Storie

di Nathan Algren

India - Estremisti indù minacciano due chiese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alcuni gruppi indù della destra nazionalista indù minacciano due chiese di altrettante missioni nell’arcidiocesi di Delhi. Cioè proprio di quella Chiesa locale di cui il premier Narendra Modi ha visitato la cattedrale in occasione della scorsa Pasqua.

L’ultimo incidente è avvenuto domenica 4 giugno nella chiesa della missione cattolica di San Giuseppe Vaz, a Kherki Daula, nel distretto di Gurugram (Gurgaon). Secondo quanto riferito al sito MattersIndia dal portavoce dell’arcidiocesi Shashi Dharan, subito dopo la funzione inglese delle 10 del mattino, un gruppo di 20-25 persone è arrivato in chiesa indossando sciarpe color zafferano e portando tridenti e spade su biciclette e automobili e ha minacciato il sacerdote e due cattolici che stavano parlando con lui. Il prete è stato anche malmenato. Gli estremisti hanno dato due settimane di tempo per chiudere la chiesa.

La chiesa, aperta nel 2021 su un terreno in affitto vicino a Manesar, un polo industriale dell’Haryana a circa 60 km a sud di New Delhi, serve circa 40 famiglie cattoliche di lingua hindi e 25 di lingua inglese. Dharan ha raccontato che il proprietario della proprietà della chiesa ha chiesto all’arcidiocesi di liberare il posto perché minacciato da radicali indù.

Già alcuni giorni prima, un’équipe dell’arcidiocesi si era recata a Farrukh Nagar, un altro villaggio del distretto di Gurugram, dopo che l’ufficiale della stazione di polizia aveva chiesto loro di recarsi sul posto per discutere di un reclamo presentato da alcuni capi villaggio riguardo a una chiesa costruita lì nel 2020 per servire sette famiglie cattoliche. I capi di cinque villaggi si sono presentati e hanno interrogato l’équipe della Chiesa sulla necessità di costruire una chiesa in quel luogo. Nel frattempo circa 300 persone appartenenti a gruppi della destra nazionalista indù si sono presentati alla stazione di polizia.

Ed è in questo clima - carico di tensioni dal Manipur, al Madhya Pradesh fino all’Hariyana - che l’arcivescovo Andrews Thazhath, arcivescovo di Trichur e presidente della Conferenza episcopale cattolica dell’India (CBCI), ha incontrato proprio domenica a Kochi, in Kerala, il ministro degli Interni dell’India Amit Shah. L’incontro è stato cordiale ed è durato circa mezz’ora. L’arcivescovo - riferisce una nota della CBCI - ha espresso le ansie dei cristiani in India a fronte delle sfide e dei problemi che stanno affrontando in alcune parti del Paese, citando in maniera particolare gli attacchi nel Manipur. Il ministro ha risposto illustrando i risultati della missione a Imphal assicurando i suoi sforzi per la pace. A mons. Thazhath che citava alcuni incidenti concreti come le continue intimidazioni alle scuole del Madhya Pradesh ha risposto che esaminerà la questione e farà il necessario per il bene del Paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Frate Emiliano Antenucci parla di silenzio con Papa Francesco

Dopo i suoi tanti scritti sull’argomento, dopo aver incontrato Papa Francesco, dopo aver raccomandato la devozione alla Madonna del Silenzio, aggiunge queste parole: «In una società malata di rumori, parole, apparenza e alle volte di persone che hanno pubbliche virtù e vizi privati, la cura e il cammino da fare con urgenza è il silenzio, scoperta di una Presenza».

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Chiesa

Mar Awa Royel è il 122esimo Patriarca della Chiesa assira d’Oriente

Nato 46 anni fa a Chicago, e quindi figlio della diaspora assira negli USA, David Royel è stato ordinato diacono già a 17 anni, e in seguito ha conseguito titoli di laurea in sacra teologia presso la Loyola University di Chicago (fondata nel 1870 dai Gesuiti) e presso l’University of Saint Mary of the Lake, nota anche come “Mundelein Seminary”, storico istituto incaricato della formazione teologica e spirituale dei sacerdoti cattolici dell’Arcidiocesi di Chicago

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano