Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa: troppe guerre e sofferenze, Dio porti a una pace giusta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa Francesco ha visibilmente il cuore colmo di apprensione. Ritorna, ancora una volta, in occasione dell’udienza generale di questo mercoledì 8 novembre, a pregare per i popoli che soffrono la guerra. “Non dimentichiamo la martoriata Ucraina e pensiamo al popolo palestinese e israeliano. Che il Signore ci porti a una pace giusta. Si soffre tanto.”

Nei saluti ai pellegrini di lingua italiana giunti in piazza San Pietro per l’udienza generale, il Pontefice invoca insistentemente la pace:

Soffrono i bambini, soffrono gli ammalati, soffrono i vecchi e muoiono tanti giovani. La guerra sempre è una sconfitta, non dimentichiamo, sempre è una sconfitta.

Le sue parole giungono al mondo mentre, guardando al conflitto in Medio Oriente, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari dichiara che circa 15 mila persone sono fuggite ieri da Gaza City rispetto alle 5 mila di lunedì scorso e alle 2 mila di domenica. Un numero che viene considerato in “forte aumento”. Intanto, l’esercito israeliano ha ucciso nella notte, in un attacco aereo mirato, Mohsen Abu Zina, capo della produzione di armi di Hamas, esperto nello sviluppo di armi strategiche e razzi utilizzati dai terroristi. Sul fronte della guerra in Ucraina, i ministri degli Esteri del G7 si dichiarano “uniti” nella loro determinazione a continuare a fornire “forte sostegno” al Paese invaso dalla Russia.

Nella benedizione ai fedeli di lingua araba, inoltre, il Papa invoca la protezione “da ogni male” e chiede in particolare al Signore Gesù un dono: Il coraggio di operare con tutti coloro che lavorano sulla terra per liberarla dal male e restituirla alla bontà originaria.

Dopo la catechesi, dedicata alla figura di Madeleine Delbrêl, mistica, assistente sociale, saggista e poetessa francese, Francesco si rivolge, tra gli altri gruppi di pellegrini, a quelli di lingua francese, salutando in particolare i membri dell’Unione Nazionale delle Associazioni Familiari Cattoliche. Poi aggiunge un invito: Di fronte al nostro mondo secolarizzato, non lamentiamoci, ma vediamo in esso una chiamata a provare la nostra fede e un invito a comunicare la gioia del Vangelo a tutti coloro che hanno sete di Dio. Chiediamo al Signore la grazia di testimoniare quotidianamente la nostra fede con la fraternità e l’amicizia vissute con ciascuno.

Al desiderio di “diventare pietre vive nel servizio del Signore”, il Papa accenna in un passaggio in cui ricorda la celebrazione, domani 9 novembre, della festa liturgica della Dedicazione della Basilica di San Giovanni in Laterano: una ricorrenza, precisa il Vescovo di Roma, che dovrebbe suscitare proprio questo ardore.

Infine il Successore di Pietro non trascura di menzionare, nel saluto ai pellegrini polacchi, l’imminente anniversario della riconquista dell’indipendenza della Polonia, che ricorre l’11 novembre. “Questa ricorrenza vi stimoli alla gratitudine verso Dio”, afferma il Papa, che esorta: “Trasmettete alle nuove generazioni la vostra storia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/11/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Chiesa

Ha ragione il Papa, dice frate Antenucci: «Il chiacchiericcio è peggio del Covid»

Il frate della Madonna del silenzio ci ricorda con le parole di Papa Francesco l’importanza di usare con attenzione le parole. «Tanta gente vive nel rumore perché nel silenzio emerge la coscienza, si evidenziano i problemi interiori. Nel silenzio non puoi nasconderti, costringe a pensare a chi sei veramente. E se insisti trovi Dio che è già nel tuo cuore e ti attende. Allora il silenzio, esercitato ogni giorno, diventa una ricarica, ti dona le parole da donare agli altri. Il silenzio cristiano non è mai vuoto, ma è la pienezza della presenza di Dio, è il suo respiro nella nostra anima. In questo senso il silenzio non è tecnica, ma un dono di Dio offerto a tutti. Un dono che libera e guarisce ».

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Il discernere sinodale

«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!». Il sensus fidei del popolo cristiano non è invenzione di qualche teologo ma ne parla Gesù stesso nei vangeli. Ma come cogliere una sintesi di esso? Forse il punto è proprio lasciare al complesso del popolo, in cammino con Dio, nel mondo, lo sviluppo della fede. Dunque accettandone le tensioni, gli intrecci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano