Storie

di Nathan Algren

Migranti, Italia con Grecia, Malta e Cipro “Navi Ong violano le regole”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“L’Italia, la Grecia, Malta e Cipro, in quanto Paesi di primo ingresso in Europa, attraverso la rotta del Mediterraneo centrale ed orientale, si trovano a sostenere l’onere più gravoso della gestione dei flussi migratori nel Mediterraneo, nel pieno rispetto di tutti gli obblighi internazionali e delle norme dell’UE”. Così il ministro dell’Interno italiano Matteo Piantedosi e gli omologhi di Malta e Cipro e il ministro della Migrazione e dell’asilo della Grecia in una nota congiunta.

“Abbiamo sempre sostenuto con forza la necessità di sviluppare una nuova politica europea in materia di migrazione e di asilo, realmente ispirata ai principi di solidarietà e responsabilità, e che sia equamente condivisa tra tutti gli Stati membri.

Il 10 giugno 2022, abbiamo approvato una Dichiarazione Politica che istituisce un meccanismo di relocation temporaneo e volontario, nonostante i Paesi MED 5 sostenessero uno schema di relocation obbligatoria - prosegue la nota -. Purtroppo, il numero di impegni di relocation assunti dagli Stati membri partecipanti rappresenta solamente una frazione molto esigua del numero effettivo di arrivi irregolari che abbiamo ricevuto finora nel corso di questo anno”.

“Inoltre, a tutt’oggi il meccanismo si è dimostrato lento nel raggiungere il suo obiettivo dichiarato di alleviare quell’onere a cui tutti noi, come Stati membri di prima linea, siamo costantemente esposti, in quanto finora solo un esiguo numero di relocation è stato effettuato. Tutto ciò è increscioso e deludente, soprattutto in questo momento in cui i nostri Paesi devono affrontare sempre più frequentemente una pressione migratoria che sta mettendo a dura prova il nostro sistema di asilo e di accoglienza - spiegano i ministri di Italia, Grecia, Malta e Cipro -. In attesa di un accordo su un meccanismo di condivisione degli oneri che sia efficace, equo e permanente, non possiamo sottoscrivere l’idea che i Paesi di primo ingresso siano gli unici punti di sbarco europei possibili per gli immigrati illegali, soprattutto quando ciò avviene in modo non coordinato sulla base di una scelta fatta da navi private, che agiscono in totale autonomia rispetto alle autorità statali competenti.
Ribadiamo la nostra posizione sul fatto che il modus operandi di queste navi private non è in linea con lo spirito della cornice giuridica internazionale sulle operazioni di search and rescue, che dovrebbe essere rispettata. Ogni Stato deve effettivamente esercitare la giurisdizione e il controllo sulle navi battenti la propria bandiera”.

“Nel pieno rispetto delle competenze degli Stati costieri in conformità con il diritto internazionale, riteniamo urgente e necessaria una discussione seria su come coordinare meglio queste operazioni nel Mediterraneo, anche garantendo che tutte queste navi private rispettino le pertinenti convenzioni internazionali e le altre norme applicabili, e che tutti gli Stati di bandiera si assumano le loro responsabilità in conformità con i loro obblighi internazionali. Chiediamo alla Commissione Europea e alla Presidenza di adottare le misure necessarie per avviare tale discussione”, conclude la nota.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Politica

Curiosità sul G20

Vaccini, clima e salute al centro dell’agenda del capi di Stato. In programma oggi il meeting congiunto dei ministri delle Finanze e della Salute per fare il punto sui vaccini e sulla situazione pandemica.

Leggi tutto

Politica

All’Europarlamento l’antiabortista Metsola

L’Europarlamento cambia segno politico: la conservatrice del Ppe, la maltese Metsola, potrebbe incassare anche i voti dei sovranisti

Leggi tutto

Chiesa

Viaggio Apostolico a Malta: Visita alla Grotta di San Paolo

Dopo Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, anche Francesco fa visita alla Grotta di San Paolo, riconosciuta come dimora dell’Apostolo delle Genti, da secoli luogo di culto e meta di pellegrinaggio

Leggi tutto

Politica

LUPO TANTI AGNELLI NIENTE DENTI. CHE PECCATO

La percentuale dei cattolici che non si reca agli scranni elettorali è spaventosamente alta, con un trend in ascesa ad ogni consultazione. La contaminazione dei partiti pronosticata dal Cardinal Ruini è stata un fallimento clamoroso e persino quei pochi eletti nelle file del centro destra contano praticamente nulla. La divisione però è il male maggiore da tempo. A mio modo di vedere è necessario ora più che mai avere un partito valoriale non catalogato in categorie storiche superate da tempo (destra, sinistra, centro), ma arroccato ad un sano popolarismo di sturziana memoria, con radici che succhiano alla linfa essenziale dei valori non negoziabili. Avremmo davvero tutte le forze per contare davvero qualcosa nell’agone politico ed essere l’ago della bilancia.

Leggi tutto

Politica

Crisi Italia-Francia

Alta tensione Italia-Francia sul tema migranti. L’Eliseo ha deciso di sospendere l’accoglienza prevista di 3.500 rifugiati attualmente nel nostro Paese. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno francese Ge’rald Darmanin, chiedendo a tutti gli altri Paesi partecipanti al Meccanismo europeo, in particolare alla Germania, di fare altrettanto. Una decisione che arriva dopo il caso Ocean Viking: la nave con a bordo 231 migranti, “respinta” da Roma, approderà venerdì mattina al porto di Tolone.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano