Società

di Nathan Algren

“Maledetti”. I migranti contro il patto di Tunisi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nelle ultime ventiquattr’ore in Italia sono arrivati 1.450 migranti: numeri eccezionali che stanno mettendo a dura prova il sistema di accoglienza del nostro Paese. A subire, come sempre, la maggior pressione è l’isola di Lampedusa, dove solo nelle ultime ventiquattr’ore sono arrivati 1.150 migranti, che hanno portato a oltre 2.600 il numero di presenze all’interno dell’hotspot. I pre-riconoscimenti proseguono senza sosta sull’isola, dove il sistema introdotto dal nuovo prefetto di Agrigento sta dimostrando tutta la sua efficacia superando quota 750 quotidianamente, quasi il doppio rispetto al passato. Questo agevola le operazioni di trasferimento e alleggerimento della struttura, da dove oggi partiranno oltre 1.100 persone.

Ma i piani del governo sono di più ampio respiro e l’obiettivo è quello di fermare le partenze o, comunque, rallentarle, lavorando in cooperazione con i Paesi di origine. In questo modo si raggiungono diversi target: togliere il traffico di clandestini dalla rete dei trafficanti illegali, evitare morti in mare, gestire con criterio gli ingressi di immigrati in Europa attraverso i flussi regolari. In quest’ottica è stato firmato il Memorandum di Tunisi tra l’Europa, con rappresentanti Giorgia Meloni, Mark Rutte e Ursula von der Leyen, e il presidente tunisino Kais Saied. L’impegno dell’Europa è di versare 100 milioni di euro in finanziamenti per il Paese come base per un partenariato “che possa affrontare in maniera integrata la crisi migratoria”. Così ha spiegato Giorgia Meloni durante la conferenza stampa congiunta seguente alla firma del memorandum, che ha visto l’Italia protagonista per il raggiungimento del risultato.

L’eco dell’accordo raggiunto si è diffuso in tutto il Continente africano e non sono mancate le esternazioni di rabbia da parte dei migranti, che vedono complicarsi i loro progetti di raggiungere l’Europa. “Forza soldati, non ritirarsi qualunque cosa accada”, è il grido di battaglia che s’alza come incoraggiamento a tentare comunque il viaggio, nonostante tutti i pericoli e i problemi, segno che si tratta di una consuetudine e di una pratica ormai consolidata nella cultura dei popoli subsahariani. “Loro siano maledetti”, è l’imprecazione da parte di un altro, che scaglia contro i rappresentanti europei e il presidente tunisino tutta la sua ira. E ancora: “Non si torna indietro, andremo fino alla fine”, “Finché non tolgono il mare noi passiamo. Zero sconforto”. La propaganda ha messo le sue radici profonde, fomentato generazioni di subsahariani, che ora vedono la traversata verso l’Italia come una sfida personale e sono pronti a vincerla, per dimostrare di essere uomini di coraggio.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Papa Francesco e l’incontro con i migranti

Voci, volti, storie: sono forti le emozioni che circondano la visita di Francesco al Reception and Identification Centre di Mytilene.

Leggi tutto

Politica

LA COPIA CONFORME

Giorgia Meloni rinnega la passione pro-life del discorso andaluso e ce ne eravamo subito accorti perché quando il giorno dopo ci fu la soppressione di un disabile nelle Marche, una di quelle che piacciono tanto a Cappato, l’unica voce di protesta ad alzarsi fu la nostra, non la sua.

Leggi tutto

Politica

Reddito di cittadinanza, in arrivo le modifiche del governo Meloni

Reddito di cittadinanza nel mirino del governo

Leggi tutto

Politica

L’Ue gioca la carta dei rimpatri per superare lo stallo su migranti

Rilanciare la strategia dei rimpatri, e mettere l’Unione europea nelle condizioni di intervenire direttamente nella gestione dei flussi migratori. Al Consiglio europeo in agenda questa settimana, il 9 e 10 febbraio a Bruxelles, sarà un po’ questa la formula su cui si punterà per evitare strappi tra i governi Ue sul dossier dei migranti. Un tema particolarmente divisivo. Sull’incremento dell’azione esterna per la difesa dei confini Ue, in particolare, ha posto l’accento l’ultima bozza delle conclusioni del summit dei leader.

Leggi tutto

Storie

Sudan, civili in fuga all’assalto dei porti

Entrambe le parti in conflitto nel Paese africano, l’esercito regolare e i paramilitari della Forze di supporto rapido (Rsf), si accusano di aver violato la tregua di 72 ore rinnovata il 30 aprile. Le Nazioni Unite stimano che già 100 mila persone hanno lasciato il Sudan dal 15 aprile, ma molte di più potrebbero fuggire se le violenze non si fermano

Leggi tutto

Politica

Ue 175 milioni in aiuti umanitari per i Paesi dell’Africa

L’assistenza rientra nel più ampio sostegno fornito dall’UE alla regione, anche attraverso i contributi di Team Europa alla risposta globale al coronavirus, il sostegno agli interventi per la distribuzione dei vaccini attraverso lo strumento COVAX e altre azioni volte a fornire un sostegno a lungo termine per rafforzare i sistemi sanitari fragili.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano