Politica

di Roberto Signori

Psicologi all’università

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un luogo dove trovare ascolto e sostegno in tutte le università, le accademie, i conservatori, i luoghi di alta formazione. E l’obiettivo dichiarato del ministro dell’Istruzione e della Ricerca, Anna Maria Bernini, dopo l’ennesima vita spezzata per “colpa” degli studi, quella della 19enne suicida all’interno dello IULM di Milano.

Ad annunciarlo lei stessa: “Ho dato mandato alle Direzioni di predisporre una proposta alle Università per supportare le esigenze di ascolto e sostegno dei nostri ragazzi”, ha dichiarato Bernini durante un intervento al convegno nazionale della Società Italiana di Pedagogia.

In pratica, se il progetto dovesse andare in porto, tutte le strutture adibite ad accogliere gli studenti nel post diploma, laddove non l’abbiano già fatti, dovranno dotarsi di sportelli psicologici o similari. “Il nostro obiettivo - ha sottolineato il Ministro - è sostenere chi ne ha bisogno, aiutare a capire che il merito è un percorso, ed è soprattutto una conquista con sé stessi, non il risultato di una sola performance”. Per mettere fine una volta per tutte ai tragici episodi che vedono protagonisti giovani in difficoltà a causa di un fallimento nel proprio percorso post scolastico. O perlomeno di ridurne i numeri al minimo. E, più in generale, di aprire un dibattito approfondito sulla salute mentale dei ragazzi.

Ma che la situazione non fosse proprio idilliaca era già noto. A dipingere un quadro davvero allarmante ci ha pensato un recente report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Un dato su tutti: tra gli under 30 il suicidio è la seconda causa di morte a livello globale. Numeri che trovano riscontro anche nel nostro Paese. Come riporta il sito Skuola.net, l’Istat stima infatti in circa 4mila i suicidi che vanno in scena ogni anno in Italia, il 13% - circa 500 - dei quali tra gli under 34. Di questi, ben 200 si verificano tra gli under 24. Ed è facilmente intuibile che, tra loro, un’ampia fetta sia costituita da studenti universitari.

La pandemia ha certamente avuto un ruolo fondamentale, ma non è la causa principale da cui scaturiscono i disagi dei giovani. Una consapevolezza che traspare anche dalle parole del ministro Bernini, secondo cui “aumentano le fragilità legate al post covid o alla necessità di misurarsi con un mercato del lavoro che richiede performance sempre più alte. Ma aumenta soprattutto il timore del giudizio negativo degli altri”.

I segnali inequivocabili di un malessere largamente diffuso, però, erano molti già prima della pandemia. L’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”, ad esempio, ha di recente pubblicato dei dati che aiutano a capire meglio la problematica, che coinvolge anche i più piccoli: in 8 anni si è passati da 12 casi di tentato suicidio del 2011, ai 237 del 2018.

Inoltre, anche quando il disagio non è sfociato in un gesto “estremo” i ragazzi hanno trovato vie alternative per procurarsi del male fisico. Secondo una ricerca internazionale - pubblicata dal Journal of Child Psychology and Psychiatry - il 27,6% dei giovani europei pratica l’autolesionismo, recandosi intenzionalmente dolore fisico: in Italia la proporzione è di circa 1 su 5.

Il quadro che emerge è davvero allarmante e le cause poggiano quasi sempre le proprie radici nel contesto scolastico e accademico. Prima di tutto, la mancanza di un’educazione al fallimento e una competizione sempre più estrema gettano molti studenti - avviliti dai risultati scolastici - in un limbo di panico e ansia da prestazione. A questo si aggiungono poi i fenomeni - anche questi sempre più diffusi - di bullismo e cyberbullismo: le continue vessazioni portano le giovani vittime a isolarsi nel migliore dei casi, o a compiere - nel peggiore - il fatidico gesto. E l’università, purtroppo, è tra i teatri principali delle tragedie degli ultimi anni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/02/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il dolore dei vescovi di Haiti

La Chiesa di Haiti condivide la sua crescente preoccupazione per il “deterioramento generale” della situazione in “questo Paese dove il popolo sta soffrendo così tanto”.

Leggi tutto

Società

Bangladesh: proteste all’università sulla questione gender

Dal novembre 2013 il governo del Bangladesh ha riconosciuto ufficialmente la comunità transgender ammettendola sui documenti d’identità come terzo genere oltre al maschile e femminile. Fa discutere però l’inserimento del tema dell’inclusione anche nella didattica scolastica. Il caso di un docente licenziato per aver strappato platealmente le pagine di un libro sta provocando manifestazioni sostenute dai fondamentalisti islamici.

Leggi tutto

Storie

Covid, crollano i vaccinati

Nella settimana dal 2 all’8 dicembre i nuovi vaccinati sono stati 900, mentre la settimana precedente erano stati 1.158. “Un dato così basso non si era mai registrato dall’inizio della campagna vaccinale

Leggi tutto

Storie

Cina: Pechino imprigiona fedeli cristiani

Eseguiti nello Shanxi l’arresto del pastore protestante An Yankui e di un suo collaboratore. La repressione cinese non ha sosta. E mentre in Cina mettono sotto sequestro le comunità religiose, a Taiwan aprono invece centri ebraici. Dal 29 dicembre i fedeli ebrei di Taipei hanno il loro ritrovo culturale: uno strumento per favorire gli scambi tra la popolazione taiwanese e il mondo ebraico

Leggi tutto

Storie

In Sri Lanka povera una persona su due

Il rapporto sulle prospettive del Paese alle prese con la grave crisi economica certifica un raddoppio della percentuale di indigenti a livello nazionale.

Leggi tutto

Storie

Allarme malnutrizione ad Haiti

Una recrudescenza della violenza tra bande ha bloccato l’accesso ai servizi sanitari in alcune aree urbane di Haiti, lasciando che un bambino su 20 che vive a Cité Soleil - un comune di Port-au-Prince devastato dalla violenza - rischia di morire per malnutrizione acuta grave, ha avvertito oggi l’UNICEF.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano