Società

di Giuseppe Udinov

Profughi ucraini, boom di rientri in patria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Da seicento giorni Olena non metteva piede in Ucraina. Più o meno tanti quanti stanno cambiando il volto del suo Paese dall’inizio dell’invasione russa. «Torno perché non riuscivo più a stare lontana dal mio fidanzato. Lui mi ha assicurato che la situazione è tranquilla almeno a Ternopil, dove abiteremo e dove ci vorremmo sposare». Trent’anni, laureata in economia, è in mezzo a una coda di quasi cinquecento connazionali pronti a salire sul treno quotidiano che dalla Polonia porta a Kiev. Ci starà tre ore, sotto la pioggia, a mezzanotte, con la valigia nera che trascina a fatica e in cui ha racchiuso un anno e mezzo di vita fuori della sua terra. In fila davanti al casottino che ospita i poliziotti di frontiera nell’ultima città polacca prima del confine con l’Ucraina: Przemysl.

Era stato il “porto della salvezza” nella massiccia fuga dai missili di Putin durante le prime settimane di guerra: milioni di profughi sono passati da queste pensiline per rifugiarsi in Europa. Ora è uno dei passaggi del “grande rientro” sfidando anche le bombe. Dall’inizio dell’anno più di quattro milioni di sfollati sono tornati a casa. Come sta facendo la famiglia Boyko: mamma Iryna, il figlio Oleg di 10 anni e la piccola Katarina di 4 che tiene in mano il suo orsacchiotto inzuppato d’acqua per il temporale e l’attesa dei controlli ai passaporti. Un volontario Unicef li accompagnerà vicino a una tettoia e poi li scorterà fino al treno. «Riuniamo la famiglia. Mio marito è rimasto a Vinnytsia», racconta Iryna. Città nel cuore dell’Ucraina.

Ma non è solo nella parte occidentale e centrale dove gli ex rifugiati si fermano. Accade anche nel sud e nell’est, da cui passa la linea del fronte. Terre ad alto rischio come conferma l’annuncio di ieri del ministro degli Interni, Igor Klymenko: nelle ultime 24 ore si è registrato il record di località attaccate dai russi in un solo giorno. Centodiciotto insediamenti in dieci regioni. «Non ce la facevamo più a stare fuori, fra problemi con la lingua, mancanza di soldi, difficoltà a trovare lavoro, appartamenti cari e nodi burocratici», dice Alina Tarasenko, energica signora di mezza età che si lascia alle spalle mesi a Cracovia che, aggiunge, «sta diventando inospitale da quando c’è stata la campagna elettorale che ha portato al voto di metà ottobre».

Oltre il 70% di chi rientra era in Polonia dove, ad esempio, l’impennata di domanda immobiliare dovuta ai profughi ha fatto lievitare gli affitti a Varsavia del 40%. Svizzera e Norvegia vanno oltre: offrono contributi finanziari agli ucraini che scelgono di rivarcare il proprio confine. Sotto la spinta dei disagi economici, del desiderio dei ricongiungimenti familiari e di una percezione sempre più diffusa di maggiore sicurezza nel Paese si riabbraccia la nazione d’origine. Ad alimentare il controesodo sono anche le politiche di accoglienza sempre più complesse nel continente. Compresa la direttiva Ue sulla protezione temporanea che consente agli ucraini di viaggiare nell’area Schengen solo per 90 giorni: una volta scaduto il periodo, devono rimanere nello Stato in cui si trovano.

C’è chi parla di «rimpatri prematuri» per il pericolo russo. Ed il tema dei profughi è stato al centro del colloquio a Roma fra Giorgia Meloni e il capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, l’arcivescovo Sviatoslav Shevchuk, che ha chiesto di superare alcuni problemi per il trasferimento dei rifugiati dalle strutture di accoglienza del Centro-Nord al Sud. «Tutto ciò crea un ulteriore sradicamento», ha detto il presule alla premier che, a sua volta, gli ha ribadito come «l’appoggio dell’Italia all’Ucraina sia una scelta di convinzione». Nel suo viaggio lungo la Penisola, legato prima al Sinodo greco-cattolico ospitato nella Capitale e poi al Sinodo dei vescovi, Shevchuk ha fatto tappa ieri a Bologna dove ha concelebrato con il presidente della Cei, il cardinale Matteo Zuppi. E domenica sarà a Città della Pieve, in Umbria, per incontrare il cardinale Gualtiero Bassetti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/11/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

I vescovi contro l’utero in affitto

Le conferenze episcopali di tutta Europa diramano da Bruxelles una presa di posizione durissima contro la maternità surrogata

Leggi tutto

Società

L’antisemitismo vive in Europa?

La scomparsa del senso religioso nella maggioranza della popolazione, poi, ha fatto eclissare anche il rispetto per il sacro: resta solo il disprezzo per realtà che non si comprendono e che si interpretano con categorie secolari e logiche di profitto e potere, che le sono fondamentalmente estranee, ma che sono le uniche conosciute dal mondo.

Leggi tutto

Società

I drammatici effetti del Covid sui bambini

In un rapporto, in occasione del 75.mo anniversario del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, si segnalano gli effetti drammatici della pandemia sui più piccoli

Leggi tutto

Società

Ucraina:  l’aiuto della Chiesa alla popolazione

Una conferenza organizzata da Aiuto alla Chiesa che Soffre fa il punto sulla situazione nel Paese a otto anni dall’inizio delle tensioni

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: accompagniamo il popolo ucraino che soffre

All’udienza generale, nel giorno in cui comincia il cammino quaresimale, si eleva la supplica per l’Ucraina: chiediamo intensamente al Signore il dono della pace.

Leggi tutto

Società

Gaza, colpita una fabbrica di armi

Raid israeliano a sud della Striscia di Gaza dopo il razzo lanciato ieri su Israele.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano