Politica

di Raffaele Dicembrino

Meloni: “Preferisco dimettermi che fare come Conte”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Giornata a Palazzo Madama per Giorgia Meloni, che ieri è stata impegnata nelle comunicazioni al Parlamento in vista del Consiglio europeo del 23 e del 24 marzo. Il presidente del Consiglio ha esposto con chiarezza tutti i temi che desidera portare a Bruxelles da sottoporre ai suoi omologhi, ponendo come tema principale quello dell’immigrazione, oltre che il sostegno all’Ucraina, che continuerà a essere garantito da parte del suo esecutivo. Concludendo le sue repliche alla discussione che si è svolta in Senato, il premier ha ribadito che lei va in Europa come capo di governo di uno Stato sovrano, che non chinerà mai la testa davanti alle richieste di altri Paesi.

“C’è una politica che ha due facce: una faccia la usa quando bisogna trovare soluzioni, trattando nei consessi internazionale, e un’altra faccia quando si fa propaganda”, ha detto Meloni, specificando le sue differenze rispetto agli altri: “Tutti facciamo propaganda, ma io metto la faccia sulle scelte che faccio”. Ancora una volta, il premier ha affrontato di petto la situazione e ha risposto senza troppi giri di parole ai senatori, prendendo ulteriormente le distanze da chi l’ha preceduta su quello scranno e a Palazzo Chigi, in risposta a una provocazione partita dai banchi del Senato.

“Qualcuno ha detto che io andrò in Europa a prendere ordini. Ebbene, questo qualcuno non mi vedrà mai farlo: preferisco piuttosto dimettermi, ma non andrò mai in Europa con i toni che Conte usava al cospetto di Angela Merkel, dicendo che quelli del M5s erano ragazzi ma alla fine avrebbero fatto quello che gli si diceva”, ha detto il premier a testa alta, evidenziando tutto il rispetto istituzionale che merita il suo ruolo e quello che rappresenta. Concludendo l’intervento, Giorgia Meloni ha poi aggiunto: “Preferisco dimettermi che rappresentare una nazione del genere”

.Questa forte presa di posizione da parte del presidente del Consiglio è stata preceduta dal concetto di Europa che il premier, fin da subito, ha esplicitato quando è stato incaricato di guidare l’esecutivo: “Le alleanze si possono costruire su ogni materia. Noi lavoriamo con tutti, difendiamo il nostro interesse nazionale. La politica estera non è una questione di tifoseria ‘amico, nemico’”. Parole che sottolineano la necessità dell’Italia di essere pienamente consapevole del suo ruolo nello scacchiere. Diversi gli applausi per il premier, soprattutto dai banchi della maggioranza. Ma il suo discorso ha incontrato i favori anche di una parte dell’opposizione, in particolare dal Terzo Polo, soprattutto per quanto riguarda la fermezza sul posizionamento dell’Italia accanto all’Ucraina.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/03/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Politica

Voti Lega o Meloni? Eleggi Lupi e Costa

Se vuoi veramente far sentire la tua voce in Parlamento non cadere nel solito tranello pre-elettorale. Non dare il tuo voto ai soliti noti che promettono di tutelare la famiglia, i malati, la vita, i bambini. Non credere alla storia del voto utile per i partiti che sono già affermati da anni. Se veramente vuoi cambiare questa società alal deriva hai una sola possibilità il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

Miseria dell’identitarismo di destra e di sinistra

Anche in Chiesa si trovano quanti spezzano il legame vitale tra dovere e interesse. Ed implodono.

Leggi tutto

Politica

Sconfessate le famiglie arcobaleno

Per la Costituzione del 1948 articolo 29, per l’articolo 5 comma 1 legge 40 del 2004, per la sentenza della Corte Costituzionale 162 del 2014, persino per la legge Cirinnà del 2016, infine per la sentenza della Corte Costituzionale 221 del 2019, è famiglia solo la società naturale basata su una coppia di persone di sesso diverso unite in matrimonio o almeno stabilmente conviventi. È illegale in Italia per le coppie lesbiche utilizzare la fecondazione eterologa, è illegale per le coppie gay la pratica dell’utero in affitto, le “famiglie arcobaleno” sono dunque sconfessate e l’omogenitorialità nell’ordinamento giuridico italiano non esiste.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano