Storie

di Giuseppe Udinov

ZIMBABWE - I vescovi sul clima post elettorale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“L’atto di derubare le persone della loro voce è una forma di violenza che dovrebbe essere condannata da tutte le persone integre, da tutti i cittadini amorevoli e pacifici” affermano i vescovi dello Zimbabwe nella loro lettera pastorale per l’Avvento nella quale esprimono le loro valutazioni sulle elezioni presidenziali, politiche a amministrative del 23 agosto.

Il voto ha visto la riconferma del Presidente uscente Emmerson Mnangagwa ma le opposizioni ne hanno contestato la vittoria, denunciando “una frode elettorale palese e gigantesca” (vedi Fides 29/8/2023). Nel suo rapporto pubblicato il 17 novembre la Missione di osservazione elettorale dell’Unione europea (EuEom) in Zimbabwe afferma che “il processo ha complessivamente limitato i diritti fondamentali e non è stato caratterizzato da condizioni di parità, aggravate dalle intimidazioni. Durante il periodo post-elettorale, l’Eom dell’Ue ha osservato un clima di punizione”.

Un clima di sospetto e di paura sottolineato nella lettera pastorale pubblicata il 21 novembre. “Nel periodo post-elettorale abbiamo perso la maggior parte dei guadagni che avevamo ottenuto; si è persa la promozione della pace e l’allentamento delle tensioni tra i vari attori politici e i loro sostenitori. Vi sono state ritorsioni contro coloro che si riteneva avessero votato in modo sbagliato, qualunque cosa ciò significasse!”
“Con le recenti destituzioni politiche dei membri eletti del parlamento, dei senatori e dei consiglieri, la nazione è stata spinta in una nuova forma di violenza: le persone legittimamente elette possono essere destituite arbitrariamente. Sembrerebbe che le voci delle persone che hanno votato possano essere facilmente ignorate, come se fossero insignificanti” affermano i vescovi facendo riferimento alle destituzione di 33 parlamentari dell’opposizione.
La Coalizione dei Cittadini per il Cambiamento (CCC), il principale partito di opposizione dello Zimbabwe ha perso 33 nuovi seggi parlamentari, in due fasi: 15 parlamentari e poi 18 sono stati privati del loro posto dopo che un impostore ha annunciato in Parlamento che i deputati avevano lasciato il partito, con conseguente perdita dei loro seggi.
“Agli eletti non è stato dato il mandato dal popolo? Cosa succede quando le voci della gente vengono messe a tacere dai maestri dell’opportunismo politico? Una cosa è certa è che le persone sentono di non essere rispettate e ascoltate. Ciò genera tensioni e molti che non hanno modo di attenuarle le reprimono” sottolinea la lettera pastorale.
Un membro del CCC Tapfumanei Masaya, è stato ucciso l’11 novembre. Due giorni prima stava facendo una campagna per un candidato del CCC a Mabvuku, un sobborgo di Harare, quando lui e un altro oppositore, Jeffrey Kalosi, sono stati costretti a salire su un veicolo. Secondo l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani “i due uomini sono stati torturati. Kalosi era stato rilasciato nella zona in cui è stato ritrovato il corpo di Masaya. “Le persone vengono rapite, brutalizzate e uccise. Recentemente, una vita è andata perduta a causa della politica. Qual è lo scopo di questa violenza? Si tratta di terrorizzare le persone inducendole a votare per un particolare candidato o a non votare affatto?” replicano i Vescovi. Il 9 dicembre si terranno le elezioni parziali per il rinnovo del parlamento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Sylviane Agacinsky sfida Emmanuel Macron sull’utero in affitto

La Francia si appresta al primo turno di voto alle presidenziali. Certa l’uscita dell’attuale presidente socialista Francois Hollande che lascia con il minimo storico dei consensi, ai suoi eredi il compito di risanare l’economia francese e soprattutto di annientare il terrorismo islamico

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Politica

Perché bisogna votare Il Popolo della Famiglia

Questo appello non è evidentemente rivolto a chi ha già deciso il suo voto: se ha scelto di non sostenere il Popolo della Famiglia, auguri a lui e al partito prescelto.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: appello della Chiesa contro le violenze

Nel Paese latino americano si registra, dall’accordo di pace del 2016, una recrudescenza della violenza, con vittime in particolare tra gli attivisti per i diritti umani.

Leggi tutto

Storie

Filippine - Il cardinale Advincula laverà i piedi ai nuovi elettori

Nel Giovedì Santo gesto simbolico dell’arcivescovo di Manila alla vigilia del delicatissimo voto del 9 maggio che designerà il successore di Duterte alla presidenza. Tra i dodici prescelti anche un giornalista per ricordare l’importanza di un’informazione corretta per una vera democrazia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano