Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Papa al Celam: sinodalità e servizio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una preghiera al Signore perché “questa Assemblea porti frutti abbondanti per la Chiesa pellegrina in America Latina e nei Caraibi, affinché sia sempre pronta a servire, specialmente i poveri e gli emarginati, discernendo le ispirazioni dello Spirito Santo, in sinodalità con tutto il popolo santo di Dio”. La rivolge Papa Francesco, per intercessione della Beata Vergine Maria, nel messaggio inviato a suo nome dal cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, a monsignor Miguel Cabrejos, arcivescovo di Trujillo e presidente del Consiglio episcopale latinoamericano e dei Caraibi (Celam), in occasione della 39.ma Assemblea generale ordinaria del Celam, che si svolge a Porto Rico dal 16 al 19 maggio. Il Papa ringrazia i vescovi membri della presidenza del Celam per il messaggio che gli hanno inviato in occasione dell’Assemblea, nel quale gli hanno espresso il loro affetto fraterno, assicurandogli il loro ricordo nella preghiera. Al termine Francesco imparte ai partecipanti alla 39.sima Assemblea del Celam la sua benedizione apostolica, “che si compiace di estendere a tutti coloro che sono affidati alle loro cure pastorali”.

Le parole del Papa, secondo i vescovi della presidenza del Celam, sono senza dubbio uno stimolo per la Chiesa del continente in questo momento in cui si decideranno le linee da seguire nei prossimi anni, cercando di rafforzare il processo di rinnovamento e ristrutturazione del Celam avviato nella 37.ma Assemblea generale ordinaria, tenuta in Honduras nel 2019. Allo stesso modo, del processo che si sta vivendo per il Sinodo 2021-2024, molti vedono un preambolo in uno dei momenti di maggior rilievo nella vita della Celam degli ultimi anni, come la Prima Assemblea Ecclesiale dell’America Latina e dei Caraibi, tenutasi in Messico nel novembre 2021, e considerata un esercizio pratico di sinodalità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Chiesa

Newman fra i beati che volano verso gli altari

L’anglicano tornato a Roma è senza dubbio quello il cui nome spicca, nel decreto firmato ieri mattina da Papa Francesco fra le mani del prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi – Angelo Becciu –. Insieme con la sua, però, progrediscono anche le cause di altri due beati, mentre sono tre i venerabili, prossimi beati, delle cui virtù è stata riconosciuta l’eroicità.

Leggi tutto

Chiesa

Possibili vie del traboccamento

Eventuali passaggi non adeguati dal principio immutabile all’accompagnamento specifico possono orientare qualche altro pastore per esempio a variamente temere l’attenzione, nei modi e nei tempi adeguati fin dalla scuola, allo sviluppo spirituale e culturale delle diverse identità, filosofie e religioni. Rifugiandosi in un molto positivo incontro tra di esse

Leggi tutto

Chiesa

Viaggio Apostolico in Slovacchia: Visita privata al “Centro Betlemme”

Papa Francesco ha poi visitato il Centro Betlemme delle Suore di Madre Teresa che accoglie famiglie e persone in difficoltà: possiamo vedere o non vedere Dio, ma Lui ci accompagna nel cammino della vita

Leggi tutto

Chiesa

Vere o fasulle sinodalità

La crescita autentica orienta a cercare di sbloccare tutto ciò che ingabbia la libera maturazione delle persone e a partire da qui la loro libera partecipazione. Non si può dunque trattare, a proposito di sinodalità, di un sistema per imporre a tutti la visuale di qualcuno facendola passare pure, come ulteriore beffa, per condivisa dai più.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano