Politica

di Stefano Bertollini

FAMIGLIA E SCUOLA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I fatti drammatici di cronaca ai quali abbiamo assistito in questi giorni hanno messo in luce la debolezza del sistema famiglia come è declinata in questi tempi così difficili.

Le violenze di genere che si susseguono hanno messo a nudo la fragilità e al tempo stesso l’importanza della famiglia come collante del tessuto sociale.
Le politiche di governo che fino ad oggi hanno trascurato la famiglia hanno determinato un assenza di strumenti educativi sui quali la società si è costruita.
Gli attacchi alla famiglia tradizionale a cui assistiamo in questi giorni e a cui abbiamo assistito negli ultimi anni,debbono essere contrastati da interventi legislativi volti ad aiutare i nuclei famigliari più deboli affinché si sviluppi nel loro interno un sentimento di rispetto nei confronti di tutti nessuno escluso.
Possiamo immaginare la scuola come sostituto della famiglia, come soggetto a cui delegare l’educazione dei nostri figli?
Nulla di più sbagliato.
Alla scuola dobbiamo delegare il compito di istruire , di completare il percorso educativo che costruiamo all’interno del nucleo famigliare.
La scuola è e deve essere delegata a suggerire scelte professionali e fornire gli strumenti conoscitivi per affrontare il mondo del lavoro ma non potrà mai sostituirsi alla famiglia.
Non potrà mai sostituire i genitori , i nonni , gli zii , tutti quei soggetti con cui ci siamo confrontati nel corso del nostro percorso educativo.
E’ chiaro che è stata colta l’occasione della tragedia ultima per continuare a colpire la famiglia nel suo valore sociale ,ma la famiglia comunque lo si voglia, rappresenta ancora l’unico baluardo vero , credibile per contrastare il dilagare della barbarie.
Potremmo mai pensare ad un controllo sull’utilizzo dei social sui parte dei minori fuori dal contesto famigliare?
La famiglia deve riconquistare il ruolo di luogo di incontro e di complicità che ti fa sentire sicuro e protetto , i nostri genitori quel viso e quel sorriso rassicurante che sa capirti che sa stimolarti per la ricerca dell’affermazione personale qualunque essa sia.
Ecco perché le politiche di governo hanno il preciso dovere di iniziare a sostenere la costruzione della famiglia e concedere ogni aiuto possibile affinché si possano ritrovare quei valori di rispetto di tutti nessuno escluso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/11/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Don Centofanti: Vangelo del 27 maggio e commento

Gv 21,20-25 Sabato 27 maggio 2023, VII settimana di Pasqua

Leggi tutto

Politica

ORA E SEMPRE UN PRESIDENTE

Proporre una riflessione politica a caldo sarebbe esercizio falso e retorico e quindi lo scarto a priori. Quando questa mattina, prima ancora dei giornali, mi arriva la notizia della morte di Silvio Berlusconi via watusp dall’amico Mario Adinolfi la prima cosa che mi è venuto spontaneo ed immediato fare è stato riguardare gli scatti sul cellulare che ci hanno ritratto insieme. Sì, quando perdi fisicamente qualcuno che ti è caro cerchi quasi inconsciamente di non lasciarlo andare imprimendo il suo volto nella testa e nel cuore.

Leggi tutto

Storie

Colombo, inflazione all’80 per cento

Circa il 34% degli srilankesi ha fatto ricorso a queste risorse, mentre il 45% di coloro che hanno impegnato i propri gioielli o i propri motorini a tre ruote non sono riusciti a riscattarli. Alcune famiglie si sono suicidate dopo aver ipotecato la casa e molti studenti hanno rinunciato all’università

Leggi tutto

Storie

Minaccia Polfer con cocci di vetro e ferri arrugginiti

Minaccia Polfer con cocci di vetro e ferri arrugginiti. Mosap: “Con taser intervento più semplice”

Leggi tutto

Storie

A Trento il festival dello sport

Saranno più di 150 gli eventi e oltre 200 gli ospiti nazionali e internazionali che daranno vita alla sesta edizione de “Il Festival dello Sport”, dal titolo “La Grande Bellezza”, in programma a Trento dal 12 al 15 ottobre.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Cittadini in carcere per presunta blasfemia e uso improprio della legge

La Commissione permanente per i diritti umani del Senato del Pakistan ha reso noto che 179 cittadini pakistani si trovano attualmente in detenzione, e in attesa di processo, con l’accusa di blasfemia. Inoltre 17 persone sono già state condannate per il reato di blasfemia e attendono un secondo grado di giudizio. Le statistiche, definite “strazianti” dalla Commissione nazionale per i diritti umani del Pakistan (NHRC) che ha raccolto ed elaborato i dati, sono state diffuse in seguito all’incidente avvento a scorso agosto a Jaranwala, località del Punjab che ha visto una folla violenta distruggere numerose case e chiese, a causa di una presunta accusa di blasfemia a carico di due cristiani.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano