Storie

di Giuseppe Udinov

Le religioni possono svolgere un ruolo positivo nella promozione della pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Repubblica popolare cinese auspica che “le religioni possano svolgere un ruolo positivo nella promozione della pace e nel rafforzamento della solidarietà”, ricoprendo un “ruolo attivo” soprattutto in merito alla “risoluzione politica del conflitto russo-ucraino”: così Geng Shuang, vice-rappresentante permanente della Repubblica popolare cinese alle Nazioni Unite ha espresso le aspettative delle autorità politiche di Pechino in merito alla partecipazione delle comunità di credenti alla soluzione di guerre e conflitti che dilaniano il mondo il mondo.

Gli auspici delle autorità cinesi sul ruolo positivo che le comunità di credenti possono svolgere nella attuale fase storica sono stati espressi il 17 novembre, durante l’esame che il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha riservato in particolare al coinvolgimento delle Chiese ortodosse conflitto in Ucraina.
Secondo il resoconto riportato dall’Agenzia stampa statale cinese Xinhua, Geng Shuang ha definito la religione come “una parte importante della civiltà umana e un importante vettore di cultura. La coesistenza pacifica, il dialogo e gli scambi tra le diverse religioni all’interno di un Paese” ha proseguito il rappresentante cinese “possono contribuire a promuovere l’armonia sociale e la convivenza civile tra gruppi diversi. E se le questioni religiose non vengono gestite correttamente” ha proseguito Geng Shuang “possono facilmente creare barriere, intensificare le tensioni e persino portare a scontri e conflitti”. Anche nel contesto attuale – ha rimarcato il rappresentante cinese. La Repubblica popolare cinese sostiene “il rispetto reciproco, il potenziamento degli scambi e una migliore comprensione tra le diverse religioni e confessioni religiose, in modo da svolgere un ruolo positivo nell’allentare le tensioni e mantenere la pace”.
Riguardo al conflitto in atto in Ucraina, il rappresentante cinese ha rimarcato che il suo protrarsi “ha dato origine a una miriade di problemi e all’aggravarsi degli antagonismi religiosi, culturali e sociali”. “La Cina si è sempre schierata dalla parte della pace e del dialogo”. Il Vice.rappresentante permanente della Repubblica popolare cinese all’Onu ha ribadito che, a giudizio di Pechino, “il dialogo e i negoziati sono la via fondamentale per raggiungere una soluzione politica alla crisi ucraina”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/11/2023
2002/2024
San Zefirino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

MYANMAR - Ucciso un Pastore battista

Le violenze e la vendetta dell’esercito bimano si abbattono sui civili innocenti in tutto il territorio della nazione. Cung Biah Hum, Pastore cristiano di confessione battista, che cercava di domare le fiamme, è stato colpito a morte. Il Pastore battista, mentre si adoperava per spegnere gli incendi, pregava il Signore perché mandasse forti piogge sulla città. E’ stato ucciso in quel frangente, mentre pronunciava preghiere

Leggi tutto

Politica

L’ultima follia del politicamente corretto: vietato dire “Natale”

Ora sarà vietato anche dire Natale. L’ultima assurdità è contenuta in una comunicazione ufficiale della Commissione europea. Nel testo vengono elencate a una a una tutte le regole che non solo cancellano espressioni del vivere quotidiano comune ma vanno anche contro il buonsenso. Il tutto nel nome del politicamente corretto.

Leggi tutto

Chiesa

CEI - Bassetti: conosciamo bene il flagello della guerra

Dal Palazzo Vecchio di Firenze, l’assemblea congiunta di sindaci e vescovi del Mediterraneo ha firmato la Dichiarazione comune di intenti per la pace, che sarà portata a capi di Stato e di governo e a leader internazionali

Leggi tutto

Politica

Adinolfi e De Carli (PdF): “La via religiosa è decisiva per la pace”

Presidente e consigliere nazionale del Popolo della Famiglia accolgono con entusiasmo la decisione di Papa Francesco di consacrare Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “bisogna fermare la guerra”

L’Osservatore Romano pubblica una sintesi dell’Intervista rilasciata dal Papa al quotidiano argentino La Nación

Leggi tutto

Storie

Egitto: uniti per festeggiare MARIA

Nel monastero di Jabal al Tayr si tocca con mano, durante tutto l’anno, la devozione per la Madre di Gesù diffusa anche tra i credenti musulmani, che vanno in pellegrinaggio al Santuario a pregare e invocare grazie soprattutto nel mese di agosto, nei 15 giorni di festa che precedono e seguono la solennità liturgica della Dormizione di Maria.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano