Storie

di Giuseppe Udinov

Congo: basta guerre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Si faccia tutto il possibile per porre fine alle sofferenze delle popolazioni dell’Est della Repubblica Democratica del Congo (RDC)” chiedono i membri dell’Associazione delle Conferenze Episcopali dell’Africa Centrale (ACEAC) lanciando un “appello fraterno” ai leader della regione dei Grandi Laghi.

I vescovi cattolici dell’Africa Centrale, riunitisi in consultazione dal 16 al 18 ottobre 2023 a Roma, a margine del Sinodo, hanno incoraggiato i leader della regione “a costruire ponti di pace tra i nostri Stati (Burundi, RDC e Ruanda) e nostri popoli creando condizioni favorevoli alla convivenza in fraternità e complementarità”.
“Siamo consapevoli che la costruzione della pace non è un atto isolato, ma un lavoro comune e collettivo, che coinvolge diversi strati della società e strutture di diversi ordini. In spirito di collaborazione, l’ACEAC rinnova la sua gratitudine a tutti coloro che, nella comunità internazionale, all’interno dei nostri governi, delle nostre istituzioni e delle nostre comunità, investono instancabilmente, a volte a costo della vita, per restituire speranza di giustizia e di pace ai nostri popoli” affermano nel messaggio intitolato “espandiamo le nostre tende per la pace”.
“D’altra parte, esortiamo tutti coloro che, da lontano o da vicino, continuano a seminare morte, desolazione e divisione nella nostra regione, ad ascoltare l’appello della Chiesa alla solidarietà universale e a lasciarsi guidare dalla ricerca di uno sviluppo umano integrale. La nostra comune natura di migranti su questa terra ci insegna che viviamo dei frutti degli alberi che altri hanno piantato. Concentriamoci, durante il nostro viaggio, non sul distruggere tutto, compresi gli altri esseri umani, ma sul piantare altri alberi per le generazioni future”. E proprio rivolgendosi ai giovani dei tre Stati coinvolti (Burundi, RDC e Ruanda) i vescovi hanno raccomandato di non cedere alla manipolazione, all’incitamento all’odio e alla divisione.
Il conflitto nella parte orientale della RDC che vede coinvolti gruppi armati locali e originari dagli altri Paesi della regione dei Grandi Laghi, con circa sei milioni di vittime, è il più sanguinoso dalla Seconda Guerra Mondiale. Secondo uno studio pubblicato dall’International Rescue Committee nel gennaio 2008, la violenza nella RDC ha causato la morte di 5,4 milioni di persone tra il 1998 e il 2007

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/10/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il dramma di uno showbiz divenuto amorale cronico

A forza di non fare moralismo siamo diventati amorali, indifferenti, forse persino incapaci di distinguere il bene dal male. La vicenda di Fausto Brizzi, che appare la vittima sacrificale designata a fare da capro espiatoio al traballante armadio del cinemino italiota, pieno di scheletri, faccia riflettere.

Leggi tutto

Chiesa

La lotta con Dio

Sembra stia gradualmente maturando nella storia un salto di qualità.

Leggi tutto

Storie

Honduras - Assassinato un operatore pastorale indigeno

Anche la rete “Iglesias y Minería” ha condannato “con energia e dolore l’omicidio del difensore dei diritti umani e comunicatore sociale”, chiedendo che le autorità “svolgano un’indagine rapida, esaustiva e indipendente che includa tra le sue linee di indagine il lavoro di difesa dei diritti umani esercitato da Pablo Hernández”

Leggi tutto

Chiesa

Somalia - Monsignor Bertin invita all’unione

La Somalia, alle prese con gravissimi problemi, resta sospesa dal punto di vista politico e quindi esposta al caos, anche a causa dell’incerto processo elettorale. Un accordo aveva stabilito che le elezioni si dovessero tenere entro il 25 febbraio, ma il perdurare delle tensioni fa pensare a un ennesimo posticipo.

Leggi tutto

Chiesa

OSTIA CAMBIA DALLA LUCE DELLA CROCE DEI GIOVANI

Venerdì 11 ore 20.30, Via Crucis dei giovani cristiani dal Porto di Ostia al Pontile. Il giovane vescovo Dario Gervasi e il responsabile dei giovani di Ostia il diacono Generoso Simeoni con tutti i ragazzi delle parrocchie

Leggi tutto

Storie

NIGERIA - Violenze stampo etnico-religioso

In Nigeria le lotte, gli assalti e i rapimenti sembrano essersi ancora intensificati nel nord del paese, più particolarmente nello stato di Kaduna

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano