Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il sinodo e le missioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

C’è uno sguardo missionario sul Sinodo che si sta svolgendo in Vaticano. È quello di uomini e donne che vivono nelle periferie ecclesiali di Paesi dove il cristianesimo spesso è minoranza, dove il Vangelo è stato appena seminato, dove l’apostolato assume i contorni di una sfida avvincente e prolifica. Dall’Africa all’Asia, dalla Papua Nuova Guinea all’Antartide, le speranze riposte nel confronto sinodale improntato su una Chiesa accogliente, misericordiosa e attenta ai poveri e ai dimenticati, stanno crescendo sempre di più.

“Questo sguardo è importante perché in fondo è uno sguardo universale” afferma don Valerio Bersano, segretario nazionale di Missio consacrati, organismo missionario della Conferenza Episcopale Italiana. Il sacerdote mette in evidenza che “il processo sinodale ha finora restituito una visione molto positiva, ad esempio sulla riflessione in merito ai ministeri all’interno della Chiesa. E questo fa molto bene soprattutto alla Chiesa in Europa che deve riscoprire la sua missione principale: l’annuncio del Vangelo”.

Le istanze e le sollecitazioni che il mondo missionario ha portato nel cuore del Sinodo con la precedente fase di ascolto e discernimento, sono stili di vita ecclesiale vissuti pienamente. “Ad esempio – sostiene Bersano - le comunità cristiane presenti in numerosi Paesi dell’Africa, dell’Asia e soprattutto dell’America Latina sono realtà nelle quali già si sviluppano quelle dinamiche che il Sinodo sta prendendo in considerazione e sta vagliando”

.A tutti quelli che sono in missione nel mondo, il Sinodo sta offrendo davvero alte aspettative. Don Valerio Bersano le sintetizza così: “Sono quelle legate al fatto che tutti, nella Chiesa, sono chiamati a portare avanti la realtà missionaria nel mondo. Sono anche le aspettative che riguardano la Chiesa europea, che deve comprendere fino in fondo il valore della partecipazione ed il coinvolgimento di tutti”. Il Sinodo, conclude, si propone “di coinvolgere maggiormente ogni battezzato affinché senta la propria missione come una grande opportunità per condividere la propria fede”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/10/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Chiesa

Fao, Papa Francesco ai giovani: rigenerate il mondo scosso dalla pandemia

In un messaggio, letto dal segretario di Stato Pietro Parolin, Francesco si rivolge al direttore generale Qu Dongyu per l’apertura del Forum mondiale sull’Alimentazione al via a Roma da oggi.

Leggi tutto

Società

Caritas: dossier su emergenza climatica

“Il momento è adesso. Avviare una giusta transizione per far fronte all’emergenza climatica”. È il titolo del dossier, pubblicato dalla Caritas Italiana che fornisce dati e testimonianze sull’emergenza climatica ed ecologica, in vista della Cop26

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa avrà due nuovi santi

La Chiesa avrà presto due nuovi santi e cinque beati mentre tra i sei neo venerabili spicca il nome di monsignor Antonio Bello. Il Papa, ha autorizzato i relativi decreti. A essere canonizzati saranno Tito Brandsma (1881-1942) e Maria di Gesù (al secolo Carolina Santocanale 1852-1923) di cui è stata riconosciuta l’intercessione per un miracolo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano