Chiesa

di Raffaele Dicembrino

La via dell’Instrumentum Laboris del Sinodo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Da un termine “di per sé astratto o teorico” a “un’esperienza concreta”. Scandita da un metodo, nel quale anche confrontarsi su “problemi, resistenze, difficoltà e tensioni” diventa un momento di comunione. È il volto della sinodalità che emerge dall’Instrumentum Laboris per la prima sessione della XVI Assemblea generale del Sinodo dei vescovi, presentato oggi in una conferenza stampa in Vaticano in vista dell’appuntamento che vedrà riuniti a Roma per tre settimane dal 4 ottobre vescovi e (per la prima volta per volontà di papa Francesco) anche 70 tra delegati laici, consacrati e sacerdoti provenienti da tutto il mondo.

L’Instrumentum Laboris è la sintesi di quel percorso di ascolto a cui il pontefice dal 2021 ha chiamato tutta la Chiesa a riflettere intorno al tema “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”. Ogni diocesi è stata invitata a dare voce a tutti, con un’attenzione particolare ai poveri e a quanti altri solitamente non hanno voce nelle comunità cristiane. E queste riflessioni raccolte sono andate a confluire in documenti di sintesi elaborati prima a livello nazionale e poi messi in comune in apposite assemblee tenute nei mesi scorsi a livello continentale (in Asia a Bangkok nello scorso mese di febbraio).

Il risultato finale è il testo pubblicato oggi che farà da guida all’appuntamento di ottobre. Una traccia dove a dominare sono le domande intorno a cui i delegati saranno chiamati a confrontarsi. Ma a partire da due punti fermi, che proprio la fase iniziale portata avanti da oltre due anni in tutto il mondo ha fatto emergere con forza.

Da una parte alcuni “segni caratteristici” di una Chiesa sinodale: una comunità che ascolta, che sa chiedere perdono, che non ha paura delle differenze al suo interno e - soprattutto - ha chiara la sfida di tenere insieme la vocazione ad amare tutti con la fedeltà alla verità. Dall’altra un modo di procedere, quello della “conversazione nello Spirito”: un metodo rodato nelle fasi locali del percorso sinodale, dove il silenzio e la preghiera si intrecciano al confronto. In questo spirito, dopo aver dato la parola a ciascuno, il primo passo non è precisare il proprio pensiero, ma partire da ciò che di buono l’altro ha detto. Ed è una strada che aiuta ad evitare rotture, per cercare in maniera comunitaria i passi a cui lo Spirito Santo chiama la Chiesa.

Ed è solo dopo aver delineato con chiarezza nella sua prima parte questa cornice, che l’Instrumentum Laboris nella seconda parte delinea tre “questioni prioritarie” per la Chiesa oggi, a partire dai tre termini indicati dal papa nel tema: una comunione chiamata a irradiarsi, la corresponsabilità di tutti nella missione e le vie di una partecipazione, che traduca la sinodalità anche in compiti di responsabilità e autorità. Per ciascuna di queste tre dimensioni l’Instrumentum Laboris sviluppa cinque schede dense di domande: scorrendole emergono tante questioni estremamente concrete che il percorso sinodale ha fatto emergere.

Per esempio c’è tutto il nodo del rapporto tra la cultura occidentale e le altre culture nella Chiesa o la questione delle forme di discriminazione all’interno delle stesse comunità ecclesiali. Emerge con forza il tema del ruolo della donna in una Chiesa sinodale (e l’Instrumentum Laboris riferisce espressamente che “la maggior parte delle Assemblee continentali e le sintesi di numerose Conferenze episcopali chiedono di considerare nuovamente la questione dell’accesso delle donne al diaconato”). Tra le domande sul rapporto con le altre religioni ci si chiede anche “come testimoniare il Vangelo nei Paesi in cui la Chiesa è in minoranza, senza indebolire la testimonianza della fede, ma anche senza esporre con leggerezza i cristiani a minacce e persecuzioni?”. Quanto alle modalità sull’esercizio dell’autorità nella Chiesa si accenna anche alla possibilità di “procedure di selezione più partecipative, in particolare per i vescovi”.

Tante domande - dunque - a cui però non necessariamente il Sinodo darà subito risposte. “Il suo tema è la sinodalità, non i singoli argomenti - hanno sottolineato nella conferenza stampa di presentazione il segretario generale del Sinodo card. Mario Grech e il relatore ganarale, il card. Jean-Claude Hollerich -. L’importante è che ci indichi un modo per camminare insieme per ascoltare anche su temi su cui esistono opinioni diverse ciò che lo Spirito Santo sta dicendo alle Chiese”. Intanto nell’Assemblea di ottobre vi sarà una novità anche a livello fisico: per il numero dei partecipanti, ma anche per la modalità di lavoro, non si terrà nell’aula del Sinodo ma nell’aula Paolo VI, la grande sala dove il papa tiene le udienze generali. E anche lì in alcune sessioni verrà adottato il metodo dei tavoli di discussione già adottato nelle Assemblee continentali: piccoli gruppi di vescovi, sacerdoti e laici che riflettono insieme. Anche in Vaticano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2023
2002/2024
San Zefirino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

Politica

Cattolici ed evangelici uniti nella difesa della vita

Mi dispiace che in Italia nessuno ha capito il vero danno che avrebbe procurato Hillary Clinton all’umanità, espandendo la cultura della morte, l’ideologia di Obama, e la promessa di estirpare i dogma della chiesa Cattolica. Era difficile se non, raro di trovare un Italiano che non faceva il tifo per Hillary, sacerdoti inclusi. Mi rallegro nel pensare che il manto della Madonna di Medjugorje ha protetto i neonati. Lei e stata fedele al popolo Cattolico degli Stati Uniti che l’ha interpellata con tantissimi rosari, messe, e “all night vigils” davanti alle cliniche di Planned Parenthood, i centri più grandi dell’aborto, che poche settimane fa’ Obama, per tutelare la sua “legacy” ha voluto finanziare permanentemente con i fondi federali.

Leggi tutto

Chiesa

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’aborto è omicidio

“L’aborto è un omicidio” la Chiesa non cambia la sua posizione, ma “ogni volta che i vescovi hanno gestito non come pastori un problema, si sono schierati sul versante politico”. Queste le chiare parole del pontefice rivolte ai giornalisti (in aereo) nel viaggio di ritorno dalla Slovacchia.

Leggi tutto

Chiesa

Cei: necessaria un’ecologia integrale

Il messaggio dei vescovi italiani per la 71.ma Giornata Nazionale del Ringraziamento: riconoscere i diritti di pescatori e pastori, evitare sempre sfruttamento e caporalato

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: il documento UE sul Natale è un anacronismo

Papa Francesco ha parlato ai giornalisti nel volo di ritorno dalla Grecia regalandoci tanti spunti sui quali riflettere a partire dell’Europa ed il Natale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano