Storie

di Giuseppe Udinov

Feto di un gemello mai nato rimosso dal cervello di una bambina di un anno

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È un caso rarissimo quello davanti al quale si sono ritrovati i medici della Fudan University di Shanghai. Un feto non ancora nato è stato rimosso dal cervello della gemella, una bambina di un anno. La bimba aveva la testa ingrossata e problemi motori: dopo una TC (tomografia computerizzata) i medici - con il caso di studio che poi è stato riportato sulla rivista scientifica Neurology - hanno notato che il cervello della piccola era compresso a causa della presenza di un feto malformato di una gravidanza monocoriale biamniotica (quando ciascun gemello ha il proprio sacco amniotico, ma entrambi condividono la stessa placenta) in una sacca di liquido tra i ventricoli cerebrali.

I medici hanno dovuto rimuovere chirurgicamente un “feto-in-feto intraventricolare”, cioè un feto che si è sviluppato all’interno del cranio del gemello. Nel corso dei mesi aveva addirittura sviluppato dei mini arti superiori e proiezioni simili alle dita, seppur decisamente sottosviluppate. Avviene quando il gruppo di cellule in divisione formato a partire dall’ovulo fecondato, non riesce a separarsi correttamente. A quel punto è possibile che uno dei primi embrioni rimanga avvolto dall’altro. Lì non riesce a svilupparsi ma resta “vivo” grazie al sangue che arriva dal gemello. «Le parti congiunte dei gemelli - hanno spiegato gli autori - si sviluppano nel proencefalo del feto ospite e avvolgono l’altro embrione durante il ripiegamento della placca neurale».

Il feto “parassita”, chiamato anche “Fetus in fetu” (feto nel feto), è un’anomalia embrionale che si innesca durante una gravidanza gemellare, nella quale uno dei due gemelli si sviluppa nel corpo dell’altro. Pur essendo vivo, poiché composto da cellule vitali, il feto malformato non può comunque sopravvivere al di fuori del gemello ospite, che fornisce sangue e nutrienti: non possiede infatti né cervello né cuore, pur avendo un’organizzazione abbozzata degli altri organi.

I casi di feto nel feto sono molto rari, circa un caso ogni 500mila nascite secondo gli esperti. Nella maggior parte dei casi, il feto non ancora nato si trova all’interno del corpo del bambino vivo, ma è molto raro riscontrare la sua presenza nel cervello del gemello.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/03/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Spagna - Giornata dell’Infanzia Missionaria

Il Direttore nazionale POM ricorda che grazie ai fondi raccolti dall’Infanzia Missionaria - per lo più grazie alle donazioni dei bambini - si possono sostenere progetti di evangelizzazione, educazione e salute per i piccoli e le loro mamme, perché possano nascere e crescere con dignità, mangiare, studiare ... Dalla Spagna, l’Infanzia Missionaria ha inviato nel 2021 € 1.933.313,21, raggiungendo più di 300.000 bambini in 34 paesi. “Per molti bambini, l’unico posto dove trovano casa è la Chiesa”

Leggi tutto

Storie

Punjab, scuola cristiana sotto attacco

La Global Passion School, una scuola cristiana a Sheikhupura, nella provincia pakistana del Punjab e gestita dai presbiteriani, è stata oggetto di attacchi e minacce.

Leggi tutto

Media

In libreria la raccolta dell’epistolario di Chiara Lubich

Alla scoperta della “parte più personale della fondatrice” dei focolari

Leggi tutto

Politica

HONDURAS - Vescovi: “Nonostante le difficoltà, si intravede un nuovo orizzonte”

“Nonostante le difficoltà, si intravede un nuovo orizzonte” è l’esortazione che i Vescovi della Conferenza Episcopale dell’Honduras (CEH) rivolgono a tutto il Popolo di Dio in un messaggio reso pubblico al termine della loro Assemblea plenaria, che ha eletto la nuova dirigenza per il triennio 2022-2025.

Leggi tutto

Storie

Kenya, Etiopia e Somalia allarme cibo

Aumento del prezzo dei prodotti alimentari, siccità, conflitti armati e conseguenze della pandemia di Covid-19 stanno trascinando alcuni Paesi più poveri dell’Africa orientale nella carestia.

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa giapponese e la pena di morte

Di fronte all’esecuzione del detenuto Tomohiro Kato - avvenuta nelle stesse ore di quelle dei dissidenti birmani - la Comissione Giustizia e Pace dell’episcopato giapponese ha ammonito: “La violenza della pena di morte non può mai costruire una società pacifica. È una barbarie che va contro i tempi e crea nuova violenza”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano