{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Beatificato Don Beotti

Storie

di Tommaso Ciccotti

Beatificato Don Beotti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Proteggere e salvare gli ebrei, aiutandoli a fuggire dalla persecuzione nazista, fu senz’altro “l’atto più eroico” di don Giuseppe Beotti e, forse, “tra le cause decisive del martirio”, in quanto frutto di una carità pastorale non sconosciuta all’autorità nazifascista. Il cardinale Marcello Semeraro, prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi. nell’omelia alla Messa di beatificazione di don Beotti, oggi pomeriggio nel Duomo di Piacenza, la Cattedrale Santa Maria Assunta e Santa Giustina, racconta la figura del religioso, vittima dell’odio dei nazisti per aver trasgredito alle regole dettate dalla legge antisemita.

Come arciprete della parrocchia di Sidolo, piccola frazione di Bardi in provincia di Parma, nel 1943, dopo l’armistizio dell’8 settembre, e quindi sotto occupazione tedesca, Beotti soccorse e ospitò soldati in fuga, prigionieri fuggiti dai campi e perseguitati, tra loro un centinaio di ebrei. Nel 1944, per rappresaglia dopo l’uccisione di 70 soldati tedeschi, vennero rastrellati e distrutti i paesi della zona, tra questi Sidolo. Don Beotti, rimasto in chiesa, il 20 luglio fu arrestato e fucilato, per rappresaglia ma anche, e soprattutto, come reazione all’aiuto e riparo da lui offerto a tanti ebrei, Il suo martirio fu testimoniato da chi, pur on avendo assistito alla esecuzione, però corse poco dopo sul luogo dell’eccidio. A morire con don Beotti furono anche il chierico, Italo Subacchi, che aveva trovato ospitalità presso don Beotti, e un confratello, don Francesco Delnevo. “Sappiamo che per i nazisti – sono le parole di Semeraro – il semplice fatto di dare ospitalità agli ebrei era considerato come un crimine punibile con la pena di morte”, esattamente come fu per gli Ulma Josef e Wiktoria, beatificati dal porporato lo scorso 10 settembre in Polonia, altro “esempio luminoso” di beati che, come Beotti, ospitarono e aiutarono “chi era maltrattato quasi fosse suo compagno di patimenti”.

La carità pastorale di don Giuseppe Beotti, prosegue Semeraro, “fu una scelta di vita”, donare ai poveri tutto ciò che aveva, lui che “la povertà, l’aveva sperimentata in famiglia”, ma che però la trasformò in ricchezza di dono, “specialmente per chi alla povertà univa altri gravi disagi”. Il cardinale si sofferma poi su un altro aspetto della vita del Beato, quella che definisce una “carità nascosta” e “conosciuta soltanto dai famigliari e da alcuni intimi”, come quando, sempre dopo l’armistizio, sul treno Parma-Piacenza, “per aiutare un soldato ancora nella sua divisa da alpino, profittando del fatto di essere coperto dalla veste talare, don Beotti gli fece dono dei suoi pantaloni e fece cambio delle scarpe usando quelle da alpino”

.Il cardinale Semeraro si sofferma su quella che testimonianze dell’epoca riconducono ad essere la “causa immediata del martirio”: una distribuzione di pane, sul sagrato della Chiesa, il 20 luglio, rivolta a persone che ne facevano richiesta, “gesto che i nazisti videro da lontano con il binocolo e da cui materialmente si sviluppò il dramma”. Un evento nel quale Semeraro vede un “valore simbolico: l’unità tra esercizio del sacro ministero nella divina liturgia e impegno quotidiano della vita. Fin dalla Chiesa antica, difatti, la condivisione dei beni e la raccolta delle offerte a favore dei bisognosi sono strettamente unite all’anamnesi del sacrificio di Cristo”.

Il beato Giuseppe Beotti, conclude l’omelia il cardinale, allenandosi con questo tipo di doni, “è giunto a fare, come Cristo Pastore, il dono della propria vita. Forte della grazia di Cristo egli è stato vincitore sulla tribolazione, l’angoscia e la persecuzione e oggi, nella Santa Chiesa, la sua luce sorge come un’aurora”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/10/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Società

Se un pediatra vendoliano un giorno

In un’importante sede istituzionale del capoluogo toscano avrà luogo, sabato 7 ottobre p.v., un convegno a senso unico e senza contraddittorio sulla nuova moda di una sinistra che ha dimenticato
il popolo, i lavoratori e i proletari, e che anzi si è rivolta alla demolizione della prole. Il pediatra vendoliano Paolo Sarti, consigliere in Regione, è l’artefice di questo spot LGBT già gravido di sciagure

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Chiesa

Don Giovanni Fornasini è beato

Ha in mano una palma, simbolo del suo martirio. Don Giovanni Fornasini viene raffigurato così nel drappo svelato nella Messa di beatificazione presieduta a Bologna, nella Basilica di San Petronio, dal cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano