Media

di Nathan Algren

Serie tv sui medici cinesi in Africa per promuovere la politica degli aiuti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Cina sta preparando una nuova serie tv da lanciare sulle piattaforme locali dedicata alla vita e all’impegno di un gruppo di medici volontari che hanno prestato il loro contributo in Africa. Intitolata “Welcome to Milele” [parola in lingua swaili, diffusa nell’Africa orientale, che sta a significare “per sempre”], la produzione viene girata in Cina e in Tanzania ed è tratta da una storia vera. L’iniziativa si inserisce nel novero dei progetti e delle celebrazioni per il decennale della Belt and Road Initiative e i 60 anni dall’invio del primo team di medici cinesi all’estero, nel 1963. La serie racconta la storia di un gruppo di medici nel villaggio africano di “Milele”, partiti come volontari per aiutare la popolazione locale e formare i colleghi in un clima di amicizia e collaborazione.

Secondo il China Daily con i suoi 32 episodi “Welcome to Milele” è uno dei progetti più importanti in agenda della China’s National Radio and Television Administration e ha ricevuto ampia eco sui media ufficiali e dalle più alte cariche di governo. Entusiasta anche il commento dell’ex ambasciatore della Tanzania in Cina Mbelwa Kairuki, che aveva incontrato la produzione - cast e collaboratori - prima della loro partenza per la nazione africana.

Le statistiche ufficiali mostrano che la Cina ha inviato oltre 30mila operatori sanitari in 76 nazioni al mondo dal primo gruppo partito nel 1963 per l’Algeria. L’invio di aiuti internazionali da parte del governo di Pechino risale fin dagli inizi degli anni ‘50, durante le prime fasi del regime comunista di Mao Zedong, insieme ad aiuti militari e intervento diretto per diffondere l’ideologia comunista. In questo scenario si inserivano anche gli investimenti in mega-progetti e infrastrutture all’estero, come nel caso della ferrovia di Tazara che collegava il porto di Dar es Salaam, nella Tanzania orientale, con la città di Kapiri Mposhi, in Zambia: fu il più imponente progetto di investimenti esteri cinese negli anni Settanta, con migliaia di lavoratori inviati nei cantieri e un bilancio di almeno 64 fra operai e ingegneri morti nei cantieri.

A differenza delle motivazioni puramente ideologiche di allora, le autorità di Pechino oggi tengono conto soprattutto delle influenze geopolitiche e della corsa al riconoscimento. La Cina è diventata uno dei maggiori fornitori di aiuti, secondo la filosofia della “non interferenza” nelle questioni interne dei Paesi aiutati. Tuttavia, analisti ed esperti concordano nel mostrare “la scarsa trasparenza” degli accordi siglati da Pechino all’estero, la cui stima è peraltro difficile da valutare. A questo si aggiunge il prerequisito in base al quale il dragone tace sugli abusi dei diritti umani e la corruzione nei progetti infrastrutturali e, in cambio, i Paesi aiutati difendono la Cina su questioni sensibili come Taiwan, Xinjiang e il Tibet.

Le critiche e il malcontento nei confronti degli aiuti esteri esistono anche all’interno della Cina, dove la popolazione a basso reddito è ancora molto numerosa. Pechino ha pubblicato tre libri bianchi sugli aiuti esteri nel 2011, 2014 e 2021, ma l’ammontare dettagliato non è mai stato definito e resta coperto dal mistero. Nel 2020 il ministero cinese degli Esteri ha annunciato di voler estendere la data di scadenza di debiti emessi nei confronti di 77 Paesi, senza fornire un elenco. Da qui sul web e sui social network commenti fra i quali “gettare denaro” o “comprare il sostegno alla politica di una sola Cina”, prontamente censurati e rimossi dal governo.

L’espansione dell’ambiziosa Belt and Road Initiative è entrata nel decimo anno e la Cina continua a promuovere la strategia nonostante queste critiche. Il Fondo per la Via della Seta proposto da Xi Jinping venne avviato con 40 miliardi di dollari Usa, che hanno ricevuto una ulteriore iniezione di denaro pubblico con 100 miliardi di yuan (oltre 13,7 miliardi di dollari) nel 2017. Un fiume di denaro destinato ad aumentare in futuro, per sostenere i progetti esteri del presidente Xi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/09/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La famiglia al centro

In tv nel tempo in cui la famiglia “tradizionale” sembra essere odiata da tutti i teorici della sua distruzione, l’origine narrativa di ogni racconto da lì prende spunto.

Leggi tutto

Politica

La Cina ed i diritti umani

Pechino nega accesso illimitato all’Alto commissario Onu Nella sua visita Michelle Bachelet si dovrà muovere all’interno di una “bolla” di sicurezza e senza giornalisti al seguito. La missione servirebbe ad appurare le accuse rivolte a Pechino di aver imprigionato 1,8 milioni di uiguri, kazaki e kirghisi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - L’Africa non va sfruttata ma promossa

Il Pontefice ha incontrato, per i suoi 70 anni di vita, in Aula Paolo VI, la comunità missionaria di “Medici con l’Africa – Cuamm”, invitando a valorizzare il “capitale intellettuale” dei giovani del continente

Leggi tutto

Storie

Vocazioni sacerdotali in aumento in Africa e Asia

Conferenza stampa di presentazione, nella Sala stampa della Santa Sede, del Messaggio del Papa per la 60ma Giornata di preghiera per le vocazioni che si celebra domenica 30 aprile

Leggi tutto

Politica

Il cardinale Zuppi a Pechino per la pace in Ucraina

L’arcivescovo di Bologna in partenza per la missione affidatagli da papa Francesco. Se come ventilato da fonti giornalistiche incontrerà il premier Li Qiang sarà il primo incontro di un esponente della gerarchia cattolica con un capo di governo della Repubblica popolare.

Leggi tutto

CEI, colletta per le popolazioni colpite dal conflitto in Terra Santa

Solidarietà alle vittime della guerra in corso tra Israele e Hamas e partecipazione alle loro sofferenze: è l’obiettivo della colletta indetta dalla Conferenza episcopale italiana per il prossimo 18 febbraio, prima domenica di Quaresima, con il sostegno della Caritas italiana e di quella locale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano