Storie

di Giuseppe Bruno

La laicità dello stato in un’epoca di laicismo imperante

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si sente spesso ripetere quasi come un motivo imparato a memoria anche da coloro che dovrebbero essere

i dispensatori della cultura, penso a Docenti e ancor più a Dirigenti, che in nome della laicità dello stato non

si possono trattare temi che hanno a che fare con la religione nelle scuole. Uno tra i più autorevoli obiettori

di questa superficiale affermazione è stato proprio quel Mario Draghi che tanti progressisti sventolano

come bandiera. E lo ha fatto abbastanza recentemente, nel giugno dello scorso anno, quando ancora era in

carica come Presidente del Consiglio. Draghi in quell’occasione, si trattava di prendere posizione riguardo

alla Nota del Vaticano che avanzava riserve di Costituzionalità in merito al ddl Zan, richiamò per precisare

ancora meglio il suo pensiero una sentenza della Corte costituzionale del 1989 la quale recita nel seguente

modo: «La laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è tutela del

pluralismo e delle diversità culturali». Basta solo questa frase per sconfessare tutti i sedicenti educatori di

sinistra che tirano in ballo la laicità dello stato per non trattare argomenti o nell’impedire manifestazioni

che hanno a che vedere col fenomeno religioso nelle loro scuole. Diciamone una per tutte, fare il presepio a

scuola, o ancora fare partecipare alla messa la scuola in particolari ricorrenze. Si dice con notevole

superficialità e altrettanta malafede, da parte di questi “educatori” che tali manifestazioni possano urtare

la sensibilità di studenti appartenenti ad altre etnie e religioni. In realtà ho sempre pensato che urtano solo

la sensibilità dei suddetti educatori, che aborrisce come “medievali” (spesso senza conoscere il reale

concetto di questo termine) tali manifestazioni. Né iniziative di questo genere, mi si consenta,

qualificherebbero come confessionale lo stato e la scuola che le attuasse. Tutt’altro. In realtà per quanto

riguarda il Presepe, rientrando esso in una tradizione culturale fortemente radicata nella nostra storia

sarebbe ben strano invece che la scuola volesse ostentatamente e forzatamente ignorarla. E aggiungo, di

più, sarebbe offensivo nei riguardi degli studenti provenienti da altre etnie, culture e religioni pensare che

essi si offendano; come se io, andando a studiare Al Cairo, pretendessi che non facessero la preghiera del

mezzogiorno o non rispettassero il Ramadan. Anzi magari proprio questi eventi li apprezzerei di più perché

mi farebbero conoscere meglio il Paese che mi ospita. E la Messa? Se la ricorrenza è particolarmente

rilevante e l’utenza la desidera non vedo perché, lasciata alla libera scelta dei genitori o degli studenti, la

scuola non vi possa partecipare. Il discorso è sempre lo stesso: è cultura laica non confessionalità. Il bello è

che poi questi stessi “educatori”, tanto rispettosi delle radici culturali e religiose di genitori e di studenti in

queste occasioni, non hanno, poi, remora alcuna a voler imporre le loro anguste prospettive “culturali” a

tutti gli studenti e genitori in tante altre circostanze a loro più congeniali. Il problema sta proprio qui, la

laicità è una cosa seria ed ha a che fare con la vera cultura, la vera ricerca e la vera educazione. Il laico

rappresenta il filosofo, il libero e corretto pensatore, il quale magari non crede in un Dio di qualche

religione rivelata, ma non esclude dal campo delle sue indagini il concetto di Dio e quindi anche quello di

religiosità. Giustamente non è “indifferente” verso il fenomeno religioso, come recita la sentenza citata da

Draghi, ma nutre verso esso un rispetto pari a qualsiasi altra manifestazione di razionale approdo della

ricerca umana. E ci tengo a sottolineare il “razionale” attribuito dal sottoscritto, non a caso, all’approdo

religioso della ricerca umana. Infatti non è del laico dare dell’irrazionale a chi crede in Dio. Perché il laico

vero, cioè il filosofo, il libero razionale pensatore, sa che esiste ed esisterà sempre una zona d’ombra

inesplorata e da continuare ad esplorare. E per fortuna, direi. Quello che la filosofia classica chiama il

Trascendente, o almeno kantianamente (laicamente) parlando, il Noumeno, l’inconoscibile ed indescrivibile

che, in qualche modo, si trova “al fondo” dei fenomeni che osserviamo, sullo sfondo, “al di là

dell’apparenza”. Tanto importante da non poter, chiunque pensi, non continuare a cercare di definirne i

fondamentali contorni. Perché se la ricerca dei principi ultimi si ferma e l’uomo sottovaluta o distrugge la

possibilità del Totalmente Altro, dell’Oltre è come se si accontentasse di se stesso, dei suoi limiti, dei suoi

difetti, e siccome ciò non è possibile, perché non potrebbe che generare infinita infelicità in realtà non si

​ferma e affida alla Storia, al Progresso, alla Scienza, alla Tecnica l’infinito superamento della sua infinita

infelicità. Ma chi la fa la Storia, chi il Progresso, chi guida la Scienza e la Tecnica? Esclusa la prospettiva

ultraterrena, è sempre l’uomo con i suoi difetti, i suoi limiti, il quale non potendo certo affidarsi alla sua

pochezza di individuo si affida all’Umanità, un’Umanità teorica e forzatamente orientata verso un

ottimistico futuro che diventa Storia, Progresso, ecc.. Ma progresso (da progredior) verso cosa?

Indubbiamente il progresso scientifico e tecnologico è indubitabile, ma esso è sorretto, e ciò mi sembra

altrettanto innegabile, dall’interesse economico e non da altri valori. Infatti gli altri valori diventano in una

prospettiva che esclude un loro fondamento pur non conoscibile, ma indispensabile, diventano per forza di

cose relativi. Così i diritti umani, la giustizia sociale che pure sembrerebbero i valori più condivisi variano in

modo sostanziale se non totale al variare delle prospettive meramente umane che sorreggono una società

non laica, ma laicista. Esempi ce ne sarebbero tanti, facili da individuare per le persone avvezze ancora,

nonostante tutto, a ragionare quindi sostanzialmente laiche e non laiciste. Ma basterebbe pensare alla

maternità surrogata che sottomette “l’interesse supremo” del minore (proclamato anche da tanti Trattati

internali) e il rispetto dovuto ad ogni persona umana - dal minore alla Donna che non certo per generosità

concede il suo utero - al presunto “diritto umano”, per chi lo vuole, di “avere a tutti i costi un figlio”. O

all’aborto, o alla libertà appunto di religione, espressione ecc. che non a caso la società laicista è pronta a

calpestare nell’angusta e relativa prospettiva culturale umanamente trionfante in quel momento storico

che si vive. Ecco perché il laicismo che sopprime la possibilità laica del Noumeno oltre ad essere

profondamente irrazionale è profondamente antidemocratico e ingiusto. Con esso, che è relativismo allo

stato puro, si torna in effetti alla legge del più forte, e in questo caso oggi i più forti sono coloro che

detengono il potere economico e ovviamente quello mediale - comunicativo. Torniamo alla vera laicità

perché i segnali di galoppante irrazionalità e conseguente ingiustizia sono sempre più drammatici e

allarmanti. Gli “ismi” in filosofia e in politica hanno fatto già troppi danni all’Umanità. Torniamo ad

ammirare e cercare i fondamenti della “legge morale dentro di noi e del cielo stellato sopra di noi” (Kant) e

ritroveremo anche finalmente il vero dialogo che non può non essere sempre presente in uno stato

autenticamente laico.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/12/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La Croce, uno tra i pochissimi media liberi

La ragione astratta dunque svuota le persone e le rende più facilmente manipolabili da una scienza falsamente neutra, sempre in realtà a vantaggio dei potenti del momento. Come ritiene, pro domo sua, di poter fare a meno di una crescita libera così impone i propri canoni pseudo scientifici che spogliati appunto di vissute libere ricerche incasellano la cultura in branche specialistiche vivisezionate

Leggi tutto

Storie

“Dal Natale al Battesimo” in mostra a San Pietroburgo

Fino al prossimo 2 febbraio sarà possibile visitare presso il Museo delle Religioni di San Pietroburgo,  la mostra dedicata al tema “Dal Natale al Battesimo”,

Leggi tutto

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Chiesa

Festa della mamma: benedizione ad Ostia

Feste e benedizione per la festa della mamma

Leggi tutto

Chiesa

Spunti sulla preghiera

Riflessioni sulla preghiera

Leggi tutto

Politica

UN SORRISO A DENTI STRETTI MOMENTANEO

E’ opportuno mettere bene a fuoco il responso delle urne nelle elezioni parziali di domenica. L’obbiettivo prefissatoci è stato raggiunto in pieno almeno a livello locale e nessuno può negarlo, però alcuni dettagli lasciano un po’ di perplessità, non si possono glissare certe evidenze anche a costo di apparire sin troppo schietti. La verità impone di essere raccontata sino in fondo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano