Chiesa

di Nathan Algren

Bangkok: i 50 anni da vescovo del cardinale Kitbunchu

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con una solenne celebrazione tenuta presso il Baan Phu Waan - il grande centro pastorale dell’arcidiocesi di Bangkok, da lui voluto e dove tuttora egli risiede - la Chiesa della Thailandia ha festeggiato i 50 anni di episcopato del card. Michael Michai Kitbunchu, 94 anni, arcivescovo emerito della capitale. Era infatti il 3 giugno 1973 quando ricevette l’ordinazione dopo essere stato chiamato da Paolo VI a raccogliere il testimone di monsignor Joseph Kiamsun Nittayo. Dieci anni più tardi, il 2 febbraio 1983, Giovanni Paolo lo avrebbe poi chiamato anche a diventare il primo cardinale della Thailandia. E tuttora nel collegio cardinalizio è il più anziano porporato proveniente dall’Asia.

Dopo aver guidato l’arcidiocesi di Bangkok per 36 anni, accompagnando la crescita della Chiesa locale di pari passo con l’esplosione della grande metropoli, il card. Kitbunchu dal 2009 è arcivescovo emerito. A succedergli è stato mons. Francis Xavier Kriengsak Kovithavanij, sacerdote cresciuto con Kitbunchu nell’arcidiocesi e proprio da lui ordinato vescovo di Nakhon Sawan prima di essere chiamato alla guida della Chiesa della capitale thailandese e venire anche lui creato cardinale nel 2015. Nonostante l’età avanzata l’anziano porporato thailandese resta una presenza vitale e molto amata dalla comunità cattolica locale, come anche la celebrazione di ieri ha testimoniato.

Tutta la sua vivacità è emersa con chiarezza anche in una lunga intervista sulla sua vita rilasciata dal card. Kitbunchu a un sito internet thailandese proprio in occasione di questo cinquantesimo anniversario. Nel dialogo il porporato ricorda innanzitutto le sue origini, in una famiglia di origini cinesi: “Michai è il nome di battesimo - ha raccontato - ma avevo anche un nome cinese, Hua Xiang. Mio nonno era arrivato dalla Cina più di cent’anni fa e si era stabilito a Samphran, dove sposò una donna thailandese. Erano agricoltori”.

Nell’intervista parla della sua vocazione, dell’ingresso in seminario a 11 anni, degli studi teologici nella Roma di Pio XII e Giovanni XXIIII dove venne ordinato sacerdote nel 1959, dei suoi primi anni di ministero, visitando piccolissime comunità cristiane sparse in alcuni villaggi fuori dalla città. Del suo lungo ministero episcopale racconta di aver voluto essere semplicemente uno strumento nelle mani di Dio per predicare a tutti la Buona notizia del Vangelo. Ricorda l’impegno nella costruzione delle scuole e dei servizi sanitari di qualità aperti a tutti, senza distinzioni religiose.

Cita anche la grande sorpresa per la nomina a cardinale nel 1983: “Fu uno shock, non l’avrei mai immaginato. Chiesi al nunzio del tempo per pensarci. Ma lui mi rispose: è un ordine del papa, devi accettarlo”. E fu durante un incontro privato con Giovanni Paolo II che - alla domanda di Wojtyla di raccontargli della Thailandia – Kitbunchu rispose quasi d’istinto: “Perché non viene lei a casa mia?”. Nel maggio 1984 si sarebbe concretizzata la prima visita di un pontefice in Thailandia.

Della Bangkok di oggi racconta i grandi cambiamenti avvenuti in questi 50 anni: “È cambiato tutto: strade, macchine, televisioni, telefoni… Mi chiedo però se non ci siamo concentrati troppo sugli aspetti materiali e troppo poco sullo spirito e sulla vita morale”. Ma guardando al futuro esprime soprattutto due grande auspici per la Thailandia: “ciascuno possa essere libero di praticare la propria fede e, pur professando religioni diverse, riconosciamoci come fratelli e sorelle nella stessa società. L’unità è la base per vivere insieme. Perché come diciamo noi cristiani: ‘Dove c’è l’amore, lì c’è Dio’”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/06/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano