Storie

di Roberto Signori

Sono anziano ma non ci casco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 32% delle persone over 65 è stato vittima di truffa. Lo dichiara l’Acli in occasione della presentazione del progetto “Sono anziano ma non ci casco” presso la Sala del Carroccio del Campidoglio a Roma lunedì 24 luglio, lanciato a ridosso della Giornata Mondiale dei nonni e degli anziani. Informazione e prevenzione alle truffe, supporto psicologico, inclusione, partecipazione e protagonismo. Sono questi gli strumenti che l’iniziativa vuole fornire per tutelare coloro che potrebbero diventare vittime prescelte di truffatori e malintenzionati. Il progetto, promosso dalle Acli e sostenuto dall’Assessorato e dipartimento alle Politiche Sociali e alla Salute di Roma Capitale, in collaborazione con Fap Acli Roma e Polizia di Stato, si articolerà in una serie di incontri che verranno effettuati nei centri anziani di tutti i Municipi di Roma Capitale coinvolgendo oltre 2.000 persone.

“Questo progetto nasce dall’esperienza delle Acli di Roma, che assieme alla Federazioni Anziani e Pensionati da 9 anni porta avanti questa iniziativa, sotto richiesta degli stessi anziani che si sentivano particolarmente vulnerabili e fragili, perché le truffe erano sempre in agguato”, spiega Lidia Borzì, presidente delle Acli Roma. “La proposta punta ad andare oltre la semplice informazione perché vogliamo contrastare anche la solitudine, considerata il terreno fertile in cui si sviluppano le truffe. Più gli anziani sono soli, più diventano prede dei malfattori”.

“Noi siamo da sempre impegnati in un’attività di prevenzione su tutto il territorio con campagne di sensibilizzazione capillari che prevedono incontri in chiese, oratori e teatri. Inoltre, svolgiamo attività di repressione grazie al lavoro degli uffici investigativi delle questure sul territorio”, dichiara Francesca Picierno, vicequestore aggiunto Polizia di Stato. “Il consiglio che noi diamo è sempre quello di contattare il 112, il numero unico di emergenza, perché interverrà immediatamente un operatore di polizia, quindi una volante per verificare quanto stia accadendo a casa dell’anziano coinvolto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/07/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

24 luglio: la Giornata Mondiale dei nonni e degli anziani

Seconda edizione della Giornata incentrata sul tema: “Nella vecchiaia daranno ancora frutti”.

Leggi tutto

Storie

Brasile, un minibus offre dignità ai senza fissa dimora

La Compagnia delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli celebra nel Paese latinoamericano i 400 anni dalla prima ispirazione della fondatrice dando luce a una nuova opera che cerca di promuovere la salute e il benessere delle persone più svantaggiate guardando a loro come a fratelli e sorelle

Leggi tutto

Politica

Biden non tutela i cristiani in Nigeria

La Nigeria è il luogo dove ogni anno muoiono più cristiani al mondo per mano dei terroristi islamici. Eppure il dipartimento di Stato ha cancellato la Nigeria dalla lista nera per inserire invece la Russia

Leggi tutto

Chiesa

Papa in Congo ed opere caritative

Viaggio Apostolico nella Repubblica Democratica del Congo: Incontro con i rappresentanti di alcune opere caritative

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Udienza: la saggezza degli anziani

All’udienza generale Papa Francesco continua ad approfondire il tema della vecchiaia e indica una responsabilità che è propria delle persone avanti con l’età: prendersi cura dei giovani e indicare loro ciò che conta davvero sull’esempio di Noè, il giusto, che costruisce l’arca per salvare l’umanità

Leggi tutto

Storie

Pakistan: pagine del Corano in strada, genitori arrestati per blasfemia

Nonostante lo sdegno per i fatti di Jaranwala non si fermano in Pakistan i casi di abusi della legge che punisce l’oltraggio al libro sacro dell’islam: un sospetto sui loro figli ha portato dritti in carcere i coniugi Shaukat e Kiran Masih in un clima di fortissima tensione. Mentre a Tandlianwala, un’altra località del distretto di Faisalabad, i cristiani sono stati costretti a fuggire di notte dalle loro case perché minacciati dagli estremisti islamici.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano