Storie

di Roberto Signori

Sollevato dal governo della diocesi il vescovo di Tyler negli Usa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Monsignor Joseph E. Strickland, 65 anni, vescovo di Tyler, in Texas (Stati Uniti), è stato sollevato oggi, 11 novembre, dal governo pastorale della diocesi americana. Lo ha deciso il Papa, che ha anche nominato il vescovo di Austin, monsignor Joe Vásquez, come amministratore apostolico della diocesi resasi vacante.

La decisione è giunta dopo la visita apostolica disposta da Francesco nel giugno scorso nella diocesi di Tyler e affidata a due vescovi statunitensi. La Sala Stampa vaticana non ha fornito ulteriori dettagli. Fonti di agenzia parlano di un vescovo dalle posizioni dichiaratamente “tradizionaliste” e apertamente critico verso il pontificato di papa Bergoglio.

Vatican News ha diffuso una nota del cardinale Daniel Nicholas DiNardo, arcivescovo metropolita di Galveston-Houston. Nel testo si osserva che i presuli che hanno compiuto la visita, il vescovo di Camden, monsignor Dennis Sullivan, e il vescovo emerito di Tucson, monsignor Gerald Kicanas, «hanno condotto un’indagine esaustiva su tutti gli aspetti del governo e della guida della diocesi di Tyler da parte del suo ordinario, il vescovo Joseph Strickland».

«Come risultato della visita - prosegue la nota - è stata fatta la raccomandazione al Santo Padre che la continuazione dell’incarico del vescovo Strickland non era possibile. Dopo mesi di attenta considerazione da parte del Dicastero per i Vescovi e del Santo Padre, si è giunti alla decisione di chiedere le dimissioni del vescovo Strickland. Dopo aver ricevuto tale richiesta, il 9 novembre 2023 il vescovo Strickland ha rifiutato di dimettersi dall’incarico». Di qui la decisione del Papa di sollevare dall’incarico il presule.

«In attesa di disposizioni più definitive per la diocesi di Tyler - riferisce la nota - il Santo Padre ha contemporaneamente nominato monsignor Joe Vásquez, vescovo di Austin, come amministratore apostolico della diocesi di Tyler. Ricordiamo il vescovo Strickland nelle nostre preghiere - conclude il cardinale DiNardo - e preghiamo anche per il clero e i fedeli della diocesi di Tyler e per il vescovo Vásquez»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/11/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’avvenimento cristiano com-porta valori

Nel continuo dibattito intraecclesiale circa le “tematiche essenziali” sembra talvolta che si tratteggino dinamiche analoghe a quelle tra interventisti e non interventisti alla vigilia di una guerra. Sarebbe una visione ben riduttiva. Bisogna invece ricordare che quel cristianesimo che non si propone, anzitutto, come un sistema etico, ne porta però in sé il bagaglio, e feconda la società

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Storie

Papa Francesco: da Gesù arriva la chiamata a cercare l’unità

All’udienza generale in Aula Paolo VI il Papa richiama i cristiani all’unità, a non creare separazioni e differenze sociali. Catechesi sulla Lettera ai Galati - 8. Siamo figli di Dio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano