Storie

di Roberto Signori

CONGO RD - Campagna di vaccinazione contro morbillo rovinata

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

C’è pure la locale parrocchia cattolica tra gli edifici saccheggiati il 13 febbraio dai ribelli M23 a Birambizo, nel gruppo di Bukombo, territorio di Rutshuru, nel Nord Kivu (est della Repubblica Democratica del Congo).

Oltre alla parrocchia i ribelli hanno sistematicamente saccheggiato il centro sanitario di Birambizo, che è la struttura sanitaria di riferimento per gli abitanti della zona.
Secondo Radio Okapi (promossa dalla Missione ONU nella RDC), è la seconda volta consecutiva, in pochi giorni, che l’ospedale di Birambizo viene vandalizzato dai ribelli e dai loro alleati.
Gli assalitori hanno preso tutto: attrezzature, medicinali, alimenti, pannelli solari, persino materassi. “Non hanno risparmiato nulla” afferma una fonte ospedaliera.
Particolarmente grave è il furto dei pannelli solari utilizzati per alimentare i frigoriferi per conservare i vaccini. Circa 6.000 dosi di vaccini contro il morbillo sono ora rovinate, mentre i sanitari si apprestavano a eseguire la campagna di vaccinazione nell’area. Si rischia ora di avere conseguenze dannose per gli abitanti della regione, con l’esplosione di casi di morbillo nella comunità. Anche altri tipi di vaccini sono andati rovinati.
I pazienti delle strutture sanitarie hanno dovuto abbandonare i loro letti d’ospedale per non essere ulteriormente traumatizzati.
Come noto per porre fine agli attacchi perpetrati dall’M23, la Comunità dell’Africa orientale (EAC) aveva recentemente deciso di accelerare il processo di ritiro e disimpegno degli elementi dei guerriglieri nell’est della RDC.
Secondo una nota informativa dell’EAC, gli uomini dell’M23 hanno tempo fino al 10 marzo per ritirarsi da Karenga, Kilolirwe, Kitchanga, Kibumba e Rumangabo. Dieci giorni dopo, il 20 marzo, dovranno lasciare Kishishe, Bambo, Kazaroho, Tongo e Mabenga. L’ultima fase del ritiro degli elementi M23 avverrà il 30 marzo, con la loro partenza da Rutshuru, Kiwanja e Bunagana.
Dopo l’effettivo ritiro di questi ultimi dalle zone occupate, l’esercito burundese occuperà le località di Sake, Kilolirwe e Kitchanga; gli eserciti del Sud Sudan e del Kenya si posizioneranno a Rumangabo; l’esercito keniano si insedierà a Kibumba, Tongo, Bwiza e Kishishe; mentre l’esercito ugandese prenderà il controllo di Bunagana, Kiwanja e Mabega

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/02/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

Il Reddito di maternità è contro l’aborto

È stato pubblicato il report ufficiale Istat sull’applicazione della legge 194, rilanciato in un documento a firma del ministro Grillo. Dell’aborto è ormai politicamente impossibile parlare, ma la proposta legislativa d’iniziativa popolare del Popolo della Famiglia – l’istituzione del Reddito di maternità – potrebbe avere un effetto realmente disincentivamente rispetto al ricorso all’aborto.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia a piazza Cavour contesta il referendum - imbroglio

Contestazione da parte di Mario Adinolfi, fondatore del Popolo della Famiglia, contro il deposito delle firme in Cassazione per chiedere l’eutanasia legale

Leggi tutto

Politica

Covid: Omicron è in Italia

Luciana Lamorgese intervistata su Radio 24. “Mai come ora dobbiamo essere collaborativi è il momento della responsabilità“, ha aggiunto. “Noi faremo tutti i controlli necessari. Domani avrò un incontro con i prefetti, il capo polizia e delle forze dell’ordine per predisporre i piani che prefetti attueranno sui territori”. “Se vogliamo vivere un periodo natalizio in serenità – continua -, dobbiamo fare la nostra parte”. Nel frattempo lo stesso ministro dell’Interno permette centinaia di sbarchi di migranti.

Leggi tutto

Chiesa

Israele - Cresce di numero, ma cala in percentuale la popolazione cristiana

Secondo i numeri forniti dall’istituzione israeliana, vivono attualmente in Israele 182mila cristiani, pari all’1,9 per cento della popolazione nazionale, mentre nel 2020 il tasso di crescita registrato presso la popolazione cristiana nello Stato ebraico è stato dell’1,4 per cento.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano