{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Papa Francesco ha ricevuto l’Ordine di Malta

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco ha ricevuto l’Ordine di Malta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Al Sovrano Militare Ordine di Malta (Smom), che ha appena concluso il suo capitolo generale, Francesco rivolge l’invito a riprendere “con rinnovato slancio” l’impegno di tuitio fidei e obsequium pauperum, ossia della difesa della fede e del servizio ai poveri e ai sofferenti, e a testimoniare che seguire Cristo in tale servizio “è un cammino che riempie l’anima”. Questo, infatti, afferma il Pontefice durante l’udienza ai partecipanti al Capitolo, nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico, “permette di incontrare il Signore in ogni volto di fratello nel bisogno, in ogni mano” che si stringe nell’accoglienza e in ogni circostanza in cui viene rivissuto l’ideale che il fondatore dell’Ordine, il beato Gerardo, ha realizzato donando la sua vita per gli indigenti. Dal 3 settembre dello scorso anno, lo Smom ha una nuova Carta Costituzionale e un nuovo Codice Melitense, promulgati dal Papa, e secondo tali norme il capitolo generale, svoltosi dal 25 al 29 gennaio, ha eletto le nuove alte cariche e i membri del nuovo Sovrano Consiglio, ai quali Francesco ribadisce, come scritto nel messaggio inviato all’apertura del Capitolo, che “la strada da seguire è quella che ci viene direttamente da Cristo: ut unum sint, affinché il mondo creda”. Il Pontefice chiede ai membri dell’ordine religioso laicale di essere “sempre più uniti per rendere testimonianza” della loro fede e dell’appartenenza all’ordine stesso, e “sempre più coerenti con la croce ottagona” indossata. Il Papa si congratula con il Sovrano Militare Ordine di Malta anche per il Capitolo dei professi, che ha preceduto quello generale, durante il quale è stato “affrontato il tema della ricostituzione, secondo l’ispirazione originaria, della vita comunitaria e della piena osservanza del voto solenne di povertà”, discusso le modalità per il sostentamento della vita comunitaria e stabilito che, da adesso in poi, la professione solenne comporta la vita comunitaria, prima non obbligatoriamente prevista, e perciò non vi è tenuto chi ha già emesso voti solenni in passato, pur essendo invitato ad abbracciarla. Il Sovrano Militare Ordine di Malta riaprirà inoltre il noviziato e per questo Francesco invita a pregare perché Dio mandi “abbondanti vocazioni” ai vari ceti dell’Ordine e raccomanda, in particolare, “un’adeguata formazione”. Per concludere Francesco si sofferma sui termini che qualificano l’Ordine, precisando che la parola “sovrano” indica “una sovranità del tutto singolare, assunta nel corso dei secoli e confermata per volere dei Papi”, che “permette di operare generosi e impegnativi gesti di solidarietà”, rendendo “prossimi ai più bisognosi, sotto la tutela giuridica diplomatica internazionale”. L’attributo “militare” richiama, invece, alle “pagine gloriose” scritte dall’Ordine difendendo pellegrini, luoghi santi e la cristianità, Oggi, quelle gesta lasciano il posto al dialogo interreligioso. Inoltre, la fede in Cristo e la sequela di Lui vi impegnano nella testimonianza del Vangelo e nella lotta contro tutto ciò che ad esso si oppone. Quanto all’aggettivo “ospedaliero”, spiega il Papa, richiama al “servizio che il beato Gerardo offriva ai pellegrini a Gerusalemme, nell’Ospedale intitolato a San Giovani Battista”, accogliendo anche bisognosi e prestando loro pure cure mediche. Un servizio ancora oggi offerto dallo Smom.

Curando i signori malati, voi sapete riconoscere in ognuno di loro il volto sofferente di Cristo, qualunque sia la provenienza, la nazionalità, il credo religioso. E allora, quando vi fate prossimi con compassione e tenerezza, – sono le tre modalità del Signore: prossimità, vicinanza, compassione e tenerezza – e voi, quando vi fate prossimi con compassione e tenerezza, voi stessi vi identificate con Gesù, buon Pastore, buon samaritano.

Quindi il Pontefice indica il modo in cui predisporre il servizio a beneficio del prossimo.

Non dimentichiamolo: le opere vanno ben organizzate, le opere vanno ben e gestite, ma soprattutto devono essere segno della carità di Cristo, che è come la formalità di tutte le opere che voi dovete avere.

Infine Francesco esorta i membri del Sovrano Militare Ordine di Malta “a restare fedeli a Cristo, Maestro e Signore, ad andare avanti portando in tutto il mondo il suo messaggio di guarigione per chi è malato e di consolazione per chi è afflitto”. È ciò di cui “un giorno renderemo conto a Dio Padre”, conclude, “l’essere stati suoi fedeli testimoni, prossimi del nostro prossimo, non animati da aspirazioni mondane, ma ardenti nel servizio e nella testimonianza del Risorto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/01/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Politica

Presentato oggi a Ostia libro sulla teologia di Papa Francesco

Presentazione del libro di don Franco Nardin parroco di Nostra Signora di Bonaria alla presenza del Vescovo a. Dario Gervasi e il Prefetto don Roberto Visier. Modera il giornalista Rai Gianni Maritati

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus invita ad essere Chiesa che accoglie e non dei “primi della classe”

Una calda domenica ha celebrato l’appuntamento di fine settembre con Papa Francesco e l’Angelus. All’Angelus, il Papa ricorda che l’atteggiamento della chiusura è la radice di “tanti mali della storia”. Chiudersi, dividersi, escludere e giudicare. Papa Francesco, spiegando all’Angelus il Vangelo del giorno, mette in guardia dalla tentazione presente nel mondo e nella Chiesa di creare gruppi che credono di detenere la verità. Guardando agli apostoli che impedirono ad un uomo di scacciare i demoni, pur avendone le capacità, Gesù li invita a non ostacolare chi si adopera per il bene.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la logica della compassione

Nell’appuntamento con l’Angelus il Papa esorta a non cercare di emergere ma a servire gli altri, specie i poveri: “C’è tanta gente che lavora e non riesce ad avere il pasto sufficiente per tutto il mese”

Leggi tutto

Chiesa

Il videomessaggio del Papa al pontificio consiglio culturale

In un videomessaggio alla plenaria del Pontificio Consiglio della Cultura, il Papa indica la necessità di ritrovare “il senso e il valore dell’umano in relazione alle sfide che si devono affrontare”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano