{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} 83 MINUTI CON FEDEZ

SocietĂ 

di Mario Adinolfi

83 MINUTI CON FEDEZ

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Premessa. Ringrazio Fedez per aver avuto la curiosità intellettuale di confrontarsi non solo con le mie idee ma con me. Come racconta lui stesso all’inizio della puntata di Muschio Selvaggio, al solo fare il mio nome ogni possibile interlocutore “avverso” rifiutava seccamente l’invito. Gli ho spiegato perché costoro avessero tanta paura. Fedez non s’è perso d’animo, ha voluto fortemente la puntata e, sostenuto nel dibattito dalla sua amica attivista Lgbt Cathy La Torre, l’ha portata a casa.

Ne sono usciti 83 minuti densissimi che invito tutti a guardare come fosse un film perché, per quanto mi riguarda, è il documento più preciso mai prodotto della differenza profonda tra due visioni opposte del mondo. Inevitabilmente il livello di conflittualità è stato alto dovendo parlare di famiglia naturale o queer, matrimonio e unioni gay, aborto, omofobia, ideologia gender, chiesa, Vaticano, fede. Ho visto che i giornali riportano lo scontro durissimo scattato sul tema della somministrazione ai bambini under 12 dei bloccanti della pubertà. Sono stato accusato di scarsa empatia perché ho rifiutato l’ennesima riproposizione dello schema dialettico “se fosse tua figlia a voler cambiare sesso”, ho detto chiaramente che operare la castrazione chimica di un bambino sano che sta per entrare nella fase puberale o la virilizzazione di una bambina che sta per avere le sue prime mestruazioni è da “matti criminali”. Cathy La Torre è avvocato ed ha invitato a denunciarmi per quelle mie parole, garantendo il suo sostegno legale. Il solito metodo intimidatorio, ma ho ribadito: “Io le vostre dottrine le rifiuto”. Sulla somministrazione della triptorelina ai minori anche Fedez si è mostrato dubbioso. La vivo come un’importante vittoria.

Fedez ha 14 milioni di followers ed è, con la moglie che ne ha 30, di gran lunga il più potente influencer italiano. Muschio Selvaggio anche solo sul canale Youtube scatena migliaia di commenti e non mi aspetto che siano lusinghieri, ho giocato assolutamente fuori casa, ma hanno dovuto ascoltare. A Fedez rimprovereranno di avermi invitato, quando l’ordine ormai è di silenziarmi e farmi terra bruciata attorno. La sua ostinata volontà di non piegarsi al diktat mi ha fatto piacere e sono lieto di aver accettato il suo invito per un’altra ragione che svelo nei primi minuti della puntata. Poi resta il fatto, ribadito apertamente, che abbiamo “idee opposte” quasi su tutto. Ma in un momento in cui l’attacco alla famiglia naturale è ossessivo (caso Giambruno? Film della Cortellesi? Episodi di cronaca nera? Demolite la famiglia “patriarcale”) aver visto un papà così “alla moda” ammettere che le sole persone per cui si butterebbe nel fuoco sono i propri figli forse servirà a far capire a qualcuno che proprio di padri questo mondo ha disperatamente bisogno.

https://www.youtube.com/watch?v=Q2T1fcigGW0

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/11/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Se il PDF trova la sponda della Chiesa

Questo è semplicemente avere chiara una verità che abbiamo ricevuto e che a nostra volta dobbiamo trasmettere, una verità che non possiamo tacere, una verità che sola basta a salvarci e che ci fa autenticamente liberi.

Leggi tutto

SocietĂ 

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farĂ  la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

Sturzo e l’occasione storica

C’è un’occasione storica oggi per chi crede che davvero “historia est magistra vitae” (e io da laureato in Storia ci credo). Davanti ai ceffi urlanti, che si dicono di tutto e sono pronti a fare di tutto per contendersi un potere che poi gestiscono in maniera analogamente disastrosa, perchĂ© privi di un orizzonte valoriale alto che li faccia agire diversamente, davvero c’è un grande spazio per il neopopolarismo delle parole pacate, refrattario agli slogan semplificatori e piuttosto affascinato dalla complessitĂ . Soluzioni concrete a problemi concreti, individuazione delle emergenze vere e intervento diretto a risolverle, risolutezza nell’azione e pacatezza nella mobilitazione, possono essere chiavi di un ritorno a Sturzo che anche oggi può essere decisivo. I liberi e i forti si muovano, partendo da una dimensione cristianamente ispirata, che impedisca prima di tutto ulteriori danni al territorio della cultura della vita e della famiglia, che va presidiato perchĂ© solo da questo l’Italia può ripartire. Lo sapeva Sturzo e lo sappiamo noi. I 220mila del Popolo della Famiglia che il 20 gennaio invieranno i loro delegati che si ritroveranno a Roma per celebrare non il passato di un primo secolo di popolarismo, ma l’aprirsi al futuro di un secondo secolo in cui un rinnovato appello ai liberi e forti è necessario, saranno i primi protagonisti di questa rivoluzione possibile. Di un cambiamento vero, discontinuo rispetto al presente e totalmente dissimile rispetto ai modelli di gestione attuale del potere.

Leggi tutto

SocietĂ 

Guardando “The Affair”

..... mentre guardavo The Affair in questi anni mi chiedevo se “un cambiamento del cambiamento” non fosse ormai alle porte. Avendo sperimentato io sulla mia pelle tutto quello che la serie televisiva raccontava ed avendone accertato l’estremo realismo nella descrizione psicologica del concatenarsi delle varie decisioni caotiche, mi sono davvero interrogato se dagli Stati Uniti non stia arrivando finalmente un vento opposto rispetto a quello libertario che da mezzo secolo ha devastato le nostre vite

Leggi tutto

SocietĂ 

Una famiglia-Chiesa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano