Media

di Mario Adinolfi

ANCORA IN TV, PERCHÉ?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Stasera (ieri sera) parte da Dritto e Rovescio di Del Debbio la mia ennesima stagione televisiva. Sono più di trent’anni ormai da quando Maurizio mi chiamava al suo Costanzo Show e già allora c’era chi arricciava il naso: “Non andare in quelle trasmissioni, sono un circo”. Il talk di Paolo come quello di Costanzo hanno in comune un dato: ora come allora sono la trasmissione di quel genere che fa i massimi ascolti pur avendo molte imitazioni.

Negli ultimi 12 mesi sono stato da tutti, da Vespa e da Giletti, da Mentana e da Formigli, persino dalla Bortone e da Brindisi. Dopo trent’anni ho provato a mettere in fila le trasmissioni ideate e condotte (Settimo Giorno per Raiuno, Pugni in Tasca per Mtv, Settanta in Due con Daniele Capezzone per Rcf, Contro Adinolfi per Nessuno Tv, Finimondo e Morning Show per Red Tv, Segni dei Tempi per Byoblu) con le infinite a cui ho partecipato senza contare l’esordio a Doppio Slalom nel 1985 (Maurizio Costanzo Show, Porta a Porta, l’Arena, Non è l’Arena, Agorà, Grazie al cielo sei qui, Omnibus, Mattino Cinque, il Tornasole, Unomattina, L’Italia in diretta, La vita in diretta, Storie italiane, Pomeriggio Cinque, Domenica Live, L’Aria che Tira, Piazza Pulita, Ballarò, Samarcanda, Il Rosso e il Nero, le Iene, Tetris, Otto e Mezzo, Coffee Break, Cartabianca, Zona Bianca, l’Istruttoria, Exit, Tagadà, Dritto e Rovescio più tutti i tg, gli approfondimenti dei tg e gli spazi della par condicio sotto elezioni) per giungere alla conclusione che ho sempre e solo scelto la tv fatta di parole, non a caso poi molta popolarità mi è arrivata con la radio sia per i programmi da me condotti (su tutti Il Mormorio di un vento leggero) che per quelli a cui ho assiduamente partecipato (su tutti la Zanzara).

Quando provarono a farmi deviare percorso, offrendomi una montagna di soldi per un reality show di prima serata, sulle prime cedetti sedotto dal denaro, e infatti la notizia della mia sorprendente partecipazione si diffuse rapidamente su tutti i giornali dell’epoca, poi in extremis però mi ritrassi e rinunciai ai soldi e al reality. Ancora oggi c’è chi mi rimprovera. Già perché poi c’è sempre chi critica, chi ti dice che vai troppo in tv, chi ti dice che ci vai troppo poco, chi dice che non bisogna frequentare “i pollai”, chi dice che certe trasmissioni sono “squalificanti” ma poi quando mi prendo due o tre mesi di pausa vengono a dire “non ti vedo più in tv, come mai?”.

Io credo di aver scelto una modalità equilibrata di fare televisione con un obiettivo preciso: far risuonare le mie idee, senza nessun cedimento alla vanità della tv. Non curo il look, non frequento lo star system, non tesso relazioni, non cerco padrini. Ho attraversato trent’anni di televisione senza che nessuno possa mai dire “Adinolfi è protetto da”. Mi sono mantenuto totalmente libero e quasi scostante, non faccio comunella, non ho amici “televisivi”. Sono protetto solo dalle mie idee, da Dio che mi ha donato una modalità chiara e sintetica di esporle. Sono antipatico a moltissimi e vado ancora in tv perché nonostante tutte le rivoluzioni della comunicazione solo con la tv generalista le mie idee arrivano contemporaneamente a milioni di persone, non c’è mezzo altrettanto potente. Sono grato a chi, nonostante i miei spigoli, continua ad accendere sulle mie idee la telecamera per mandarle in onda (anche perché la nettezza fa ascolto). Ricordo che vidi don Oreste Benzi al Maurizio Costanzo Show e appresi lì la sua battaglia per togliere le donne dalla schiavitù della prostituzione. Mi convinse immediatamente e in questa foto con alle spalle Maurizio sto discutendo con il figlio di Mina, Massimiliano Pani, della mia posizione contraria alla riapertura delle case chiuse. Il pubblico del teatro Parioli mi contestò. Scoprii il meraviglioso gusto di prendere lo spettatore contropelo.

Stasera da Del Debbio la presidente di Arcigay, un esponente del Pd di Elly Schlein e altri discuteranno se certe idee (le mie) siano o no pericolose. Io non so se siano pericolose, so che ho dedicato la vita a farle passare anche in maniera urticante attraverso quella scatola ormai piatta che tutti avete in salotto. E spero di non aver del tutto sprecato il mio tempo e le mie parole. Poi, domani, mi saprete dire.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Media

LO SMARRIMENTO E IL POSSIBILE RIMEDIO

Giovedì esce per Cantagalli l’ultimo libro di Benedetto XVI, con prefazione di Papa Francesco. Il titolo: “La vera Europa, identità e missione”. Francesco tratteggia il senso profondo del libro: “Oggi in Europa va sempre più smarrendosi proprio l’idea del rispetto di ogni vita umana”. Ratzinger rintraccia l’origine di questo smarrimento: politiche anticoncezionali, “matrimonio” omosessuale diventato legge in 16 Stati europei, sganciamento della genitorialità dalla sessualità e della sessualità dal fine procreativo, politiche abortiste ed eutanasiche

Leggi tutto

Politica

DAMNATIO

Più di un quarto di secolo di sotterfugi e di voltafaccia pur di stare al volante, l’avversario è sempre “fascista” e negli ultimi anni va di moda anche l’aggettivo aggiuntivo “omofobo”. L’Italia ha bisogno di una storia nuova. Sta per aprirsi e dovrà certamente fare a meno di una sinistra così.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano