Società

di Nathan Algren

L’Indonesia blocca l’autorizzazione ai matrimoni interreligiosi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte suprema dell’Indonesia ha vietato ai tribunali di grado inferiore di accogliere le richieste di registrare presso l’anagrafe i matrimoni tra persone appartenenti a diversi credo religiosi. L’imposizione è stata diffusa tramite una circolare in cui il giudice supremo Muhammad Syarifuddin ha esortato tutti i tribunali a rispettare la legge sul matrimonio del 1974.

La normativa vigente impone che un matrimonio possa essere considerato legittimo solo se entrambi gli sposi appartengono alla stessa religione. I cittadini musulmani possono quindi registrare la loro unione presso l’ufficio per gli affari religiosi, mentre i fedeli di altre religioni devono rivolgersi ai registri civili. L’eventualità di matrimonio interconfessionale non è trattata, ma la giurisprudenza, basandosi su una sentenza del 1986, prevede che in caso di matrimonio interreligioso la coppia possa chiedere la registrazione della propria unione all’anagrafe previa autorizzazione del tribunale.

A giugno una corte distrettuale di Jakarta aveva accolto la richiesta di matrimonio di un uomo cristiano e una donna musulmana. Il giudice capo Bintang AL aveva sostenuto che il matrimonio interconfessionale fosse una richiesta legittima e ragionevole considerata l’eterogeneità della popolazione indonesiana.

Il Consiglio indonesiano degli ulema (MUI) si era opposto al verdetto e nei giorni scorsi ha elogiato il divieto della Corte suprema sostenendo che chiarisca la giurisprudenza in materia colmando i vuoti legislativi. “Tutte le parti devono obbedire alla circolare, in particolare i giudici che non comprendono o fingono di non comprendere la legge sul matrimonio”, ha affermato il responsabile delle fatwa del MUI, Asrorun Ni’am.

I difensori dei diritti umani, invece, hanno criticato la circolare perché “chiude qualsiasi progresso compiuto dalle istituzioni giudiziarie dello Stato nel garantire i diritti dei cittadini di diversa estrazione”, ha dichiarato ieri Halili Hasan, direttore esecutivo del Setara Institute. Ahmad Suaedy, docente alla Nahdlatul Ulama Indonesia University di Jakarta, ha aggiunto che diversi ulema consentono i matrimoni interreligiosi perché lo stesso Islam ne riconosce varie interpretazioni.

La questione non è nuova, ma era già emersa a gennaio di quest’anno, quando i nove giudici della Corte costituzionale avevano concordato all’unanimità di non poter accogliere una petizione contro la legge sul matrimonio presentata da un uomo cristiano. E. Ramos Petege, originario della provincia di Papua, aveva chiesto una revisione della norma del 1974 dopo non essere riuscito a sposare la sua fidanzata musulmana a causa dell’incertezza legislativa. La mancanza di riconoscimento legale può causare difficoltà in termini di diritti coniugali, richieste di eredità e accesso alle prestazioni sociali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/07/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Il cuore guarisce ascoltando”

All’appuntamento con l’Angelus della prima domenica di settembre il Papa si sofferma sulla guarigione del sordomuto narrata nel Vangelo di Marco. Al termine della preghiera mariana ricorda il popolo afgano, le popolazioni Usa colpite dall’Uragano e il viaggio in Ungheria e Slovacchia ormai in arrivo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Politica

Biden non tutela i cristiani in Nigeria

La Nigeria è il luogo dove ogni anno muoiono più cristiani al mondo per mano dei terroristi islamici. Eppure il dipartimento di Stato ha cancellato la Nigeria dalla lista nera per inserire invece la Russia

Leggi tutto

Storie

INDIA - Atti vandalici in una chiesa cattolica nel sud dell’India

Nelle ultime settimane in diversi distretti dello stato del Karnataka, nel sud dell’India si sono registrati episodi di tensione intercomunitaria e di violenza a danno dei cristiani. Alla radice delle tensioni vi è il nuovo disegno di legge che intende limitare le conversioni religiose, presentato nella sessione assembleare del Parlamento statale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano