Chiesa

di Raffaele Dicembrino

PAPA - IL VIRTUALE NON SOSTITUISCA IL REALE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il cambiamento delle condizioni di vita dell’uomo, nel mondo tecnologico; l’impatto delle nuove tecnologie sulla definizione stessa di “uomo” e di “relazione”; il concetto di “conoscenza” e le conseguenze che ne derivano. Tre sfide e un “compito enorme”: rispondere assumendo le prospettive della complessità, del dialogo trans-disciplinare e della collaborazione tra soggetti diversi. È quanto il Papa indica ai membri della Pontificia Accademia per la Vita ricevuti nella Sala del Concistoro in occasione dell’Assemblea Plenaria in corso in Vaticano sul tema “Convergin on the person. Emerging Technologies for the Common Good”.

Il rapido sviluppo dei mezzi tecnici rende più intensa ed evidente l’interdipendenza tra l’uomo e la “casa comune”, constata Francesco, esortando a “vigilare sulla velocità delle trasformazioni e sull’interazione tra i cambiamenti”:

La forza e l’accelerazione degli interventi è tale da produrre mutazioni significative, sia nell’ambiente che nelle condizioni di vita dell’uomo, con effetti e sviluppi non sempre chiari e prevedibili. Lo stanno dimostrando varie crisi, da quella pandemica a quella energetica, da quella climatica a quella migratoria, le cui conseguenze si ripercuotono le une sulle altre, amplificandosi a vicenda. Un sano sviluppo tecnologico non può non tener conto di questi complessi intrecci.

Le nuove tecnologie inoltre hanno un significativo impatto sulla definizione di uomo e relazione. Il Vescovo di Roma rileva che “la forma tecnologica dell’esperienza umana sta diventando ogni giorno più pervasiva: nelle distinzioni tra ‘naturale’ e ‘artificiale’, ‘biologico’ e ‘tecnologico’, i criteri con cui discernere il proprio dell’umano e della tecnica diventano sempre più difficili”. Da qui l’urgenza di una “seria riflessione sul valore stesso dell’uomo”:

Occorre, in particolare, ribadire con decisione l’importanza del concetto di coscienza personale come esperienza relazionale, che non può prescindere né dalla corporeità né dalla cultura. In altre parole, nella rete delle relazioni, sia soggettive che comunitarie, la tecnologia non può soppiantare il contatto umano, il virtuale non può sostituire il reale e nemmeno i social l’ambito sociale.

La relazione persona-comunità presenta risvolti etici sempre più complessi all’interno dei processi di ricerca scientifica. Francesco pensa in modo particolare all’ambito sanitario dove “la qualità dell’informazione e dell’assistenza del singolo dipende in gran parte dalla raccolta e dallo studio dei dati disponibili”.

Qui si deve affrontare il problema di coniugare la riservatezza dei dati della persona con la condivisione delle informazioni che la riguardano nell’interesse di tutti. Sarebbe egoistico, infatti, chiedere di essere curati con le migliori risorse e competenze di cui la società dispone senza contribuire ad accrescerle.

Il Papa chiede inoltre di rispettare le singole culture, soprattutto laddove la prospettiva tecnologica tende a imporsi come linguaggio e cultura universale e omogenea:

L’impegno va invece rivolto a ‘fare in modo che ognuno cresca con lo stile che gli è peculiare, sviluppando le proprie capacità di innovare a partire dai valori della propria cultura’.

Importante, secondo Francesco, è incentivare una conoscenza a misura d’uomo perché “già il tipo di coscienza che mettiamo in atto ha in sè dei risvolti morali”. Appare quindi “riduttivo cercare la spiegazione dei fenomeni solo nelle caratteristiche dei singoli elementi che li compongono”. “Servono modelli più articolati”, afferma il Pontefice, chiedendo di porre attenzione all’“intreccio di relazioni di cui i singoli eventi sono intessuti”.

È paradossale, ad esempio, riferendosi a tecnologie di potenziamento delle funzioni biologiche di un soggetto, parlare di uomo “aumentato” se si dimentica che il corpo umano rinvia al bene integrale della persona e che dunque non può essere identificato con il solo organismo biologico. Un approccio sbagliato in questo campo finisce in realtà non con l’“aumentare”, ma con il “comprimere” l’uomo.

La teologia “può contribuire” secondo il Papa “alla definizione di un nuovo umanesimo e favorire il reciproco ascolto e la mutua comprensione tra scienza, tecnologia e società”. Allo stesso modo Francesco esorta la Pontificia Accademia a continuare a considerare “l’importanza del contributo offerto dal dialogo tra le grandi tradizioni religiose” e dalla loro saggezza secolare. “Il compito che avete è enorme” ma, rassicura il Pontefice, “il Signore, amante della vita, non ci abbandona”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/02/2023
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

CONGO RD - Il Cardinale Tagle alla Chiesa di Goma

Anche nella martoriata regione del Nord Kivu, i discepoli di Gesù sono chiamati prima di tutto a offrire a tutti il “meraviglioso sapore” e la luce di Gesù e del suo Vangelo. Sapore e luce che “non vengono da noi”, ma da Gesù che opera in noi attraverso lo Spirito Santo”.

Leggi tutto

Chiesa

MONGOLIA - “Travolti da un fiume di grazia, tra gioia e gratitudine”

“Per quattro giorni ci siamo sentiti un po’ il centro del mondo. Avere il Papa qui con noi in Mongolia, per la prima volta nella storia, è stato un momento letteralmente straordinario. Ha generato in tutti noi tanta gioia, commozione, gratitudine. Abbiamo vissuto questi giorni davvero come una festa in compagnia di Cristo Gesù, in compagnia del suo Vicario in terra”: sono i sentimenti che esprime padre Ernesto Viscardi, missionario della Consolata e Pro-Prefetto Apostolico di Ulaanbaatar, a conclusione della visita di Papa Francesco in Mongolia (1-4 settembre).

Leggi tutto

Chiesa

L’esortazione apostolica su Teresa di Lisieux

Pubblicato “C’est la confiance” il documento di papa Francesco per i 150 anni dalla nascita della patrona delle missioni. “Come Chiesa abbiamo ancora tanto da imparare da lei. E servono audacia e libertà interiore per poterlo fare”. “In un tempo di ripiegamenti e chiusure, Teresina ci invita all’uscita missionaria, conquistati dall’attrazione di Gesù Cristo e del Vangelo”.

Leggi tutto

Società

Le persone transessuali possono ricevere il Battesimo

Un documento del Dicastero per la Dottrina della Fede a firma del prefetto Fernandéz e approvato dal Papa nell’udienza del 31 ottobre esprime parere positivo se non si crea scandalo tra i fedeli. Nulla osta all’essere testimoni a un matrimonio. Sì al Battesimo dei bambini delle coppie omosessuali anche se nati dall’utero in affitto

Leggi tutto

Chiesa

Annullato il viaggio del Papa a Dubai

Il portavoce Bruni: “Migliorato il quadro clinico generale, ma i medici hanno chiesto al Papa di non effettuare il viaggio previsto per i prossimi giorni in occasione della Cop28”. Francesco “con grande rammarico” ha accettato

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa alla rivista San Francesco

Papa Francesco rilascia un’intervista al mensile dei francescani del Sacro Convento di Assisi e li invita ad essere “apostoli della riconciliazione e del perdono” in un mondo che “non ha cessato di fare guerre in ogni parte”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano