Politica

di Roberto Signori

“Bulla”. Rula Jebreal insulta ancora Giorgia Meloni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rula Jebreal continua la sua campagna anti-centrodestra, nello specifico anti-Meloni. La giornalista è stata una delle grandi protagoniste della campagna elettorale, giocando tutte le sue carte per tentare di favorire la sinistra. La paladina dei compagni, infatti, aveva anche tirato in ballo una vecchia storia che riguardava il padre dell’attuale primo ministro, tanto da fare indignare anche pezzi del suo schieramento. Senza pietà, insomma. Ora lo spunto per gettare un po’ di fango contro la leader di Fratelli d’Italia è stato offerto dalla vicenda di Roberto Saviano, lo scrittore a processo per diffamazione.

Il caso dell’autore di Gomorra ha spinto Rula Jebreal a parlare di bullismo e di censura, con tanto di pesanti addebiti a Giorgia Meloni. “Agendo come un autocrate, il primo ministro italiano coglie ogni opportunità per intimidire e denigrare i giornalisti”, le parole della giornalista su Twitter: “I giornalisti che fanno eco alla sua propaganda vengono nominati ministri della cultura e portavoce del governo… mentre i giornalisti che la denunciano vengono minacciati, vittime di bullismo e censurati”. Un post corredato dal video nel quale il primo ministro critica i giornalisti che l’avevano accusata di non rispondere ad abbastanza domande in conferenza stampa.

Accuse strumentali e polemiche sterili, come spesso capita a sinistra. E Rula Jebreal è solita cogliere ogni minima occasione per biasimare senza termini gli avversari. “Razzisti, xenofobi e bigotti”, uno degli affondi registrati negli ultimi tempi. Pochi giorni invece fa era stato il turno del segretario federale della Lega Matteo Salvini. Il motivo? L’aver chiamato Elon Musk in Italia. “Musk è uno dei principali geni innovativi: mi piacerebbe potesse lavorare di più con l’Italia e in Italia”, l’appello del ministro delle infrastrutture e dei trasporti. “Non vedo l’ora di incontrarlo”, la replica dell’imprenditore sudafricano. Un asse che potrebbe portare dei benefici al Paese ma che ha fatto naturalmente storcere il naso a Rula, tanto da definire Salvini “promotore della propaganda russa, di cospirazioni razziste e sotto inchiesta per aver rapito 150 rifugiati”. Definizione piuttosto iperbolica, ma nulla di nuovo nel meraviglioso mondo di Rula Jebreal. Del resto stiamo ancora aspettando l’arrivo del fascismo tanto decantato in campagna elettorale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2022
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

Lo spazio politico al centro

I flussi elettorali hanno provocato un’intensa polarizzazione tra centrodestra verso destra e centrosinistra verso sinistra, ma evidenziano l’esistenza e la resistenza del bacino centrista, riversatosi nel voto alla Lega e nell’astensione. Il centro vale ancora 7 milioni e mezzo di voti, un buon 15%.

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

Politica

NON SCHERZIAMO CON LA LEGGE SCELBA, LASCIAMO LA PAROLA AI MAGISTRATI

Dopo le dichiarazioni in aula parlamentare del Ministro Lamorgese sui fatti di sabato a Roma il clima si è ulteriormente scaldato: Giorgia Meloni, durante il question time odierno, ha subito cavalcato l’evidente debolezza manifestata dal capo del Viminale nel risponderLe per accusare il governo di essere in odore di regime. È evidente che la leader di Fratelli d’Italia stia cercando di buttare la palla in tribuna per evitare di dover rispondere nel merito di una linea politica ambigua su tanti temi e questioni: dai vaccini al rapporto con le frange più radicali della destra italiana passando per i cosiddetti temi eticamente sensibili, sbandieriate come vessillo elettorale ma in Parlamento mai difeso con la veemenza dei numeri.

Leggi tutto

Società

Ecce Italia, il Paese più vecchio in Europa

Per studiare i cambiamenti demografici e il loro profondo impatto, la ricerca propone un’analisi degli ultimi trend globali e fa il punto sulle debolezze e critiche dell’Italia: i cervelli in fuga e l’essere il paese più anziano d’Europa. Il malessere demografico italiano: la fuga dei cervelli, l’invecchiamento della popolazione e la bassa natalità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano