovo di Ostia, spalla del sommo pontefice: è retta da sacerdoti africani, seguaci di Sant’Agostino, Ostia è centro della cristianità e della cultura delle chiese lidensi

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Società

Quale neutralità?

Ritirate le linee guida per una comunicazione inclusiva» redatte dalla Commissione europea, dove si invitava a non utilizzare la parola “Natale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano