Storie

di Nathan Algren

Thailandia: pericolo bullismo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sarebbe stato il bullismo stato il bullismo subito in a portare al suicidio la 15enne che in un villaggio nella provincia di Chachoengsao si è impiccata in casa lasciando un messaggio che confermava la situazione di disagio a cui era sottoposta e lo stato depressivo che l’ha spinta al gesto estremo. La sua vicenda ha riacceso in Thailandia il dibattito sul bullismo scolastico, un fenomeno diffuso e da molti ancora visto come parte di un processo educativo, di crescita, piuttosto che di sottomissione arbitraria e abuso. In un certo senso, sono le stesse strutture scolastiche a promuovere l’obbedienza senza discussione alle “buone regole del passato”, spesso oggi contrarie alle finalità educative e agli stessi regolamenti che dovrebbero tutelare sviluppo e autonomia degli studenti.

Una condizione non rara, dato che quattro anni fa un’indagine del Dipartimento per la salute mentale aveva dato come risultato che il Paese del sorriso ospitava ben 600mila studenti vittime di fenomeni riferibili al bullismo, il secondo numero più alto al mondo. A confermarlo poi era stata un’indagine statistica raccolta ed elaborata due anni fa dal Network of Legal Advocates for Children and Youth. Diffusi durante un simposio organizzato dalla Fondazione thailandese per la promozione della salute, i dati avevano segnalato con chiarezza la penetrazione del bullismo nelle aule, dato che il 92% degli studenti thailandesi interpellati avrebbe subito una qualche forma di bullismo dai coetanei e il 30% attraverso i social network. Pesanti le conseguenze: il 28% delle vittime dichiarava di sentirsi più introverso o depresso, il 26% di manifestare vari livelli di stress, il 18% lamentava scarsa concentrazione, il 16% avrebbe preferito non frequentare le lezioni.

Il coordinatore dell’indagine, Athiwat Niammeesee, aveva sollecitato il ministero dell’Istruzione ad affrontare il problema con serietà e a promuovere una cultura della sicurezza sia a scuola, sia in famiglia.

Diversi studi hanno indicato nella cultura patriarcale la base del bullismo che non di rado si manifesta tra gli adolescenti maschi con scontri fisici tra singoli o bande. Tra le femmine il fenomeno, sebbene più diffuso, viene spesso vissuto nella sopportazione e nel silenzio, in accordo con la visione tradizionale. Fino a quando la pressione o il senso di colpa diventano insostenibili. Non a caso, se in Thailandia sono soprattutto gli uomini a portare a termine il suicidio, le donne sono la maggioranza di coloro che lo tentano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Torino: ai transgender la possibilità di cambiare nome sugli abbonamenti bus

Dopo Bologna anche Torino vuole infatti introdurre, per le persone transgender, la possibilità di avere il nome di elezione sugli abbonamenti dei mezzi pubblici. Ad annunciarlo, in Commissione consiliare, l’assessore alle Pari Opportunità Jacopo Rosatelli

Leggi tutto

Politica

Padre Maccalli: “Davanti a Dio non ci sono figli di serie B”

In questo tempo di zoom e reportage quotidiani sulla guerra in Ukraina, aiutiamo l’opinione pubblica a non considerare nessuno ostaggi di serie B.”

Leggi tutto

Chiesa

Il dono della chiave

Che dono intuire che Gesù, Dio e uomo, è la chiave di ogni cosa. Talora certe spiritualità cercano un cielo senza terra o una terra senza cielo.

Leggi tutto

Politica

TOP TEN SINDACI

Breve analisi del voto dopo il primo turno delle amministrative

Leggi tutto

Società

LA STAGIONE DELLA FIENAGIONE

In questo periodo dell’anno in molte zone della nostra amata Italia era la stagione in cui si metteva in cascina il prezioso fieno per la stagione invernale, ne sono testimone diretto e partecipe. Sono tradizioni e umili lavori familiari che vanno purtroppo perdendosi, persi nei meandri di una globalizzazione selvaggia che sta facendoci credere di avere tutto comodamente senza sforzo a portata di clic

Leggi tutto

Chiesa

CANADA - “Non si può annunciare Dio in un modo contrario a Dio”

La fede in Cristo può essere annunciata solo «nella libertà e nella carità», come Cristo stesso desidera. Quando si rinuncia a questo tratto di gratuità, e si vuole «inculcare Dio nelle persone» imponendolo come un postulato del «proprio modello culturale», si tradisce la dinamica stessa con cui opera il Signore, che «non costringe, non soffoca e non opprime; sempre, invece, ama, libera e lascia liberi»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano