Società

di Nathan Algren

CILE - Il rischio di abituarsi alla violenza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tutti vogliamo vivere in una nazione più sicura e fraterna, ma vorrei invitarvi a farci alcune domande: perché il mondo della criminalità e del narcotraffico nasce e cresce tra noi? Perché la violenza è cresciuta nella società? Perché la nostra convivenza a tutti i livelli è più aggressiva? Perché i nostri legami sono più deteriorati? Perché ci spingiamo così facilmente oltre i limiti?” Sono gli interrogativi suggeriti dal Vescovo di Chillán, Monsignor Sergio Pérez de Arce, durante la Messa che ha presieduto ieri, nella Cattedrale metropolitana, in suffragio del secondo sergente dei Carabineros Rita Olivares Raio, morta domenica mattina, 26 marzo, raggiunta da un colpo di arma da fuoco alla testa mentre inseguiva dei ladri nella località di Quilpué. E’ stata l’ultima dei 1.232 caduti dei Carabineros. Secondo le informazioni diffuse dalla Conferenza Episcopale, hanno partecipato al rito diverse autorità della regione, dei Carabineros, il delegato presidenziale, parlamentari e sindaci della regione.

“Sono domande che dobbiamo porci – ha proseguito il Vescovo - perché qualcosa ci sta accadendo come società, c’è qualcosa di malato tra di noi. Penso che abbia a che fare con il nostro individualismo, con l’amore per il denaro, la mancanza di apprezzamento per la vita, l’oblio di Dio e di altri valori essenziali”. Il sergente Rita Olivares Raio aveva 43 anni, era madre di due figli adolescenti. Si era unita ai Carabineros il 16 maggio 2002 e in 21 anni aveva svolto la sua attività in diversi luoghi, dimostrando “alto senso di responsabilità e vocazione al servizio, dedizione, impegno e professionalità”.

Esprimendo la sofferenza di tutti “perché ogni morte è sempre dolorosa e lo è ancora di più quando è violenta”, il Vescovo ha presentato le condoglianze ai familiari, ai compagni di classe, ai Carabineros, ringraziandoli per il servizio che rendono al paese. “Ci affligge il fatto che la violenza, la morte, il crimine diventino abituali, perché la nostra convivenza è ferita e danneggiata – ha proseguito -. Ma dobbiamo alzarci, andare avanti alla ricerca di una società migliore, più fraterna. Ogni volta che c’è un omicidio di un Carabiniere, le reazioni sono simili. Ci sono condanne da parte delle autorità e dei leader sociali ed è molto positivo. Ci sono anche critiche politiche reciproche, a volte cercando di ottenere qualche piccolo vantaggio politico. I social network stanno bruciando. Va bene quando è il risultato dell’impotenza, della rabbia e dello smarrimento che la violenza provoca. Siamo lieti che il Parlamento stia affrettando l’approvazione di leggi che sembrano necessarie per combattere il crimine con più forza”.
Anche il Vescovo di Iquique, Isauro Covili Linfati, OFM, ha rilasciato una dichiarazione dopo l’omicidio di Rita Olivares Raio, in cui sottolinea che “rapine, aggressioni, omicidi, frodi, truffe, criminalità organizzata, parlano di violenza e di un sistema violento, di ingiustizie, di mancanza di pace”. Il Vescovo aggiunge che la situazione di violenza e delinquenza è complessa e le sue cause sono diverse e mutevoli, “ma la cosa più preoccupante è che una sorta di cultura criminale di ogni tipo si sta imponendo nella società, o è stata imposta, e noi ci stiamo abituando”. Il Vescovo chiede quindi un dibattito pubblico e nelle organizzazioni sociali di base, come nelle comunità cristiane, su che tipo di società stiamo costruendo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/03/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Chiesa

Io prete disabile e felice

Un parto prematuro, una paresi spastica alle gambe, un handicap evidente e per certi versi umiliante. Così comincia la vita di quello che oggi è un sacerdote cattolico felice di poter dare la gioiosa testimonianza di una vita redenta. «Sono stato un girovago tra tante amarezze e false consolazioni», dice di sé, e «il Signore ha fatto di me un uomo nuovo». Come? Un po’ come con Mosè, la cui forza veniva da un bastone in cui si ricordavano le promesse

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Politica

I talebani al potere: il racconto della drammatica situazione dell’Afghanistan

Resta molto grave la situazione in Afghanistan. I Talebani sono pericolosi. Hanno fatto man bassa nei depositi d’armi degli americani creando una situazione di instabilità e terrore in tutto il Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano