Chiesa

di Nathan Algren

Il Papa riconosce il vescovo di Shanghai

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A cento giorni dallo strappo compiuto con il trasferimento deciso autonomamente da Pechino a inizio aprile, papa Francesco ha scelto di accettare la nomina a vescovo di Shanghai di mons. Giuseppe Shen Bin, 53 anni, già vescovo di Haimen. Ma lo ha fatto accompagnando il gesto con un’intervista ufficiale ai media vaticani del segretario di Stato, card. Pietro Parolin, in cui si spiega che il gesto di aprile è stata una violazione dello “spirito del dialogo” su cui si fonda l’Accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi, firmato dalla Santa Sede e da Pechino nel 2018 e rinnovato per la seconda volta nell’ottobre 2022. E si precisa che nominando Shen Bin vescovo di Shanghai, “Francesco ha deciso di sanare l’irregolarità canonica, in vista del maggior bene della diocesi e del fruttuoso esercizio del ministero pastorale del vescovo” che potrà così “operare con maggior serenità per promuovere l’evangelizzazione e favorire la comunione ecclesiale”. Parolin aggiunge che il Vaticano ora chiede a Shen Bin di agire insieme alle autorità cinesi per “favorire una soluzione giusta e saggia di alcune altre questioni pendenti da tempo nella diocesi, come - per esempio - la posizione dei due vescovi ausiliari, mons. Taddeo Ma Daqin, tuttora impedito, e mons. Giuseppe Xing Wenzhi, ritirato”.

Come si ricorderà mons. Taddeeo Ma Daquin è il vescovo ausiliare di Shanghai che dal 2012 si trova di fatto confinato nel seminario di Sheshan dopo aver pubblicamente rifiutato l’adesione all’Associazione Patriottica, l’organismo attraverso cui il Partito comunista cinese controlla i sacerdoti e i vescovi “ufficiali”. Mons. Giuseppe Xing Wenzhi è invece un altro vescovo ausiliare di Shanghai, nominato anche lui con l’accordo della Santa Sede, e fatto scomparire l’anno precedente per ragioni mai chiarite.

Oltre a spiegare le ragioni del gesto di papa Francesco, l’intervista del card. Parolin offre uno spaccato molto chiaro delle difficoltà della fase che l’Accordo tra Pechino e la Santa Sede sta vivendo e dei passi che il Vaticano oggi ritiene indispensabili perché il dialogo possa andare avanti. È dall’8 settembre 2021 che non avviene alcuna nomina consensuale, nonostante un terzo delle diocesi cinesi siano senza un vescovo. Il segretario di Stato vaticano ricorda che l’Accordo “ruota attorno al principio fondamentale della consensualità delle decisioni che riguardano i vescovi”, un punto che la Santa Sede sta “cercando di chiarire, in un dialogo aperto e in un confronto rispettoso con la Parte cinese”. “È indispensabile - dichiara - che tutte le nomine episcopali in Cina, compresi i trasferimenti, vengano fatte consensualmente, come pattuito, e mantenendo vivo lo spirito del dialogo tra le parti. Dobbiamo prevenire insieme le situazioni disarmoniche che creano dissapori e incomprensioni anche all’interno delle comunità cattoliche e la buona applicazione dell’Accordo è uno dei mezzi per farlo, unitamente a un dialogo sincero”.

Nell’intervista il card. Parolin cita espressamente “tre questioni aperte nella Chiesa in Cina: la Conferenza episcopale, la comunicazione dei Vescovi cinesi con il Papa, l’evangelizzazione”. Spiega che la Santa Sede “desidera veder crescere la responsabilità dei vescovi nella guida della Chiesa in Cina, e per questo è necessario che si possa riconoscere quanto prima una Conferenza episcopale dotata di Statuti adeguati alla sua natura ecclesiale e alla sua missione pastorale” (l’attuale Consiglio dei vescovi cinesi, presieduto proprio da mons. Shen Bin e rigidamente controllato dal Partito, attualmente non è riconosciuto dal Vaticano anche se è citato nel profilo del nuovo vescovo di Shanghai pubblicato oggi sul sito della Santa Sede ndr).

Il segretario di Stato vaticano sottolinea che “una regolare comunicazione dei vescovi cinesi con il vescovo di Roma è indispensabile per una effettiva comunione: appartiene alla struttura e alla dottrina della Chiesa cattolica, che le autorità cinesi hanno sempre detto di non voler alterare”. Dice a Pechino che “i cattolici cinesi, anche quelli definiti ‘clandestini’, meritano fiducia, perché vogliono sinceramente essere leali cittadini ed essere rispettati nella loro coscienza e nella loro fede”. Chiede alle autorità cinesi di “superare la diffidenza verso il cattolicesimo, che non è una religione da considerarsi estranea - tanto meno contraria - alla cultura cinese”.

Il card. Parolin si dice consapevole degli “ostacoli” che “minano la fiducia e sottraggono energie positive”, ma ribadisce che “il dialogo tra la parte vaticana e la parte cinese resta aperto e io credo che si tratta di un cammino in qualche modo obbligato”. Per renderlo più fluido chiede espressamente “l’apertura di un ufficio stabile di collegamento della Santa Sede in Cina”, che favorirebbe “non solo il dialogo con le autorità civili, ma contribuirebbe pure alla piena riconciliazione all’interno della Chiesa cinese e al suo cammino verso una desiderabile normalità”.

“Abbiamo firmato un Accordo che può essere definito storico - conclude il segretario di Stato - che ha bisogno però di essere applicato integralmente e nella maniera più corretta possibile. Oggi abbiamo bisogno della buona volontà, del consenso e della collaborazione, che ci hanno permesso di stipulare questo patto lungimirante. La Santa Sede è decisa a fare la sua parte perché il cammino continui”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/07/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Cosa accade veramente nella curia di Modena

Sembra che certe testate cattoliche vogliano a tutti i costi fomentare avversioni ai Vescovi. Anche a costo di forzature.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Storie

Sandokan era un vescovo italo-spagnolo

Sandokan il pirata creato da Emilio Salgari era un vescovo!  Infatti le memorie di Carlos Cuarteroni, di Cadice, ispirarono a Emilio Salgari le avventure del pirata. Secondo quanto ricostruito Emilio Salgari, era un attento topo di biblioteca, nelle cui mani capitò un incredibile rapporto presentato a Papa Pio IX nel 1849. Quando lo lesse, credette sicuramente che gli fosse caduto un dono dal cielo tra le mani. Il contenuto di quel rapporto erano le memorie di un marinaio spagnolo che dopo mille incredibili avventure era diventato frate trinitario e Prefetto Apostolico, e si dedicava a lottare contro il traffico di schiavi nel Borneo, a Sumatra e in Malesia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la libertà cristiana, fermento universale di liberazione

Nella catechesi dell’udienza generale di oggi, l’undicesima dedicata alla Lettera di san Paolo ai Galati, il Papa ha sottolineato che la libertà donata dal Cristo risorto non entra in conflitto con le culture e le tradizioni. E che la tentazione dell’uniformità, di “un solo modello culturale”, ha provocato tanti “errori nell’ evangelizzazione”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’ncontro con le Clarisse al Protomonastero di Assisi

Il Papa incontrando le Clarisse ha sottolineato l’importanza di avere una mente in pace ed un cuore sereno.

Leggi tutto

Società

Vescovo di Faenza: “Referendum su eutanasia è un allarme!

Il vescovo di Faenza, come riportato dai media, invita i cattolici a tenere presente che “si sta diffondendo sempre di più nel mondo dei cattolici impegnati in politica una cultura pseudo-cristiana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano