Chiesa

di Nathan Algren

Il nuovo ambasciatore indonesiano in Vaticano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il giornalista Trias Kuncahyono si appresta ad iniziare ufficialmente il suo incarico di ambasciatore indonesiano presso la Santa Sede. Nei prossimi giorni si recherà a Roma per consegnare la sua lettera con le credenziali del presidente a papa Francesco, dando avvio alla sua prima esperienza diplomatica all’estero.

Trias è una figura autorevole della società civile cattolica indonesiana ed editorialista del settimanale “Kredensial”. Per questo il presidente Joko Widodo - suo lettore - lo ha scelto come nuovo ambasciatore indonesiano presso la Santa Sede.

Kuncahyono aveva solo sfiorato alcuni anni fa questo ruolo. La sua nomina era però stata bloccata durante l’ultimo processo di “autorizzazione” a causa di una rivalità interna alla politica del Paese del Sud-Est asiatico. Per questo si è detto emozionato per il ruolo: “Non avrei mai pensato che un giorno sarei stato scelto come figura di alto profilo in una missione diplomatica straniera”, ha detto Trias, ricordando come suo padre gli avesse sempre raccomandato di non essere mai troppo ambizioso. “Qualche mese fa - ha aggiunto - sono stato ufficialmente informato che lo stesso presidente Jokowi voleva me come ambasciatore presso la Santa Sede tra le decine di personalità indonesiane che ambivano a questo posto”. A guidare la scelta del presidente indonesiano il modo in cui Kuncahyono descrive come il potere politico debba guidare la società civile verso un bene comune condiviso tra tutti i cittadini.

Nato a Yogyakarta, nella provincia di Central Java, Trias Kuncahyono è entrato nel Seminario di Mertoyudan nel 1974. Successivamente ha studiato scienze politiche all’Università di Gadjah Mada a Yogyakarta. Ha iniziato la sua carriera giornalistica prima a Suara Karya e successivamente a Kompas per più di tre decenni - dove ha svolto anche il ruolo di vice caporedattore occupandosi spesso di Medio Oriente - fino a quando non si è dimesso per aver raggiunto l’età pensionabile.

Papa Francesco ha impiegato appena due giorni per dare la sua approvazione. Sicuramente ha influito anche il retroterra familiare e culturale di Kuncahyono che ha studiato come seminarista. Inoltre suo zio è vescovo emerito della diocesi di Ketapang nel Kalimantan occidentale, monsignor Blasius Pujaraharja, mentre la zia, suor Yosepha SPM fa parte della Congregazione di Santa Maria Vergine di Amersfoort

Sono numerosi gli auguri arrivati a Trias Kuncahyono per questa sua nuova esperienza, a partire da quello dei suoi ex compagni di seminario: “Sarai un messaggero della Chiesa cattolica indonesiana e del suo pluralismo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/07/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Cattedra dell’Accoglienza

“Vulnerabilità e comunità. Tra accoglienza e inclusione” è il tema dell’appuntamento di quest’anno che si terrà dal 27 febbraio al 1° marzo 2024 alla Fraterna Domus di Sacrofano.

Leggi tutto

Politica

Cattolici ed evangelici uniti nella difesa della vita

Mi dispiace che in Italia nessuno ha capito il vero danno che avrebbe procurato Hillary Clinton all’umanità, espandendo la cultura della morte, l’ideologia di Obama, e la promessa di estirpare i dogma della chiesa Cattolica. Era difficile se non, raro di trovare un Italiano che non faceva il tifo per Hillary, sacerdoti inclusi. Mi rallegro nel pensare che il manto della Madonna di Medjugorje ha protetto i neonati. Lei e stata fedele al popolo Cattolico degli Stati Uniti che l’ha interpellata con tantissimi rosari, messe, e “all night vigils” davanti alle cliniche di Planned Parenthood, i centri più grandi dell’aborto, che poche settimane fa’ Obama, per tutelare la sua “legacy” ha voluto finanziare permanentemente con i fondi federali.

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Vere o fasulle sinodalità

La crescita autentica orienta a cercare di sbloccare tutto ciò che ingabbia la libera maturazione delle persone e a partire da qui la loro libera partecipazione. Non si può dunque trattare, a proposito di sinodalità, di un sistema per imporre a tutti la visuale di qualcuno facendola passare pure, come ulteriore beffa, per condivisa dai più.

Leggi tutto

Chiesa

Il Cardinale Erdő: “Fondamentale il collegamento tra il diritto e la vita”

Alla presentazione del libro che raccoglie alcuni dei suoi studi giuridici, l’arcivescovo di Budapest sottolinea l’a concretezza del diritto.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: utilizziamo la pandemia per avvicinarci

In un’intervista al Magazine “50mila volti” curato dalla Cooperativa Operatori Sanitari Associati, il Papa ne incoraggia il lavoro per l’aiuto che offre a molte persone “ad attraversare il loro buio, a non sentirsi soli”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano