Politica

di la redazione

“Vogliono censurare i crimini di Tito”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Italia ha un serio e grave problema di democrazia e non come lo vorrebbero far intendere i compagni rossi. Nel nostro Paese, infatti, esiste una presunzione di superiorità morale da parte di una certa sinistra, secondo la quale la storia dev’essere raccontata solo da un punto di vista, omettendo quanto di orribile sia stato fatto in passato nel nostro Paese dai loro predecessori. Ed è proprio in questa logica anti-democratica che si inseriscono le proteste dell’Anpi di Milano per un evento in programma ieri pomeriggio al Cam Lessona, dove gli storici Franco Giuseppe Gobbato e Giovanni Peco hanno parlato di Borovnica e dei campi di concentramento jugoslavi.

Queste le polemiche pre incontro

Dai vari profili dell’Anpi si sollevano proteste fuori dal tempo e lontane dal concetto di democrazia che si fregiano di voler difendere. “Si terrà un presidio di tutti i cittadini e delle associazioni del quartiere e del territorio per protestare contro la presenza all’interno del Cam di via Lessona 20, negli spazi del Comune di Milano, di una casa editrice di stampo nazista che edita libri antipartigiani, antisemiti e che sbeffeggiano la Resistenza, l’olocausto e i suoi caduti”, si legge in uno di questi. Quasi una “chiamata alle armi” da parte dei partigiani. Roberto Paternoster, presidente della sezione Anpi - Carla Del Rosso di Quarto Oggiaro, ha inviato un accorato appello per protestare contro l’incontro, che comunque resta in programma e senza possibilità di annullamento, che ne dica l’Anpi.

“Sarò presente”, annuncia Stefano Pavesi, consigliere del Municipio 8 di Milano, confermando la sua partecipazione all’incontro nonostante la preannunciata contestazione organizzata dall’associazione dei partigiani. “L’Anpi, che da anni sta portando per le città e per le scuole italiane a parlare di foibe e confine orientale esponenti come Eric Gobetti, che si fanno immortalare con bandiere jugoslave e stelle rosse, vuole impedire che nell’ottantesimo anniversario degli infoibamenti si faccia luce su una tragedia le cui dimensioni sono ancora da scoprire”, ha proseguito il consigliere, denunciando l’ostruzionismo sul fronte jugoslavo.

Pavesi, quindi, conclude: “Mi auguro che la giunta municipale non assecondi pretese di censura, anche perché una mozione del Municipio vincolava la stessa giunta a concedere il Cam per eventi legati al Giorno del Ricordo, a maggior ragione nel momento in cui le associazioni organizzatrici (Comitato 10 Febbraio e Aegd) hanno rispettato tutte le procedure per la prenotazione della struttura”. Infine, sferza: “Per assecondare l’Anpi, alla giunta non resterebbe che istituire un tribunale popolare antifascista che decida chi deve parlare in pubblico e su che tema: proprio come nella Jugoslavia di Tito”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/04/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Politica

Il problema con la libertà dei politici al governo

In almeno tre occasioni, recentemente, i pentastellati hanno messo in mostra un temperamento decisamente illiberale. Primo fra tutti, il tentativo di abolire la prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Con la scusa di azzerare l’impunità dei “corrotti” il M5S vuole scardinare una libertà essenziale come la presunzione di innocenza dei cittadini.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Società

OSTIA, FESTA DELLA VAGINA E CONCERTO DEL ‘BOSS’:  QUANDO GOVERNA LA POLITICA DEL RELATIVISMO

Scendono in campo le chiese di fronte all’ imbarazzante silenzio della politica locale, Nicola Di Matteo Popolo della Famiglia-democrazia cristiana: “deriva ideologica: vigileremo con Fabiola Cenciotti”.

Leggi tutto

Politica

Italia: cambia la revisione auto

Spiacevole notizia per gli automobilisti; in arrivo un aumento dei costi per la revisione dell’automobile. Prosegue l’intensa campagna scatenatasi contro i possessori di veicoli a 4 ruote.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano