Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa e premio internazionale Paolo VI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lunedì 29 maggio, giorno in cui ricorre il 60.mo anniversario dell’elezione di Giovanni Battista Montini, il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella riceverà da Papa Francesco il Premio internazionale Paolo VI. La consegna del riconoscimento avverrà nella sala Clementina del palazzo apostolico. Il premio è nato per iniziativa dell’Istituto Paolo VI al fine di segnalare personalità eminenti che si sono distinte nei diversi ambiti della cultura e nella promozione di una convivenza umana giusta e, in modi diversi, testimoniano la vitalità dell’eredità spirituale di Papa Montini. Il Comitato scientifico e il Comitato esecutivo hanno deciso di conferirlo al presidente Mattarella per la sua dedizione al bene comune in un impegno politico ispirato ai valori cristiani e, insieme, rigoroso nel servizio delle istituzioni civili. “In Sergio Mattarella è inoltre possibile riconoscere l’erede di una grande tradizione di politici cattolici - si legge in un comunicato dell’Istituto Paolo VI - che hanno pensato e contribuito a realizzare l’Unione Europea come spazio di convivenza pacifica e democratica tra i popoli”.

L’Istituto Paolo VI è stato costituito all’indomani della morte di Papa Montini per iniziativa dell’Opera per l’educazione cristiana di Brescia - diocesi dove il 262.mo pontefice è nato e ha compiuto i primi studi - come Centro di studi e di documentazione sulla figura, l’opera e il magistero di Giovanni Battista Montini-Paolo VI. Tra le sue finalità la creazione di una biblioteca specializzata, di un archivio, la promozione di incontri di studio e di pubblicazioni tematiche. Il Premio Internazionale Paolo VI, in ossequio alla memoria di Papa Montini che sentì profondamente le inquietudini e le speranze dell’umanità contemporanea, sforzandosi di conoscerne e di comprenderne le esperienze per ricondurle al confronto illuminante e risolutore con il messaggio cristiano, intende fondere in unità la dimensione religiosa e quella culturale della personalità del pontefice. Il riconoscimento è stato attribuito per la prima volta nel 1984 ad Hans Urs von Balthasar per gli studi teologici e a consegnarlo è stato Giovanni Paolo II. Sono stati poi premiati nel 1988 Olivier Messiaen per la musica, nel 1993 Oscar Cullmann per l’ecumenismo, nel 2003 Paul Ricoeur per la filosofia e nel 2009 la Collana “Sources Chrétiennes” per l’educazione.

La sede dell’Istituto Paolo VI si trova a Concesio, accanto alla casa natale di Giovanni Battista Montini, che è divenuta meta di pellegrinaggio. A custodirla è una comunità delle figlie di Maria Ausiliatrice, ospitata a fianco, che collabora anche alle attività dell’Istituto. Sono le religiose salesiane ad accogliere i visitatori e a far loro da guida. Dal 2014 è stato predisposto un itinerario per la visita della casa alla quale accedono circa 10 mila pellegrini all’anno. L’Istituto organizza varie iniziative per sacerdoti, seminaristi, studenti, per le scuole e accoglie incontri di diversi gruppi ecclesiali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/05/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: stop alle spese militari!

A Ginevra, alla Conferenza della revisione della CCW, monsignor Putzer esorta a proseguire ogni sforzo verso un disarmo generale

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco scrive agli sposi

Nell’Anno della Famiglia “Amoris laetitia”, il Papa dedica ai coniugi una lettera per manifestare la sua vicinanza e il suo affetto. La vocazione al matrimonio è una chiamata a condurre una barca instabile in un mare talvolta agitato” ma dove è presente Gesù

Leggi tutto

Chiesa

Papa, udienza generale: San Giuseppe padre nella tenerezza

Papa Francesco prosegue le catechesi sulla figura di San Giuseppe e mette in risalto la vicinanza di Dio che ama sempre e “non si spaventa” per i peccarti dell’uomo, come nella parabola del Padre misericordioso. Il pensiero alle persone in carcere: è giusto che chi ha sbagliato paghi per il proprio errore, ma è altrettanto più giusto che chi ha sbagliato possa redimersi dal proprio errore

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa al Bambino Gesù: “Grazie per il servizio ai bimbi ucraini”

In un messaggio al presidente dell’ospedale, Mariella Enoc, Francesco ha parole di vicinanza e di ringraziamento per quanto si sta facendo nei confronti dei piccoli arrivati dal Paese in guerra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano