Storie

di Roberto Signori

/CONGO RD - Arrestate due attiviste per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Due attiviste per la ricerca della pace nel Sud Kivu, nell’est della Repubblica Democratica del Congo, sono state prelevate da un gruppo armato guidato da un ufficiale disertore dell’esercito congolese (FARDC).

Sarah Atosha e Pamela Jannety Mugisha sono state brutalmente arrestate nella tarda mattinata del 26 novembre da un gruppo armato che ha fatto irruzione nel villaggio di Bigaragara nella sala dove si teneva una riunione preparatoria della marcia per la pace prevista per il 1°dicembre. Lo riferisce all’Agenzia Fides il movimento cittadino “Jeunesses Conscientes”.
Responsabili dell’azione - secondo quanto riferisce “Jeunesses Conscientes - sono i ribelli Twigwaneho basati a Kabingu a meno di 15 km a sud-est di Bigaragara.
“Dopo gli attacchi contro la popolazione civile del 10 novembre in diversi villaggi nel territorio di Fizi con l’uccisione di civili, la distruzione dei campi, l’incendio di abitazioni, arresti arbitrari e detenzioni illegali, rapimenti mirati, ecc., da parte della coalizione dei gruppi armati Gumino, Android e Twigwaneho, le due donne hanno intrapreso un’azione di mobilitazione della popolazione civile per l’organizzazione di una marcia pacifica su larga scala per denunciare questi atti barbari con connotazioni tribali a causa delle divisioni comunitarie” afferma Jeunesses Conscientes”.
Le azioni delle mobilitazioni erano iniziate il 12 novembre in diversi villaggi dell’asse sud con l’obiettivo di organizzare la marcia pacifica il 1°dicembre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/11/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Ucraina:  l’aiuto della Chiesa alla popolazione

Una conferenza organizzata da Aiuto alla Chiesa che Soffre fa il punto sulla situazione nel Paese a otto anni dall’inizio delle tensioni

Leggi tutto

Storie

UCRAINA - “Abbiamo bisogno soprattutto di pace oltre che di cibo”

“Qui la vita scorre senza panico, le fabbriche lavorano, il bombardamento dell’aeroporto non ha causato vittime, hanno colpito un vecchio magazzino in disuso, e nessuno sa il perché. Ormai ci siamo abituati a correre sottoterra nei rifugi”. Sono questi alcuni degli aggiornamenti riportati da padre Mikola Orach, OFM conv., a Leopoli.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “Non portate l’umanità alla rovina”

Dopo il Regina Coeli, Papa Francesco ha rivolto un nuovo appello per la fine della guerra in Ucraina,

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Udienza generale - Catechesi: Il Viaggio Apostolico in Kazakhstan

Papa Francesco ha dedicato la catechesi dell’udienza generale al recente viaggio apostolico nel Paese asiatico: ho trovato un luogo in cui si dà valore alla pace e fratellanza, dove politica e religione hanno pari dignità e in cui sono state compiute scelte positive come il rifiuto fin da subito delle armi nucleari

Leggi tutto

Storie

Gli scout portano la Luce della Pace

Raccolta dalla lampada sempre accesa nella Grotta della Natività, come accade dal 1986 per iniziativa degli scout austriaci, la fiammella simbolo di riconciliazione da Vienna viene portata in tutta Europa, in Ucraina e nel mondo. Sabato 17 dicembre, in piazza del Campidoglio, è stata distribuita da dieci associazioni scout italiane e in questi giorni viaggia in treno per tutta la penisola

Leggi tutto

Storie

Nigeria: rapiti tre seminaristi

Il sequestro, di cui ha dato notizia ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’, sarebbe avvenuto in seguito ad un attacco di uomini armati, nel quale sono rimasti feriti altri sei studenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano