Storie

di Tommaso Ciccotti

Mine: oltre il 50% delle vittime civili sono bambini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono numeri in aumento quelli che riguardano le vittime delle mine antiuomo secondo il report, presentato a Ginevra, dalla “Campagna Internazionale per il Bando delle Mine Antiuomo” (ICBL), coalizione di organizzazioni non governative che si battono per l’abolizione e contro la vendita di tali ordigni. I numeri sono in crescita anche a causa dell’aumento delle vittime in Ucraina, 608, mentre lo scorso anno erano state 58. Il numero più alto di vittime in assoluto si registra invece in Siria (834) seguita proprio da Ucraina, Yemen e Myanmar, con 500 vittime circa ciascuno. Il problema maggiore verso il disarmo totale è rappresentato dall’utilizzo estensivo delle mine fatto da Paesi che non hanno sottoscritto il trattato sulla messa al bando delle mine antiuomo, come Russia e Myanmar. Mosca ha utilizzato ed utilizza le mine in modo massiccio nell’invasione dell’Ucraina. Anche Kyiv, nonostante sia un membro firmatario del trattato, ne ha fatto uso. “Purtroppo sono tanti i Paesi che non hanno aderito al trattato sulle mine e a quello relativo alle munizioni a grappolo, soprattutto i principali Paesi come Stati Uniti, Russia e Cina – dice Maurizio Simoncelli, vice presidente dell’Archivio Disarmo – finchè questi potenti Paesi non cambieranno approccio, saremo costretti a leggere ogni anno questi tipi di report”.

Le vittime sono principalmente civili, circa l’85%. Elevatissima anche la quantità dei bambini uccisi o feriti, circa la metà dei civili. “Le mine e i proiettili inesplosi colpiscono prevalentemente i civili, che spesso sono ignari che alcune aree siano minate – spiega Simoncelli - in particolare bambini e minori che magari rimangono incuriositi dalle munizioni inesplose e ci interagiscono, rimanendo poi feriti o mutilati, quando non perdono proprio la vita”. Anche i servizi medici di trattamento e riabilitazione rimangono non adeguatamente finanziati, mentre il costo sulla società civile cresce sempre di più. Per l’editore del report, Loris Persi, l’elevato numero di vittime dimostra la necessità di eseguire maggiori investimenti per garantire che i diritti di tutti i feriti siano assicurati. È necessario, prosegue, perseguire una maggiore assistenza per salvare vite, facilitare la riacquisizione della mobilità e garantire una reintroduzione di queste persone nella forza lavoro.

Se dal rapporto emerge una buona notizia, è che si è evidenziato un incremento nei fondi per l’azione globale contro le mine antiuomo, +52% rispetto allo scorso anno. Sono 60 le aree geografiche del mondo infestate dalla presenza delle mine. Queste includono 33 Paesi che hanno sottoscritto il trattato per la messa al bando, che sono obbligate, dall’articolo 5 del trattato, a eseguire azioni di sminamento. Il 60% delle bonifiche sono dovute a due Stati, Croazia e Cambogia, che stanno facendo grandi passi avanti verso la bonifica totale. Sono stati distrutti globalmente quasi 170.000 dispostivi esplosivi, per un territorio bonificato di 219.31km². I Paesi più contaminati sono la Cambogia, che risulta il Paese del mondo dove sono presenti più mine in assoluto, l’Afghanistan, la Bosnia, la Croazia, la Turchia e l’Iraq, con più di 100 km quadrati di territorio invasi dalle mine. Il rapporto presume che nella stessa condizione si trovino anche Ucraina e Etiopia, ma mancano ancora dati definitivi. “La comunità internazionale un poco si impegna nei finanziamenti per gli sminamenti- conclude Simoncelli – ma è evidente che quando si parla di decine di milioni di mine inesplose sul terreno si parla di uno sforzo gigantesco ”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/11/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Media

Sierra Leone; il riscatto degli ex bambini soldato

Formare e seguire i giovani in Sierra Leone a quasi dieci anni dalla conclusione del conflitto civile: è l’obiettivo oggi dei salesiani, presenti da 20 anni nel piccolo Paese dell’Africa occidentale

Leggi tutto

Storie

USA: detenuti maschi trans trasferiti segretamente in una prigione femminile

Secondo un sondaggio alcune agenti carcerarie hanno riferito di essere a disagio per il fatto di dover perquisire i prigionieri transgender con genitali maschili che sono ospitati nelle carceri femminili.

Leggi tutto

Politica

UCRAINA: DI MATTEO (PDF), “SIAMO VICINI ALLA POPOLAZIONE CIVILE”

Di Matteo: “RACCOGLIAMO L’APPELLO DI PAPA FRANCESCO ALLA PREGHIERA E AL DIGIUNO”

Leggi tutto

Società

Prezzo del grano, nuovo record

Il valore del 30% delle esportazioni di grano è dovuto a un fattore determinante, ovvero che Russia e Ucraina siano rispettivamente il terzo e il nono produttori mondiali.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano