Società

di Nathan Algren

Pakistan - Vedova cristiana vittima delle leggi sulla blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gli attivisti per i diritti umani delle minoranze hanno espresso preoccupazione dopo la registrazione di un caso di blasfemia contro Mussarat Bibi, una vedova cristiana, e Muhammad Sarmad, un giardiniere musulmano. Entrambi analfabeti, lavoravano in una scuola nel distretto di Pakpattan come addetti alle pulizie: il 15 aprile hanno riunito diversi scarti di carta per bruciarli, ma secondo alcuni studenti di passaggio nella spazzatura data alle fiamme c’erano anche alcune pagine del Corano. Quattro giorni dopo è stata registrata una denuncia per blasfemia presso la stazione di polizia di Saddar ad Arifwala.

Mussarat Bibi, 46 anni, ha tre figlie, due delle quali sono sposate, mentre la più giovane, di 14 anni, vive con la madre. Il marito della donna, Barkat Masih, lavorava nella stessa scuola come insegnante e dopo la sua morte, avvenuta cinque anni fa, l’istituto aveva assunto la moglie come collaboratrice.

Il presidente dell’organizzazione per i diritti delle minoranze Voice for Justice, Joseph Jansen, ha espresso preoccupazione per l’accusa lanciata con una donna analfabeta di aver voluto intenzionalmente bruciare le pagine del Sacro Corano: “È stata fortunata perché la polizia ha raggiunto il luogo in tempo disperdendo la folla che si era radunata per linciarla”. Il denunciante, un musulmano locale di nome Kashif Nadeem, aveva cercato di fare del male alla vedova cristiana.

Inizialmente la polizia ha preso in custodia Mussarat Bibi, ma durante l’interrogatorio preliminare è venuta a conoscenza del giardiniere Muhammad Sarmad. La polizia ha nominato anche lui nel primo rapporto informativo e lo ha preso in custodia.

“Le leggi sulla blasfemia vengono usate come scusa per violare i diritti delle persone. Nonostante la loro vulnerabilità, i crimini commessi contro le donne e le ragazze restano impuniti, dissuadendole così dal cercare lavoro e dal raggiungere la parità con gli uomini. Sapere che Mussarat è analfabeta, quindi innocente e che stava semplicemente svolgendo il suo ruolo, è una prova evidente dell’abuso delle leggi sulla blasfemia”, ha aggiunto Joseph Jansen, sottolineando che i testimoni che hanno inventato false accuse sono rimasti impuniti, nonostante, secondo il Codice penale pakistano, tale azione comporti una pena dai 5 ai 7 anni: “Se applicata, questa clausola potrebbe modificare l’atteggiamento di coloro che sono coinvolti nelle accuse e dell’opinione pubblica”, ha specificato.

Anche l’attivista per i diritti umani Ashiknaz Khokhar ha detto che le leggi sulla blasfemia “hanno rovinato la vita di molti innocenti nel Paese e ancora nessuno ha cercato di modificarla”.

Un’attivista per i diritti delle donne, Nadia Stephen, ha affermato che le leggi sulla blasfemia in Pakistan sono incompatibili con le norme internazionali sui diritti umani: “Poiché è stato dimostrato che il suo abuso può sfociare nella violenza e alcuni individui si fanno giustizia da soli, la autorità dovrebbero stabilire un piano d’azione nazionale per fermarne l’abuso”. Condannando l’aumento dei casi di blasfemia, Nadia ha sottolineato che la vita di un’anziana vedova è costantemente minacciata in carcere e ha esortato le organizzazioni per i diritti delle donne a sollevare la questione su piattaforme appropriate.

Nei giorni scorsi è stato linciato un religioso musulmano locale chiamato Nigar Alam per aver tenuto un discorso ritenuto blasfemo durante una manifestazione organizzata dal partito Tehreek-e-Insaf (PTI) da cui proviene l’ex primo ministro Imran Khan. Alam, inizialmente rifugiatosi in un negozio, è stato trascinato fuori con la forza e picchiato a morte. La polizia ha comunicato che sono in corso varie indagini.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/05/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La gelida propaganda del poliamore fotografato

Nick e Celeste, 35 e 34 anni, si sono incontrati col servizio okCupid. Il partner sessuale primario di Nick è Celeste, ma egli ha altre due partner che vede un paio di volte al mese e ne sta attivamente cercando altre. Nick ha detto a Celeste di amarla occasionalmente con un po’ di imbarazzo, ma anche Celeste ha molti rapporti sessuali con altre persone, con un paio ha una relazione profonda. Nick e Celeste andranno a vivere insieme, quindi stanno cercando di dare un nome alla loro relazione: sono compagni statisticamente significativi.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Il governo riconosce i servizi delle scuole cattoliche

Rafiah Mallah, vicedirettore del ministero per l’ufficio che sovrintende delle scuole private nel Sindh, ha dichiarato: “Rendiamo omaggio alle scuole missionarie per aver impartito un’istruzione di eccellenza, contribuendo al futuro della nostra nazione con la massima sincerità e dedizione e per aver fornito pari opportunità opportunità di apprendimento per bambini di diversa estrazione etnica e religiosa con grande amore e cura”.

Leggi tutto

Storie

Giovani onesti nello sport

L’iniziativa ha l’obiettivo di diffondere la cultura della legalità in ambito sportivo, educando i giovani a una cittadinanza attiva e al rispetto delle regole, combattendo ogni forma di violenza e di discriminazione e valorizzando l’importanza dello sport come strumento d’inclusione e coesione sociale.

Leggi tutto

Società

Una nuova sanità?

Riflessioni di fondo sulla questione sanitaria talora vista in modo riduttivo e distorcente.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Messaggio per la Giornata Mondiale dei Poveri

Nel Messaggio per la Giornata Mondiale dei Poveri, Papa Francesco torna a stigmatizzare la “sciagura” della guerra in Ucraina

Leggi tutto

Società

LA STAGIONE DELLA FIENAGIONE

In questo periodo dell’anno in molte zone della nostra amata Italia era la stagione in cui si metteva in cascina il prezioso fieno per la stagione invernale, ne sono testimone diretto e partecipe. Sono tradizioni e umili lavori familiari che vanno purtroppo perdendosi, persi nei meandri di una globalizzazione selvaggia che sta facendoci credere di avere tutto comodamente senza sforzo a portata di clic

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano