Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco e sant’Andrea Kim

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Sant’Andrea Kim Tae-gon e gli altri fedeli coreani hanno dimostrato che la testimonianza del Vangelo data in tempo di persecuzione può portare molti frutti per la fede». Lo ha detto oggi papa Francesco nell’udienza generale con i fedeli in piazza San Pietro, che ha interamente dedicato alla figura di questo grande santo dell’Asia di cui la Chiesa coreana ha celebrato l’anno scorso il bicentenario.

Proseguendo il suo ciclo di catechesi sul tema dello zelo nell’evangelizzazione, il pontefice ha richiamato l’esempio del primo sacerdote coreano ucciso in odio alla fede durante la grande persecuzione. “La sua vita è stata e rimane una testimonianza eloquente di zelo per l’annuncio del Vangelo”, ha commentato, ricordando anche che proprio per queste condizioni difficili la prima evangelizzazione della Corea fu opera dei laici. “Noi saremmo capaci di una cosa del genere? Pensiamoci: è una cosa interessante”, ha osservato Francesco.

Il papa ha sottolineato in particolare due aspetti della figura di sant’Andrea Kim. Il primo è il modo che utilizzava incontrarsi di nascosto con i fedeli. “C’era un segno di riconoscimento concordato in precedenza - ha ricordato -; dopo di che, lui poneva la domanda sottovoce: ‘Tu sei discepolo di Gesù?’. Per Andrea Kim era l’espressione che riassumeva tutta l’identità del cristiano”.

Un altro suo compito, quando ancora era seminarista, era stato quello di accogliere segretamente i missionari provenienti dall’estero. Per farlo “una volta – ha raccontato ancora Francesco - egli camminò sotto la neve, senza mangiare, talmente a lungo che cadde a terra sfinito, rischiando di perdere i sensi e di rimanere lì congelato. A quel punto, all’improvviso sentì una voce: ‘Alzati, cammina’. Udendo quella voce, Andrea si ridestò, scorgendo come un’ombra di qualcuno che lo guidava”.

“Il coraggio di rialzarsi quando si cade è un aspetto molto importante dello zelo apostolico”, ha commentato il papa. “Per quanto la situazione possa essere difficile, anzi a volte sembri non lasciare spazio al messaggio evangelico, non dobbiamo demordere e non dobbiamo rinunciare a portare avanti ciò che è essenziale nella nostra vita cristiana, cioè l’evangelizzazione. Questa è la strada”. E rivolgendosi ai fedeli ha aggiunto: “Guarda a questi grandi e tu pensa nel tuo piccolo: evangelizzare la famiglia, evangelizzare gli amici, parlare di Gesù con il cuore pieno di gioia, pieno di forza. E questa la dà lo Spirito Santo. Prepariamoci a ricevere lo Spirito Santo nella prossima Pentecoste - ha concluso - e chiediamogli quella grazia, la grazia del coraggio apostolico, la grazia di evangelizzare, di portare avanti sempre il messaggio di Gesù”.

Nei saluti ai fedeli Francesco infine – nella festa di Maria Ausiliatrice – ha affidato a lei gli anziani, i giovani e gli ammalati e ha ricordato in maniera particolare la famiglia salesiana, così legata a questo titolo mariano. E alle Vergine ha chiesto anche oggi di rivolgere una particolare preghiera per la martoriata Ucraina: “si soffre tanto lì, non dimentichiamoli”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2023
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Chiesa

18 Marzo 1536 – Apparizione Madonna della Misericordia

Madonna della Misericordia - Il 18 marzo 1536, Antonio Botta, un contadino nativo della valle di San Bernardo, a sei chilometri da Savona, si reca di buon mattino nella sua piccola vigna per completare la potatura delle viti. Strada facendo recita, come suo solito, il santo Rosario; giunto al piccolo torrente che deve attraversare pensa di rinfrescarsi in quelle acque, e proprio in quel momento gli appare la Madonna. La sua deposizione ufficiale è conservata nel Santuario, incisa su lastra di marmo fin dal 1596.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: l’Europa malata di stanchezza

Papa Francesco celebra a San Pietro la Messa coi partecipanti alla plenaria del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (Ccee), per il 50.mo dell’istituzione.

Leggi tutto

Chiesa

Sinodalità vissuta o meccanica

Lo Spirito vi condurrà alla verità tutta intera ricordandovi quanto vi ho detto (cfr Gv 16)
La sinodalità può venire intesa come un variamente artefatto dialogo tra alcune persone convocate in modo estemporaneo. Ciò può comportare ugualmente aspetti positivi ma anche i pericoli e le distorsioni del mero fare. Si tratta invece di cercare le vie di una più profonda formazione che apra ad una crescita integrale, spirituale e umana, nello scambio con gli altri.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’importanza di camminare secondo lo Spirito Santo

All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco continua il commento alla Lettera ai Galati e ricorda che Dio “è sempre più forte delle nostre resistenze e più grande dei nostri peccati

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano