Storie

di Roberto Signori

Autismo, la socialità “diversa” sale sul palco e si racconta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In famiglia conviviamo con autismo da vent’anni. Poi ad un certo punto ho sentito l’esigenza di raccontare questa esperienza e di condividerla”. ‘Noi2 tra pesci d’argento e coralli rossi’, è lo spettacolo in scena il 18 e 19 novembre al Teatro degli Eroi di Roma, per la regia di Pier Luigi Nicoletti. Con Francesca Nunzi, la madre, e Lorenza Guerrieri, la coscienza. Lo spettacolo, spiega Paola Nicoletti, presidente dell’associazione ‘Siamo delfini - Impariamo l’autismo’, è tratto dal libro ‘Raccontami il mare che hai dentro. Vivere con un figlio autistico’.

“Ho scritto un libro - spiega Nicoletti - e poi qualche anno dopo abbiamo pensato di cambiare strumento di comunicazione e ne abbiamo tratto una piece teatrale”. Portare l’autismo in teatro è una scelta difficile da rappresentare. “Non ce la siamo sentita - prosegue - di rappresentarlo come una persona perchè tutto rischiava di essere al limite, rappresentando alla fine un’imitazione non riuscita”. Viceversa “abbiamo fatto la scelta di affidarla ad una coreografia con filmati, foto, immagini e musica interpretata dal ballerino Saverio Santangelo”, per capire meglio i comportamenti ed il mondo dell’autismo”. Che, soggiunge, “non è una malattia. Non c’è una cura. Si può forse identificare - prosegue la presidente dell’associazione ‘Siamo delfini’ - come un problema relazionale, di funzionamento diverso di socialità”. “Poi ci sono situazioni più complesse legate all’emotività”.

“Quando si vive accanto ad una persona autistica, come mio figlio - prosegue Nicoletti - si trova la via di capirsi. L’ assenza del linguaggio è un ostacolo enorme ma si può superare con le immagini. Il disegno è fondamentale per le comunicazioni pratiche, tipo se preferisci la pizza o il supplì”. Rimane invece più complessa la comunicazione emotiva, e in quel caso, conclude, “ci si affida di più al cuore, all’amore e alla cura per la persona. Sono infatti persone che non conoscono le nostre brutture umane. E per superare la difficoltà della comunizaione bisogna dedicare molto del nostro tempo a loro”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/11/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Ho vegliato 29 anni IL transito di mia moglie

Parla con noi Nazzareno, il marito di Angela Calise Maroni, morta serenamente ad Avezzano dopo un lunghissimo coma.

Leggi tutto

Politica

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Questa curiosa scelta ( ma molto significativa) risulta da un sondaggio commissionato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato da Demetra.

Leggi tutto

Società

Utero in affitto: un’ostetrica scrive in lettera aperta a Roberto Saviano

«Avere un figlio è un piacere [sic!] che nessuno può vedersi negato»? Una professionista dell’accompagnamento alla genitorialità risponde al filosofo.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Chiesa

La lotta con Dio

Sembra stia gradualmente maturando nella storia un salto di qualità.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Camisasca: “non disporre della vita a piacimento

Il vescovo di Reggio Emilia, Mons, Massimo Camisasca, ammonisce sulla legge del Fine Vita: “eutanasia mette a rischio i più deboli

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano