Storie

di Giuseppe Udinov

L’Ontario riconosce le discriminazioni di casta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Commissione per i diritti umani dell’Ontario (OHRC) ha ufficialmente riconosciuto la discriminazione di casta ai sensi del Codice dei diritti umani della provincia canadese, una mossa che dovrebbe permettere a coloro che appartengono alle caste inferiori e oppresse di rivolgersi ai tribunali in caso di discriminazione.

In un comunicato stampa della scorsa settimana, l’OHRC ha affermato di avere come obiettivo il riconoscimento dei diritti e degli obblighi legali degli individui. Le discriminazioni di casta sono una pratica tipica dell’Asia meridionale - in particolar modo dell’India - di assegnare lo status sociale alla nascita. Negli ultimi tempi anche il Senato della California aveva votato a favore di una legge che ha come scopo quello di proibire il pregiudizio di casta, mentre il Canada e l’India hanno dovuto risolvere una serie di tensioni diplomatiche negli ultimi tempi.

La dichiarazione arriva in risposta a una petizione del dipartimento scolastico del distretto di Toronto, che sette mesi fa aveva chiesto all’OHRC di fornire un quadro per gestire le discriminazioni legate al sistema delle caste all’interno dell’istruzione pubblica. La Commissione ha delineato cos’è il sistema delle caste e il suo impatto sulla vita delle persone per poi spiegare cosa copre il Codice dei diritti umani e i suoi limiti.

Anche se il riconoscimento è un passo importante per coloro che fanno parte della comunità dalit (gli “intoccabili” o fuori casta), secondo alcuni c’è ancora molto da fare: “È bello sapere che il Canada, noto per la difesa dei diritti umani, si unisce agli Stati Uniti e al Regno Unito per l’approvazione della legge contro la discriminazione di casta”, ha commentato ad AsiaNews p. Raj, ex Segretario dell’Ufficio per i dalit e le classi arretrate della Conferenza episcopale indiana. “Tuttavia è triste che gli indiani portino con sé la casta nei Paesi dove migrano insieme ad altre pratiche culturali. Vedendo il modo in cui gli altri Paesi trattano le persone con uguaglianza e dignità, il sistema avrebbe dovuto scomparire da sé”, ha aggiunto. “Sebbene il sistema delle caste sia collegato all’induismo, è diventato una realtà sociale e, indipendentemente dalla religione, le persone sono discriminate, per cui cristiani indiani e sikh affrontano anche nei Paesi europei e nordamericani gli stessi problemi che avrebbero in India. La legge è benvenuta e speriamo che in Canada protegga le persone vulnerabili e i dalit, che vogliono essere riconosciuti per la loro istruzione e il loro talento”:

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/11/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Riguardo a donne e discriminazione

Molto più fecondamente che appellandosi all’incomprensibile nozione di “omofobia”, si contrasterebbe il bullismo stigmatizzando e perseguendo legalmente l’ipotetico reato di “androfobia” e “ginecofobia”: è nel rifiuto della realtà umana così come si dà che si annida il germe dell’odio che poi esplode negli atti di violenza verbale, psichica e/o fisica

Leggi tutto

Media

Vie di sblocco di un’autentica crescita

Il pensiero unico sta svuotando, manipolando, spogliando di tutto, tante persone. È necessario individuare i media liberi, farli conoscere, è necessaria l’accoglienza reciproca al di là delle diversità. Uscire dalle sordità e dagli interessi di bottega che spingono a non imparare dagli altri e a difendere il proprio orticello senza reciproca accoglienza, senza diffondere la conoscenza anche di altri media liberi. Sono miopie che spengono la maturazione delle persone e le lasciano ingabbiate da quel pensiero unico che emargina ogni altra voce. Si ritorcono dunque subito contro la testata sedicente libera ma di tali corte vedute perché, per esempio, la gente non legge più.

Leggi tutto

Chiesa

Angelus sul volo verso il Canada

Saranno loro a raccontare ogni tappa di questo lungo viaggio in Canada appena iniziato. Un pellegrinaggio “penitenziale” da compiere con questo “spirito”, tiene subito a raccomandare, come già fatto domenica scorsa all’Angelus. E proprio per l’impossibilità di recitare in Piazza San Pietro la preghiera mariana, Papa Francesco decide di farlo a bordo e la dedica alla Giornata mondiale dei nonni, voluta sul tema del salmo 92, “Nella vecchiaia daranno ancora frutti”.

Leggi tutto

Politica

QUALCHE DOMANDA VERA PER SFATARE IL MITO SCHLEIN

Leggo di commenti antisemiti verso Ely Schlein e me ne dispiace. Mi dispiace anche che non abbia trovato il tempo per dire una parola di cordoglio per Hillel e Yagal Yaniv, due ragazzini di 21 e 22 anni, fratelli israeliani, uccisi dai palestinesi la sera in cui veniva eletta leader del Pd. I due avevano la colpa di frequentare la scuola rabbinica vicino Nablus. Attorno alla Schlein sta nascendo una nuova mitologia eroica, alimentata dai deliri di Concita Di Gregorio e Michela Marzano, con Michela Murgia perfetta triade della fuffa montata.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Società

Malawi: è emergenza diritti umani e bisogni primari

Dove abbiamo un disastro di questa portata, i problemi di violazione dei diritti umani sono molto comuni. Ad esempio, nei campi che abbiamo visitato ci sono ragazze che attualmente non frequentano le lezioni e sono private dei diritti primari. La nostra preoccupazione è che alcune persone vogliano approfittare della loro situazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano