Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - Cittadini in carcere per presunta blasfemia e uso improprio della legge

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Commissione permanente per i diritti umani del Senato del Pakistan ha reso noto che 179 cittadini pakistani si trovano attualmente in detenzione, e in attesa di processo, con l’accusa di blasfemia. Inoltre 17 persone sono già state condannate per il reato di blasfemia e attendono un secondo grado di giudizio. Le statistiche, definite “strazianti” dalla Commissione nazionale per i diritti umani del Pakistan (NHRC) che ha raccolto ed elaborato i dati, sono state diffuse in seguito all’incidente avvento a scorso agosto a Jaranwala, località del Punjab che ha visto una folla violenta distruggere numerose case e chiese, a causa di una presunta accusa di blasfemia a carico di due cristiani.

Il senatore Walid Iqbal, presidente della Commissione permanente per i diritti umani del Senato, aveva chiesto dettagli sui casi di blasfemia, auspicando la formazione di un Comitato di coordinamento nazionale all’interno del Ministero dei diritti umani, incaricato di ideare procedure operative standard per affrontare le questioni che causano sofferenza e ingiusta “punizione collettiva” alle comunità minoritarie. Il senatore Iqbal ha espresso preoccupazione per “il dilagante uso improprio delle leggi sulla blasfemia come mezzo per risolvere vendette personali”. La Commissione si è detta determinata ad esplorare misure per prevenire tali abusi ed esaminerà un disegno di legge a tale scopo.
In tale quadro la comunità cristiana ha appreso una buona notizia: i coniugi Kiran Bibi e Shaukat Masih, coinvolti in un controverso caso di blasfemia un mese fa a Lahore, hanno ottenuto la libertà su cauzione il 18 ottobre. Il caso era scaturito dalla denuncia presentata l’8 settembre scorso ai sensi dell’articolo 295-b della legge sulla blasfemia, che punisce la “profanazione del Sacro Corano” e prevede pene severe, incluso il carcere a vita o la pena di morte. Il denunciante, il musulmano Muhammad Tamoor, ha affermato di aver ritrovato pagine del Corano gettate tra i rifiuti dalla casa dei due coniugi cristiani. Il giudice ha notato che il denunciante non aveva assistito personalmente al presunto reato degli accusati. Una indagine sul posto ha suggerito che, presumibilmente, i figli minorenni dei due avevano scartato alcune pagine di un libro di studi islamici di terza media. Il tribunale ha ricordato che un requisito fondamentale per l’accusa di blasfema è il danneggiamento intenzionale del testo Corano e, in questo caso specifico, questo elemento cruciale sembrava mancare, anche in assenza di una testimonianza oculare. La Corte ha così accolto la richiesta di libertà su cauzione e ha indetto ulteriori indagini.
Commenta Nasir Saeed, direttore della Ong “Centre for Legal Aid, Assistance and Settlement” (CLAAS): “Si tratta di una decisione storica, che sottolinea l’importanza di accertare i fatti e garantire che la giustizia prevalga. Spesso i tribunali rifiutano la richiesta di cauzione e lasciano gli accusati, innocenti, in carcere, senza prove. E’ necessario apportare modifiche adeguate alle leggi sulla blasfemia per evitare che individui innocenti soffrano per crimini che non hanno commesso”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/10/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

Storie

USA - Ragazzina spinta a cambiare sesso dalla scuola tenta il suicidio

Una famiglia residente nel distretto di County Clay, in Florida, ha fatto causa alla scuola frequentata dalla figlia di 12 anni dopo che la ragazzina ha cercato di suicidarsi e i genitori hanno scoperto che gli insegnanti, senza informarli, la stavano spingendo a cambiare sesso per diventare maschio.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Giugno dedicato all’apostolo Pietro

Nella Basilica di San Pietro dopo gli “itinerari mariani” dedicati alla Madonna nel mese di maggio, ecco che per tutto giugno si vivrà una nuova esperienza con quattro appuntamenti dedicati all’apostolo Pietro

Leggi tutto

Media

ALLA RICERCA DELL’ INFORMAZIONE PERDUTA

Siamo di fronte ad un informazione gravemente malata, dove vale la legge della giungla in cui a primeggiare sono solamente i più forti, economicamente parlando ovviamente. Il calo delle vendite sta spingendo a strumentalizzare qualsiasi cosa, a gridare titoli spropositati, a enfatizzare scontri tra le parti in maniera indecorosa, a dare etichette ignobili verso chi la pensa, anche solo leggermente, in maniera diversa

Leggi tutto

Storie

REP.DOMINICANA - La Vergine di Altagracia, “fonte di unità in momenti difficili”

La Vergine di Altagracia è stata per il popolo dominicano fonte di unità nei momenti difficili, mano sicura che sostiene nelle contrarietà che si presentano nel cammino quotidiano

Leggi tutto

Storie

Crisi alimentare in Somalia

In risposta alle conseguenze della perdurante siccità che sta colpendo la regione del Corno d’Africa, la Cooperazione Italiana ha disposto un contributo di emergenza di 500.000 euro in favore delle attività della Federazione Internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (FICROSS) in Somalia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano