Società

di Nathan Algren

Cina e crisi demografica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il terzo mandato al potere di Xi Jinping parte male: per la prima volta in più di 60 anni cala la popolazione, mentre nel 2022 l’economia è cresciuta solo del 3%, seconda peggiore prestazione dal 1976.

Secondo l’Ufficio nazionale di statistica, lo scorso anno il numero di abitanti in Cina è sceso di 850mila unità a 1,41 miliardi, con l’India in procinto di effettuare il sorpasso. È il primo declino dal 1961, ultimo anno della “Grande carestia”. Esperti delle Nazioni Unite prevedono che la popolazione del gigante asiatico si ridurrà di 109 milioni entro il 2050.

L’abbandono della politica del figlio unico nel 2015 non ha invertito il trend demografico, con cupe implicazioni per la leadership comunista. Il calo implica un invecchiamento della popolazione e il conseguente rallentamento dell’economia, dato che si riduce la forza lavoro attiva, a meno che non venga migliorata la produttività. I conti pubblici continueranno a peggiorare (il debito cinese è già alto), con meno entrare fiscali e una maggiore spesa sociale e sanitaria.

Kang Yi, presidente dell’Ufficio di statistica, ha tentato di spegnere gli allarmismi. La sua valutazione è che non vi è alcun problema demografico, visto che l’offerta di lavoro supera “ancora” la domanda. L’allarme lo aveva lanciato però nel 2021 You Jun, vice ministro per le Risorse umane e la sicurezza sociale, quando aveva rivelato che entro il 2025 il Paese avrebbe perso 35 milioni di adulti in età di lavoro.

Analisti cinesi osservano che il quadro demografico ed economico obbligherà il governo a rivedere le proprie politiche, comprese esteri e difesa. Prende forma la previsione di diversi strateghi Usa, secondo cui Washington deve sfidare l’ascesa geopolitica cinese in una ottica di lungo periodo, dove il tempo non gioca a favore di Pechino: senza una base economica forte un Paese non può essere proattivo a livello internazionale.

Gli avversari dei cinesi non dovrebbero cantare però vittoria. Come spiegato alla Reuters dal demografo Yi Fuxian, una contrazione della produzione industriale in Cina per mancanza di forza lavoro spingerà in alto l’inflazione nel resto del mondo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/01/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Politica

IL MONDO SA DEL PATTO GIÀ SCRITTO

La conferma viene pure dal “Wall Street Journal”. Traspare già dal titolo del pezzo di Simon Nixon: I poteri forti in Italia puntano alla grande coalizione. Scrive, infatti, Nixon che le «Italian elite» hanno deciso di optare su una «grand centrist coalition between the Democratic Party and Forza Italia, most likely under the leadership of current Prime Minister Paolo Gentiloni». Grande Inciucio con un probabile Gentiloni bis.

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Media

Frate Emiliano Antenucci Non sparlare degli altri

Il silenzio è importante perché siamo “malati” dal rumore dei media, delle parole, del chiasso e della confusione. Il silenzio è ordine, bellezza, armonia, pace. Dal silenzio nasce tutto: la scrittura, la musica, il cinema, il teatro etc. Dal Silenzio nasce la Parola e le parole. 2)Nella società del “frastuono” anche delle opinioni è fondamentale la “sospensione del giudizio”. Il saggio è colui che sà quello che dice, non dice quello che sa. Ogni parola deve essere ponderata dal silenzio, dall’ascolto e dalla prudenza. Sparlare degli altri è lo sport più praticato al mondo, ma è un peccato di lingua che ferisce più della spada.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano