Storie

di Roberto Signori

NIGERIA - A sei mesi dalla strage nella chiesa San Francesco Saverio di Owo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A oltre sei mesi dal massacro del 5 giugno nella chiesa San Francesco Saverio di Owo nello Stato di Ondo i nigeriani attendono un processo venga istruito nei confronti delle persone arrestate con l’accusa di essere implicate nella strage (che ha provocato la morte di 40 persone e il ferimento di 80 persone).

Il 9 agosto l’esercito nigeriano aveva annunciato l’arresto di quattro persone accusate della strage nella chiesa cattolica. L’annuncio era stato dato ai media dal Capo di stato maggiore della difesa nigeriano, il generale Lucky Irabor secondo il quale gli arresti erano stati effettuati il 1° agosto. Altre 2 persone erano state arrestate qualche giorno dopo.

“Generale Irabor, la Nigeria sta ancora aspettando” ha affermato Mons. Felix Femi Ajakaye, Vescovo di Ekiti, diocesi vicina a quella di Ondo, in una dichiarazione nella quale si chiede un aggiornamento sulle indagini e sull’avanzamento del procedimento giudiziario nei confronti degli accusati. ““Più che mai le persone che sono state arrestate devono essere mandate a processo ora” ha sottolineato.

Gli arrestati sono presunti membri dell’autoproclamata Provincia dell’Africa Occidentale dello Stato Islamico (ISWAP), anche se nell’immediatezza del fatto si erano levati dubbi sull’attribuzione al gruppo jihadista, che fino a quel momento non aveva assalito uno Stato, come quello di Ondo, così a sud rispetto ai suoi “santuari” nel nord-est della Nigeria, pur avendo già compiuto azioni nel confinante Stato di Kogi.
Il massacro nella chiesa di San Francesco Saverio di Owo non è comunque un evento accaduto senza un preavviso, come affermato in un’intervista al quotidiano Vanguard da Akogun Adetunji Adeleye, comandante della forza locale di sicurezza, Amotekun, secondo il quale la strage “è un grave motivo di imbarazzo per l’intera architettura di sicurezza, soprattutto perché abbiamo messo tutto in atto per prevenire quel particolare incidente”. Adeleye afferma che “l’Amotekun Corps aveva ricevuto un rapporto d’intelligente secondo cui era probabile che si verificasse un simile attacco. Ho incontrato personalmente il comandante della 32a brigata di artiglieria dell’esercito della Nigeria, ad Akure, e siamo andati in pattuglia congiunta in tutte le aree e abbiamo pattugliato la cittadina di Owo e la foresta circostante per sette giorni. Ci siamo ritirati sabato e domenica mattina è successo l’incidente”. Secondo Adeleye non vi sono state complicità tra le forze di sicurezza e gli attaccanti, semplicemente questi ultimi “ci tenevano sotto sorveglianza e hanno agito appena ci siamo ritirati”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/12/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano