Storie

di Roberto Signori

Vescovi: violenza e insicurezza stanno distruggendo il popolo messicano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Quello di Michoacán è uno Stato violento con una storia di violenza sempre più in aumento con scontri tra bande criminali alcune delle quali sembrano anche essere implicate con le autorità”. E’ quanto ha dichiarato l’Arcivescovo di Morelia, Carlos Garfias Merlos, sul contesto di insicurezza e terrore che imperversano negli ultimi anni nello Stato di Michoacán. “La situazione è particolarmente grave soprattutto nelle zone identificate come Tierra Caliente, qui dalla parte di Huetamo, Messico centrale, in località specifiche come Aguililla, Comán, Tepalcatepec, Zamora, Morelia”, ha spiegato il presule.

Tra le iniziative dell’arcidiocesi di Morelia, il vescovo Garfias si è detto particolarmente coinvolto nell’assistenza delle vittime, relazioni con la società civile e le autorità ad ogni livello, formazione ed educazione alla pace. Solo pochi mesi fa, in merito all’assassinio di un sacerdote di Morelia, l’arcivescovo, che da anni è Responsabile del Piano nazionale per la costruzione della pace, aveva lanciato un ennesimo appello al dialogo e alla pace di fronte all’attuale situazione di violenza non solo nell’arcidiocesi, ma anche in altre località del Michoacán e in tutto il Paese. “I valori umani, l’amore, la fiducia, il rispetto e la solidarietà sono andati perduti; Dio è stato espulso dagli spazi pubblici, portando a un’umanità disintegrata, priva di fondamenti antropologici e con una forte tendenza predatoria” si era così espresso il presule.

“Come vescovi ci siamo mobilitati con diversi strumenti per promuovere la pace, e questo è stato l’obiettivo fin dall’inizio”, ha evidenziato Garfias Merlos che in veste di rappresentante della Chiesa cattolica nel Michoacán, fa parte anche del Consiglio del Michoacán per la ricerca della pace e della riconciliazione, che vede impegnati insieme autorità religiose, uomini d’affari, accademici, organizzazioni civili.
“Portiamo avanti modelli educativi nelle scuole, nelle famiglie, nei quartieri e nel lavoro, per generare una cultura del dialogo, della riconciliazione, della mediazione nella risoluzione dei conflitti e per la costruzione della pace”, ha affermato l’Arcivescovo di Morelia. “Le persone stesse sono strumenti per creare condizioni di pace nei rapporti con gli altri. Se riusciamo ad avere pace noi stessi, allora possiamo formulare un atteggiamento di pace con l’altro e aiutarlo ad essere anche lui strumento di pace”, ha concluso.
Alla denuncia di Garfias Merlos fa eco anche quella del vescovo di San Cristóbal de las Casas, diocesi del Chiapas, Rodrigo Aguilar Martínez, sullo stato di assedio, e i blocchi imposti dai narcos: “il sud del Messico è sconvolto dalla violenza” – ha dichiarato – e ha esortato ad intervenire prontamente “per frenare le situazioni di violenza e insicurezza che stanno distruggendo la vita del popolo messicano” che sta alimentando carenza di cibo, mancanza di farmaci e cure mediche.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/10/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Noemi la ragazza assassinata due volte

La propaganda sui femminicidi ha raggiunto livelli di ipocrisia mai visti: a parole le istituzioni sono pronte a dare un braccio per la difesa delle donne, ma poi si limitano ad azioni di facciata tanto ridicole quanto ininfluenti (tipo le iniziative parolaie della Boldrini, le sue rimozioni di busti maschili dalle sale del parlamento, le sue dichiarazioni di indignazione a singhiozzo). Quel che serve per proteggere una donna sotto la minaccia della violenza maschile è un intervento netto e deciso, fisico, materiale: un foglio di carta di diffida non protegge, un ammonimento verbale non fa desistere, un’indagine in corso che dura mesi non previene. Se è vero che anche i colpevoli hanno diritto ad un percorso di recupero, che esso sia vero ed efficace: ci sono stalker che si fanno qualche mese di galera e poi, quando tornano in libertà, si rimettono a perseguitare la propria vittima tale e quale a prima.

Leggi tutto

Chiesa

Tutela abusi, O’ Malley: indagini chiare

Come trasformare il sistema? Serve “un’indagine onesta, un’indagine indipendente e un’azione informata” perchè, afferma il cardinale O’Malley, “non possiamo riparare ciò che non riconosciamo. Non possiamo ripristinare una fiducia infranta se non entriamo nel cuore della questione”.

Leggi tutto

Storie

Eutanasia: si uccidono anche i malati di Covid

Una nuova interpretazione da parte del Ministero della Salute della Nuova Zelanda della legge sul suicidio assistito recentemente promulgata, infatti, dimostra che la cultura della morte ha preso a pretesto il Covid per allargare il suo potere sui malati, ora uccisi con l’eutanasia proprio e anche perché affetti da Covid.

Leggi tutto

Chiesa

OSTIA CAMBIA DALLA LUCE DELLA CROCE DEI GIOVANI

Venerdì 11 ore 20.30, Via Crucis dei giovani cristiani dal Porto di Ostia al Pontile. Il giovane vescovo Dario Gervasi e il responsabile dei giovani di Ostia il diacono Generoso Simeoni con tutti i ragazzi delle parrocchie

Leggi tutto

Storie

Nigeria è morto il sacerdote sequestrato a marzo

L’annuncio è stato dato dall’arcidiocesi di Kaduna. Il decesso di padre Joseph Aketeh Bako è avvenuto lo scorso mese di aprile

Leggi tutto

Storie

Nigeria - Senza sosta le violenze contro sacerdoti, chiese, congregazioni

“Si tratta del terzo attacco solo in questo mese e l’ultimo di 15 attacchi nelle 17 comunità parrocchiali quest’anno” ha affermato p. Francis Agba, parroco della Parrocchia di Sant’Agostino, nello stato di Kaduna.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano