Politica

di Giuseppe Udinov

Santa Sede all’Onu: radicare i diritti umani nella dignità della persona

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Va rafforzato il radicamento dei diritti umani “nella dignità comune e inalienabile della persona umana”, perchè rende la promozione dei diritti umani stessi “una fonte di unità, invece di cadere preda dell’individualismo egoistico e della divisione”. Questo perché non mancano le pressioni “per reinterpretare i fondamenti” della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo “e per comprometterne l’unità interna, in modo da facilitare l’allontanamento dalla tutela della dignità umana verso la soddisfazione di semplici interessi, spesso particolari”, come Benedetto XVI denunciava all’Assemblea della Nazioni Unite il 18 aprile del 2008. È l’invito dell’arcivescovo Ettore Balestrero, nuovo osservatore permanente della Santa Sede presso l’Ufficio delle Nazioni Unite ed Istituzioni Specializzate a Ginevra (nominato da Papa Francesco il 21 giugno), nel suo intervento di oggi, 13 settembre, all’ “Item 2” del Dibattito generale alla 54.ma sessione del Consiglio per i diritti umani.

Dopo aver ricordato che nel corso del 2023, la comunità internazionale e il Consiglio celebreranno il 75.mo anniversario dell’adozione della Dichiarazione universale, l’arcivescovo genovese ha sottolineato che “i diritti umani non sono semplicemente un privilegio concesso agli individui dal consenso della comunità internazionale”. Rappresentano piuttosto “quei valori oggettivi e senza tempo che sono essenziali per lo sviluppo della persona umana”.

Ciò significa che “anche se una società o la comunità internazionale rifiutassero di riconoscere uno o più diritti inclusi nella Dichiarazione, ciò non sminuirebbe la validità di quel diritto, né esimerebbe nessuno dal rispettarlo”. Ma anche che i cosiddetti “nuovi diritti” non acquisiscono legittimità “solo perché una maggioranza di individui o di Stati li afferma”. L’esempio più eclatante di questa errata concezione dei diritti, per Balestrero, “è rappresentato dai circa 73 milioni di vite umane innocenti che ogni anno vengono interrotte nel grembo materno, con il pretesto di un presunto ‘diritto all’aborto’ ”

.Guardando all’anniversario dell’adozione della storica Dichiarazione, l’osservatore permanente della Santa Sede ha sottolineato quanto sia tragico che “75 anni dopo molti dei nostri fratelli e sorelle soffrano ancora a causa della guerra, conflitti, carestie, pregiudizi e discriminazioni”. Ed ha lamentato la mancanza, troppo spesso, di quello “spirito di fraternità” al quale la comunità internazionale “si è impegnata in modo inequivocabile”, e denunciato che oggi, troppo spesso, “chiunque sia percepito come debole, povero o privo di ‘valore’ in base a determinate norme culturali viene ignorato, emarginato o addirittura considerato una minaccia da eliminare”. Per questo l’anniversario “offre un’importante occasione per riflettere su quei principi fondamentali che sono alla base della protezione dei diritti umani”

Per combattere la tendenza alla discriminazione ed emarginazione delle persone più vulnerabili, l’arcivescovo ha spiegato che “è essenziale adottare un’opzione preferenziale per i poveri e gli emarginati, per sostenere i loro diritti universali e consentire loro di prosperare e contribuire al bene comune”, come più volte chiesto da Papa Francesco nei suoi appelli a “combattere la cultura dell’usa e getta”. E ha concluso il suo intervento citando un passo dell’enciclica Fratelli tutti, nel quale il Pontefice invita ad impegnarsi “a vivere e insegnare il valore del rispetto per gli altri, un amore capace di accogliere le differenze, e la priorità della dignità di ogni essere umano rispetto alle sue idee, opinioni, pratiche e persino peccati”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/09/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: necessario il disarmo integrale per la pace

Papa - Il Messaggio del Papa è rivolto al 4° Forum di Parigi sulla Pace, in programma dall’11 al 13 novembre: la corsa alle spese militari giustificata dalla deterrenza dell’”equilibrio degli armamenti” ha già causato grandi tragedie umanitarie. Serve una “speranza responsabile.

Leggi tutto

Storie

In Vaticano migliaia di documenti sul Giappone feudale

Restaurati e digitalizzati con la collaborazione di istituzioni culturali nipponiche migliaia di antichi rotoli che raccontano la persecuzione contro i cristiani tra XVII e il XIX secolo. Li fece arrivare alla Biblioteca Apostolica Vaticana nel 1953 il missionario salesiano Mario Marega

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai Missionari: perdonate

Nel terzo incontro con i mille sacerdoti e religiosi chiamati ad essere nel mondo segno concreto della misericordia di Dio, Francesco propone come ispirazione la figura biblica di Rut, premiata per la sua generosità disinteressata e la sua misericordia verso l’anziana suocera Noemi. “Perdonate sempre”.

Leggi tutto

Storie

Onu: bambini birmani torturati e uccisi dai militari

Il relatore speciale per i diritti umani delle Nazioni Unite ha presentato un rapporto di 40 pagine che documenta abusi e violazioni. Almeno 250mila i bambini sfollati; 382 mutilati o morti, oltre 1.400 arrestati. Quelli privati dello studio hanno superato quota 7,8 milioni, circa 33mila deceduti di malattie curabili.

Leggi tutto

Chiesa

Nuove nomine nella Pontifica Accademia per la Vita

Quattordici nuovi ordinari e rinnovato il Consiglio direttivo con cinque membri. In preparazione l’Assemblea del 20-22 febbraio 2023

Leggi tutto

Chiesa

La via dell’Instrumentum Laboris del Sinodo

Presentato in Vaticano il documento che guiderà i lavori dell’Assemblea di ottobre, frutto della consultazione avviata in tutto il mondo nel 2021.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano