Società

di Roberto Signori

Saremo sommersi di migranti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’emergenza immigrazione rappresenta una delle priorità dell’agenda del governo italiano. Lo sguardo è rivolto non solo al presente ma anche alla stagione estiva, con il forte timore che le buone condizioni del mare possano incentivare ancora di più le partenze. Ecco perché, proprio per evitare un’ondata di arrivi sulle nostre coste nei prossimi mesi, l’esecutivo sta studiando le mosse per porre un freno alle partenze allungando la mano a favore della Tunisia. Sullo sfondo resta l’ipotesi dello stato di emergenza.

Su questo fronte è arrivato un allarme ben chiaro da parte di Renato Schifani, che già da tempo ha avviato un confronto con il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. Il governatore della Regione Sicilia, intervistato ai microfoni di Radio Anch’io, non ha escluso la possibilità di dichiarare lo stato di emergenza e necessità: “Sono convinto che non appena il tempo migliora si tornerà a una nuova ondata di sbarchi che già era messa nel conto. Per cui, se non si intercetta il problema sul nascere saremo sommersi da queste masse di migranti”.

Stando a quanto appreso e riferito da Il Messaggero, il governo sembra essere disposto a valutare lo stato di emergenza per quanto riguarda i Comuni interessati dal picco degli arrivi. Il che potrebbe tradursi non solo nella riduzione dei tempi di intervento, ma anche nel riconoscimento di maggiori poteri e risorse ai sindaci.
Non a caso la linea tracciata dal governo guidato da Giorgia Meloni va in una direzione precisa: gestire in maniera efficace e tempestiva una situazione che altrimenti si potrebbe rivelare incontrollabile. Tra le opzioni rientra pure l’ampliamento dei centri di accoglienza per far sì che il tutto non degeneri. “Potenzieremo alcune aree, naturalmente anche Lampedusa va potenziata. Ma queste cose non si fanno dall’oggi al domani. C’è questa attività da parte del governo. Il progetto è questo”, ha dichiarato Schifani

L’esecutivo di centrodestra ha ben chiaro che il contesto ha subito un cambiamento in seguito alla forte instabilità nell’area subsahariana, in particolare in Tunisia. Che viene vista come una Nazione da supportare in un momento di difficoltà, proprio per scongiurare un boom di sbarchi in Italia. Non a caso nella cabina di regia svoltasi ieri sera a Palazzo Chigi si è parlato anche dello sblocco dei finanziamenti.

Il momento storico che sta attraversando la Tunisia potrebbe presto determinare una serie di flussi che rischiano poi di essere ingestibili. Nel governo comunque si respira un clima di fiducia e viene fatto notare che in tal senso si sono registrati progressi da parte degli Stati Uniti e dell’Unione europea. Tra l’altro nei prossimi giorni il ministro degli Esteri Antonio Tajani incontrerà a Roma il suo omologo tunisino Nabil Ammar. Una ricetta avanzata da Matteo Salvini prevede Centri di permanenza per i rimpatri in ogni Regione. Una mossa che, secondo il vicepresidente del Consiglio e ministro delle Infrastrutture, sarebbe utile e necessaria: “Sicuramente aiuterebbero per la gestione del fenomeno, sarebbero assolutamente utili”. Come scritto da Gian Micalessin su ilGiornale anche per il titolare del Viminale Matteo Piantedosi sarebbe giusto incrementare i Cpr e sbloccare la macchina dei rimpatri che ormai si è inceppata.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/04/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco e Biden, 75 minuti di colloquio

Lungo dialogo a porte chiuse nella Biblioteca Apostolica: ribadito il comune impegno per la lotta alla pandemia e alla salvaguardia del pianeta, con una speciale attenzione all’attualità internazionale alla luce del G20

Leggi tutto

Politica

Mirabelli (ex Consulta): “Migrazione è economica, non garantita da Costituzione”

L’orientamento del Governo italiano rispetto allo stato di bandiera delle navi per cui se una persona è stata presa a bordo di una nave battente bandiera norvegese o tedesca per il solo fatto di essere a bordo di quella nave è sbarcato in un territorio norvegese o tedesco “ho l’impressione che sia una posizione più politica che giuridica”. Così il presidente emerito della Corte costituzionale Cesare Mirabelli che analizzando la questione del Decreto interministeriale del 4 novembre 2022 (Interno, Difesa, Infrastrutture), sgombera all’Adnkronos il campo dalle presunzioni e possibili contestazioni di profili incostituzionalità nel Decreto con queste parole: “Qui abbiamo un fenomeno migratorio di tipo economico che non e’ contemplato dalla nostra Costituzione ed esubera anche il problema specifico delle navi”. “La Carta non immaginava una immigrazione di massa come quella che viviamo e si può prospettare nel tempo. La criticità da affrontare è più grande, di dimensioni europee”.

Leggi tutto

Politica

Biden valuta la detenzione per le famiglie di migranti irregolari

L’amministrazione Biden sta pensando di reintrodurre la pratica della detenzione delle famiglie di migranti che attraversano il confine sud degli Stati Uniti in modo illegale

Leggi tutto

Storie

Dieci migranti arrivati in Calabria con barca acquistata da loro

I dieci, di nazionalità turca, siriana e afghana, sono stati trovati in possesso di consistenti somme di denaro e di svariate carte di credito. Tra loro anche due giovani ancora regolarmente iscritti in Turchia in una facoltà universitaria.

Leggi tutto

Storie

L’Esercito di Dio che difende i confini

L’Esercito di Dio che difende i confini: la marcia contro la crisi dei migranti

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il bello dell’ascoltare

Messaggio di Francesco per la 56.ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali: “Tanta sfiducia verso l’informazione ufficiale ha causato anche una ‘infodemia’, dentro la quale si fatica a rendere credibile e trasparente il mondo dell’informazione”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano