Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco: viviamo un periodo cupo e amaro ma Dio guida la storia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Corre alla guerra, alla sofferenza, alle troppe ingiustizie vissute ancora oggi nel mondo, il pensiero del Papa celebrando la memoria della Beata Vergine Maria di Guadalupe. Come cinque secoli fa, “in un momento complicato per gli abitanti del nuovo mondo, il Signore volle trasformare il turbamento che suscitò l’incontro tra due mondi diversi in recupero di senso e di dignità inviando Maria, anche oggi - spiega Francesco - Dio continua a mandare Sua Madre “per consolare e soddisfare i bisogni dei più piccoli, senza escludere nessuno”.

La Vergine che un giorno incontrò Juan Diego sulla collina del Tepeyac, come dopo l’annuncio dell’Angelo si mette in viaggio in fretta incontro al nostro mondo bisognoso e ferito: “Vuole restare con noi, ci supplica di permetterle di essere nostra Madre ed aprire la nostra vita a suo Figlio Gesù, ad accogliere il suo messaggio per imparare ad amare come Lui. Dio infatti - prosegue il Pontefice - guida la storia dell’umanità in ogni momento. “In Gesù, nato da Maria”, osserva il Francesco, “l’Eterno entra nella precarietà del nostro tempo, diviene per sempre, e in modo irreversibile, Dio con noi e cammina al nostro fianco come fratello e compagno. Viene per restare e nulla di ciò che è nostro gli è estraneSanta Maria di Guadalupe, prosegue Francesco, “è la nostra Madre meticcia”, “venuta ad accompagnare il popolo americano nel duro cammino della povertà, dello sfruttamento, del colonialismo socio-economico e culturale”. “È in mezzo alle carovane di chi in cerca della libertà si dirige verso nord, è in mezzo al popolo americano la cui identità è minacciata da un paganesimo selvaggio e sfruttatore, ferito dalla predicazione attiva di un ateismo pratico e pragmatico”.

Quest’anno celebriamo Guadalupe in un momento difficile per l’umanità. È un periodo amaro, pieno di fragori di guerra, crescenti ingiustizie, carestie, povertà e sofferenza. E sebbene questo orizzonte appaia cupo, sconcertante, con presagi di ancor più grande distruzione e desolazione, l’amore e la condiscendenza divini ci dicono che anche questo è un tempo propizio di salvezza, nel quale il Signore, attraverso la Vergine Maria, continua a donarci suo Figlio, che ci chiama alla fratellanza, a mettere da parte l’egoismo, l’indifferenza e l’antagonismo, invitandoci a farci carico “in fretta” gli uni degli altri, ad andare incontro ai fratelli e alle sorelle dimenticati e scartati dalle nostre società consumistiche eapatiche. o perché è uno di noi, vicino, amico, consustanziale con noi in tutto, tranne che nel peccato”. È grande l’attualità della Vergine di Guadalupe. Francesco ricorda inoltre che con oggi inizia nel continente americano la Novena Intercontinentale Guadalupana, un cammino che prepara alla celebrazione del quinto centenario dell’Evento Guadalupano nel 2031. Il Santo Padre esorta quindi i membri della Chiesa in America a partecipare a questo cammino “per il rinnovamento del tessuto sociale ed ecclesiale di questi popoli e comunità”.

Per favore fatelo nel vero spirito di Guadalupe. Mi preoccupano le proposte ideologiche e culturali di vario genere che vogliono appropriarsi dell’incontro di un popolo con la propria Madre, che vogliono demistificare e mascherare la Madre. Per favore, non permettiamo che il messaggio venga distillato in modo mondano e ideologico.

La Vergine, precisa il Papa, “vuole ricordarci che è stato il Vangelo a modellare l’anima dell’America Latina, e che come credenti in Cristo è nostra responsabilità essere testimoni credibili dell’amore di Gesù Cristo e protagonisti decisi nella costruzione di una nuova cultura che si prenda cura, includa e riabiliti”.

Che Gesù Cristo, il desiderato da tutte le nazioni, per intercessione di Nostra Madre di Guadalupe, ci conceda giorni di gioia e di serenità, affinché la pace del Signore abiti nei nostri cuori e in quello di tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/12/2022
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il 28 aprile Papa Francesco sarà a Venezia

Il Papa visiterà il Padiglione della Santa Sede alla Biennale d’Arte, presso il Carcere Femminile della Giudecca, e incontrerà la Comunità Ecclesiale del Patriarcato

Leggi tutto

Media

Un abbonamento per il Papa

Papa Francesco dice in un’intervista che legge “solo Repubblica”. Noi gli offriamo un abbonamento gratuito a La Croce.

Leggi tutto

Politica

Chi lavora non sia più una riga del bilancio

Questo il tenore del messaggio di Papa Francesco, che apre la 48esima giornata sociale dei Cattolici italiani a Cagliari. “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale” è il tema della giornata sociale, ispirata alla proposta della Evangelii Gaudium. La Cei prende il La dal Papa e si cala nel vissuto quotidiano del Paese. Resta da vedere se la politica ascolterà.

Leggi tutto

Chiesa

Newman fra i beati che volano verso gli altari

L’anglicano tornato a Roma è senza dubbio quello il cui nome spicca, nel decreto firmato ieri mattina da Papa Francesco fra le mani del prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi – Angelo Becciu –. Insieme con la sua, però, progrediscono anche le cause di altri due beati, mentre sono tre i venerabili, prossimi beati, delle cui virtù è stata riconosciuta l’eroicità.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco pellegrino in Ungheria e Slovacchia

Il portavoce Matteo Bruni presenta la 34.ma trasferta del pontificato di Francesco del 12-15 settembre prossimi: “A Budapest pellegrinaggio in onore del Santissimo Sacramento. Un viaggio dalla forte connotazione spirituale. Per cui è bene “evitare di mischiare letture di altro genere a quella più spirituale”, ha detto Bruni, in risposta ad alcune domande dei giornalisti riuniti in Sala Stampa vaticana per la conferenza di presentazione del viaggio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano