Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa: battersi perché nessuno sia discriminato dal servizio sanitario

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Battersi”, usa proprio questa parola Papa Francesco per invitare le associazioni che si occupano della tutela e difesa delle persone con malattia rara a proseguire il loro impegno perché “nessuno sia escluso dal servizio sanitario, nessuno sia discriminato, nessuno penalizzato”. In udienza dal Pontefice, nel Palazzo Apostolico, c’è oggi una delegazione di Uniamo, realtà parte della Federazione Italiana Malattie Rare. Più di una volta, specialmente in occasione della Giornata delle Malattie Rare del 28 febbraio, Francesco aveva menzionato l’associazione durante l’Angelus. Adesso avviene l’incontro dal vivo con una parte dei membri di questo ente che da oltre 20 anni si occupa di difendere e salvaguardare i diritti di uomini e donne affetti da malattie rare e delle loro famiglie. Ha oltre 150 associazioni affiliate in continua crescita.
“Uniamo… Uniamo le esperienze, uniamo le forze, uniamo le speranze”, dice il Papa ai membri dell’associazione, soffermandosi sul nome e sul motto. “Condividere”. Proprio la condivisione, in un ambito di tale fragilità e sofferenza come quello delle malattie rare, “all’inizio è una necessità, poi diventa una scelta”.

Quando un papà e una mamma scoprono che il bambino ha una malattia rara, hanno bisogno di conoscere altri genitori che hanno vissuto e vivono la stessa esperienza. È una necessità...
E poiché la patologia è rara, “diventa indispensabile riferirsi a un’associazione che mette insieme persone che ogni giorno hanno a che fare con quella malattia: conoscono i sintomi, le terapie, i centri di cura e così via”, sottolinea il Papa. “Una strada obbligata”, dunque, “una via d’uscita dall’angoscia di trovarsi da soli e disarmati di fronte al nemico”.
Mentre pronuncia il suo discorso, il Papa viene interrotto da una bambina che si avvicina a lui e gli consegna un regalo: “Vieni, vieni, vieni: eh, brava! Questo è per me? E sei brava: brava! Questa è la innocenza creativa dei bambini: sono come sono e fanno”. Poi un’altra bimba la segue e altri e altri ancora, finché il Papa è circondato da piccoli: “Vieni tu da me, vieni anche tu: un’altra brava … E possiamo dare loro questi due rosari, portate due rosari bianchi, due bianchi”, dice, aggiungendo: “È meglio questo del discorso, eh? Questo è il vostro discorso, questa spontaneità…”. Francesco si intrattiene quindi con i piccoli, a cui si aggiungono altri adulti malati. Chiede loro i nomi - Emanuele, Samuel, Carla, Dario -, consegna i Rosari, distribuisce carezze e benedizioni. Come a una donna che dice: “Le chiedo una preghiera per la mia diagnosi, che ancora non abbiamo trovato”.
“Questa è stata la predica oggi, per noi”, esclama il Papa, dinanzi a questa scena così spontanea. “Per questo ho pensato, io: continuare io a parlare, dopo questa predica vivente, non ha senso”.
Alle volte, noi prepariamo le cose da dire, e tutte le idee, ma la realtà parla meglio delle idee, e il vero discorso l’hanno fatto loro, oggi, avvicinandosi con tutta naturalizza, dando il meglio di sé stessi, un sorriso, una curiosità, tendere la mano per prendere il Rosario

Papa Francesco consegna quindi il discorso scritto alla presidente: “Questo è il testo che io volevo dire, ma la vera predica è stata quella che ci anno fatto vedere loro, con le loro limitazioni, con le loro malattie, ma ci hanno fatto capire che sempre c’è una possibilità per crescere e per andare avanti”.
Nel discorso scritto il Papa si soffermava sulle “potenzialità” di una realtà associativa come Uniamo, capace di dare “un contributo decisivo al bene comune”, più specificatamente “di migliorare la qualità del servizio sanitario di un Paese, di una regione, di un territorio”.

La buona politica dipende anche dall’apporto delle associazioni, che, su questioni specifiche, hanno le conoscenze necessarie e l’attenzione verso persone che rischiano di essere trascurate.

Ecco il punto decisivo, afferma il Papa: “Non si tratta di rivendicare favori per la propria categoria, non è questa la buona politica; ma si tratta di battersi perché nessuno sia escluso dal servizio sanitario, nessuno sia discriminato, nessuno penalizzato”.
Un valore “importante” per un’esperienza come Uniamo – “fortemente a rischio di emarginazione”, annota il Papa nel discorso scritto - è l’effetto che essa può avere su “un piano sociale e anche politico”.

Faccio un esempio: realtà come la vostra possono fare pressione perché si superino le barriere nazionali e commerciali per condividere i risultati delle ricerche scientifiche, così da poter raggiungere obiettivi che oggi appaiono molto distanti.
Certo, “è difficile impegnarsi per tutti quando già si fa fatica ad affrontare il proprio problema”, ammette il Pontefice. Ma proprio qui sta la forza dell’associazione e ancor più della federazione: “La capacità di dare voce a tanti che, da soli, non potrebbero farsi sentire, e così rappresentare un bisogno”. In questo senso, per il Papa, sarebbe importante “coinvolgere e ascoltare i rappresentanti dei pazienti fin dalle prime fasi dei processi decisionali”.

Nel relazionarvi con le istituzioni, ai vari livelli, voi non solo chiedete, ma anche date: conoscenze, contatti, e soprattutto persone, persone che possono dare una mano per il bene comune, se operano con spirito di servizio e senso civico.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/02/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Papa Francesco riceve la prima presidente donna di Slovenia

Nel giorno della diplomazia slovena, la presidente Pirc Musar va in visita da Papa Francesco

Leggi tutto

Società

Ambiente: insieme contro le microplastiche nei laghi

E’ partito il road show di Life Blue Lakes, una rassegna di spettacoli, corsi di formazione e attività in campo, dove arte e scienza si incontrano per sensibilizzare il grande pubblico sulle tematiche ambientali, in particolare l’inquinamento da microplastiche nei laghi

Leggi tutto

Chiesa

Papa: oggi c’è “carestia di fraternità”

L’arcivescovo Gallagher legge il discorso di Francesco al Consiglio di sicurezza Onu a New York: “La pace è possibile se voluta. È il sogno di Dio ma con la guerra si sta trasformando in un incubo”

Leggi tutto

Società

Siria: allarme scomparsi

L’Assemblea generale ha approvato con 83 voti a favore, 11 contrari e 62 astensioni la nascita di un ente per “far luce” su uno delle ferite aperte della guerra

Leggi tutto

Chiesa

I nuovi documenti di Pio XII

Dal 9 all’11 ottobre 2023, nella Pontificia Università Gregoriana, un convegno sulla base della documentazione degli archivi resi accessibili da Papa Francesco per far luce sulle controversie storiche e teologiche riguardanti Pacelli e il Vaticano durante l’Olocausto e sulle relazioni tra ebrei e cristiani a più livelli

Leggi tutto

Storie

L’umanità per la pace: manifestazioni internazionali il 6 agosto

Il pericolo di una guerra nucleare si è aggravato a tal punto che nessuna persona ragionevole sul pianeta può più ignorarlo. Eppure, in questa atmosfera, c’è ancora chi pensa che ci debbano essere più armi, più sanzioni e che si possa vincere una guerra nucleare contro la Russia. È molto chiaro che coloro che hanno provocato la guerra e continuano ad alimentarla non hanno a cuore la vita del popolo ucraino o di qualsiasi altra nazione del pianeta. Questo non è accettabile per quelli di noi che hanno a cuore il benessere di tutta l’umanità - quelli che non vogliono vedere la specie umana cancellata dalla faccia della terra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano